ULTIM'ORA

28 dicembre 1937-Muore il musicista Maurice Ravel,autore del Bolero

Joseph-Maurice Ravel (Ciboure, 7 marzo 1875 – Parigi, 28 dicembre 1937) è stato un compositore, pianista e direttore d’orchestrafrancese. Il suo brano più celebre per orchestra è certamente Boléro. Molto nota è anche l’orchestrazione, realizzata nel 1922, dei Quadri di un’esposizione di Modest Mussorgsky. Egli stesso descrisse il suo Boléro come “una composizione per orchestra senza musica”. Le orchestrazioni di Ravel sono da apprezzare in modo particolare per l’utilizzo delle diverse sonorità e per la complessa strumentazione.

Biografia

Maurice Ravel nacque nei pressi di Ciboure il 7 marzo del 1875, nella regione basca francese, ai confini con la Spagna. Suo padre, Joseph Ravel (1832-1908), era un apprezzato ingegnere civile, di ascendenza svizzera e savoiarda Ravex. Sua madre, Marie Delouart-Ravel (1840-1917), era di origine basca, discendente di una vecchia famiglia spagnola Deluarte o Eluarte. Ebbe un fratello, Édouard Ravel (1878-1960), con cui mantenne durante tutta la vita una forte relazione affettiva.

All’età di sette anni, Ravel iniziò a studiare il pianoforte al Conservatorio di Parigi. Durante i suoi studi a Parigi, Ravel incontrò e frequentò numerosi compositori giovani, e innovativi, che usavano chiamarsi Les Apaches per la loro vita sregolata. Studiò musica con Gabriel Fauré per quattordici straordinari anni. In questo periodo, Ravel provò diverse volte a vincere il prestigioso premio Prix de Rome, inutilmente. Dopo uno scandalo che implicò anche la mancata assegnazione del premio a Ravel, Maurice abbandonò il conservatorio. Questo incidente comportò anche le dimissioni del direttore del conservatorio. Ravel fu influenzato da diversi stili musicali legati a diverse parti del mondo: il jazz , la musica asiatica e le canzoni popolari tradizionali di tutta Europa. Maurice non fu religioso: non gli piacevano i temi di carattere spiccatamente religioso degli altri compositori, come Richard Wagner, e preferiva studiare la mitologia classica per ispirarsi.

Durante la Prima guerra mondiale non poté essere arruolato per la sua età e la salute debole: diventò un autista di ambulanza. A partire dal 1927 soffrì di una misteriosademenza progressiva, che gli toglieva gradualmente la capacità di parlare, scrivere e suonare. Le ipotesi sulla sua patologia, che vanno dall’Alzheimer all’afasia di Wernicke, sono da decenni oggetto di studi accademici specifici (elenco completo su: http://www.maurice-ravel.net/bibliogmed.htm). Tra i suoi pochi allievi si ricordano Maurice Delage eRalph Vaughan Williams.

Nel 1932 Ravel fu coinvolto in un incidente d’auto piuttosto grave a seguito del quale la sua produzione artistica diminuì sensibilmente. Colpito da ictus all’emisfero sinistro delcervello, non fu più in grado di leggere la musica, ma poté continuare a dirigere l’orchestra. Le sue condizioni peggiorarono inesorabilmente fino al 1937 quando, il 18 dicembre, fu operato alla testa dal chirurgo Clois Vincent. L’intervento confermò l’atrofia cerebrale ed escluse la presenza di un tumore. Morì dieci giorni più tardi.

I ricercatori Luigi Amaducci, Enrico Grassi e Francois Boller nello studio “Maurice Ravel and right-hemisphere musical creativity: influence of disease on his last musical works?” pubblicato su European Journal of Neurology (v. 9, pagine 75 – 82 del 2002) sostengono la tesi che sia possibile riscontrare gli effetti della neuropatia del compositore nelle sue opere, incluso il celeberrimo “Bolero”. In particolare Francois Boller ritiene che la complessità ritmica del capolavoro di Ravel attesti la funzionalità dell’emisfero destro, mentre la presenza di soli due temi, a differenza della sua precedente produzione, sia emblematica della compromissione dell’emisfero sinistro. Il ricercatore conclude che Ravel soffrisse di due distinte patologie: un’afasia progressiva primaria ed una degenerazione corticobasale. Di fatto non perse la capacità di comporre ed elaborare musica, ma quella di esprimerla. (“Le Scienze” 23.01.2002).

Politicamente era socialista, amico di Leon Blum, Presidente del Consiglio francese tra il 1936 e ’38, e assiduo lettore del quotidiano “Le Populaire”.

Musica

Opere

 

 
Lista delle composizioni di Maurice Ravel (1875-1937), ordinate per data di composizione e per genere. L’ordine cronologico delle opere coincide con quello stabilito dai numeri di catalogo assegnati dal musicologo Marcel Marnat.

  • 1, Sonata per pianoforte (1888, un movimento soltanto, perduto)
  • 2, Variazioni su un tema di Grieg (La morte di Åse dal Peer Gynt) per pianoforte (1888)
  • 3, Variazioni su un tema di Schumann (corale Freu dich, o meine Seele dall’Album per la gioventù, Op. 68) per pianoforte (1888)
  • 4, Ballade de la reine morte d’aimer (“En Bohème était une reine”), canzone in re minore per voce e pianoforte su testo di Roland de Marès (1893)
  • 5, Sérénade grotesque, in fa diesis minore per pianoforte (1892–93)
  • 6, Un grand sommeil noir, canzone in do diesis minore per voce grave e pianoforte su testo di Paul Verlaine (1895)
  • 7, Menuet antique, in fa diesis minore per pianoforte (1895), per orchestra (1929)
  • 8, Habanera, in fa diesis minore per due pianoforti (1895), per orchestra[1] (1907)
  • 9, Sainte (“À la fenêtre recélant”), canzone in sol minore per voce e pianoforte su testo di Stéphane Mallarmé (1896)
  • 10, D’Anne jouant l’espinette (“Lorsque je voy en ordre la brunette”), canzone in do diesis minore per voce e clavicembalo o pianoforte su testo di Clément Marot (1896)
  • 11, La parade, per pianoforte (1896, schizzi per un balletto incompiuto per uno scenario di Antonine Meunier)
  • 12, Sonate # 1 pour piano et violon, sonata in la minore per pianoforte e violino, nota come la Sonata postuma (1897, un movimento soltanto)
    • Allegro
  • 13, Entre cloches, in fa minore per due pianoforti (1897)
  • 14, Valse, valzer in re maggiore per pianoforte (1898)
  • 15, Chanson du rouet (“O mon cher rouet”), canzone in mi maggiore per voce e pianoforte su testo di Leconte de Lisle (1898)
  • 16, Si morne! (“Se replier toujours, sur soi-même”), canzone in fa diesis minore per voce e pianoforte su testo di Émile Verhaeren (1898)
  • 17, Shéhérazade, ouverture de féerie, per orchestra (1898), per due pianoforti (1898)
  • 18, Olympia, opera su L’uomo della sabbia di E. T. A. Hoffmann (1898–99, schizzi distrutti per un’opera incompiuta)
    • Symphonie horlogère [2]
  • 19, Pavane pour une infante défunte, in sol maggiore per pianoforte (1899), per orchestra (1910)
  • 20, Fuga per pianoforte (1899), perduta
  • 21, D’Anne qui me jecta de la neige (“Anne par jeu me jecta de la neige”), canzone in sol diesis minore per voce e pianoforte su testo di Clément Marot (1899)
  • 22, Callerhoe, cantata (1900, in parte perduta)
  • 23, Fuga in re maggiore per pianoforte (1900)
  • 24, Fugue à quatre voix, su un tema in fa maggiore di Napoléon Henri Reber per pianoforte (1900)
  • 25, Les Bayadères per soprano, coro misto e orchestra (1900)
  • 26, Preludio e fuga per pianoforte (1900)
  • 27, Fuga in fa maggiore per pianoforte (1900)
  • 28, Tout est lumière per soprano, coro misto e orchestra (1900)
  • 29, Myrrha, cantata per soprano, tenore, baritono e orchestra su testo di Fernand Beissier ispirato da Lord Byron (1901)
  • 30, Jeux d’eau, in mi maggiore per pianoforte (1901)
  • 31, Semiramis, cantata (1902, in parte perduta)
  • 32, Fuga in si (mi?) bemolle per pianoforte (1902)
  • 33, La nuit, in mi bemolle maggiore, per soprano, coro misto e orchestra (1902)
  • 34, Alcyone, per soprano, contralto, tenore e orchestra su testo di Eugène Adenis ed Edouard Adenis ispirato da Ovidio (1902)
  • 35, Quartetto d’archi in fa maggiore (1902–03)
    • Allegro moderato, tres doux
    • Assez vif, très rythmé
    • Très lent
    • Vif et agité
  • 36, Fuga in mi minore per pianoforte (1903)
  • 37, Matinée en/de Provence, in la maggiore per soprano, coro misto e orchestra (1903)
  • 38, Alyssa, cantata per soprano, tenore, baritono e orchestra su testo di Marguerite Coiffier (1903)
  • 39, Manteau des fleurs, canzone in re diesis minore per voce e pianoforte su testo di Paul Gravollet (1903), per orchestra (?)
  • 40, Sonatine, in fa diesis minore per pianoforte (1903–05)
    • Modéré
    • Mouvement de menuet
    • Animé
  • 41, Shéhérazade, ciclo di canzoni per soprano o tenore e orchestra su testo di Tristan Klingsor (1903), per voce e pianoforte (1903) [3]
    • Asie, in mi bemolle minore
    • La flûte enchantée (“L’ombre est douce et ton maître dort”), in si bemolle maggiore
    • L’indifférent (“Tes yeux sont doux comme ceux d’une fille”), in do diesis minore
  • 42, Minuetto in do diesis minore per pianoforte (1904)
  • 43, Miroirs per pianoforte (1904–05)
    • Noctuelles, in re bemolle maggiore
    • Oiseaux tristes, in mi bemolle minore
    • Une barque sur l’océan, fa diesis minore
    • Alborada del gracioso, re minore
    • La vallée des cloches, do diesis minore
  • 43a, Miroirs [4] (1906-18)
    • Une barque sur l’océan, in fa diesis minore (1906, revisionato nel 1926)
    • Alborada del gracioso, in re minore (1918)
  • 44, Fuga in do per pianoforte (1905)
  • 45, L’aurore, in mi bemolle maggiore per tenore, coro misto e orchestra (1905)
  • 46, Introduction et allegro pour harpe, flûte, clarinette et quatuor à cordes, introduzione e allegro in sol bemolle maggiore per arpa, flauto, clarinetto e quartetto d’archi (1905), per due pianoforti (1905)
  • 47, Noël des jouets (“Le troupeau verni des moutons”), canzone in mi minore e maggiore per voce e pianoforte su testo di Ravel stesso (1905), per voce e orchestra (1906, revisionato nel 1913)
  • 48, Les grands vents venus d’outre-mer, canzone in mi bemolle maggiore per voce e orchestra su testo di Henri de Régnier (1906)
  • 49, La cloche engloutie, opera progettata su libretto di Ferdinand Hérold da un testo di Gerhart Hauptmann (1906–12, partitura distrutta dal compositore)
  • 50, Histoires naturelles, ciclo di canzoni per voce media e pianoforte su testo di Jules Renard (1906)
    • Le paon (“Il va surement se marier aujourd’hui”), in fa maggiore
    • Le grillon (“C’est l’heure où, las d’errer”), in la minore
    • Le cygne (“Il glisse sur le bassin”) in si maggiore
    • Le martin-pêcheur (“Ça n’a pas mordu, ce soir”), in fa diesis maggiore
    • La pintade (“C’est la bossue de ma cour”), in mi maggiore
  • 51, Vocalise-étude en forme de habanera, canzone in sol minore per voce grave e pianoforte (1907)
  • 52, L’heure espagnole, opera/commedia in un atto per cinque voci e orchestra su libretto di Franc-Nohain (1907), per 5 voci e pianoforte (1907)
  • 53, Sur l’herbe (“L’abbé divague”), canzone in do diesis minore per voce e pianoforte su testo di Paul Verlaine (1907)
  • 54, Rapsodie espagnole, per orchestra (1907)
    • Prélude à la nuit, in la minore
    • Malagueña, in la minore
    • Habanera, in fa diesis minore[1]
    • Feria, in do maggiore
  • 55, Gaspard de la nuit per pianoforte su testo di Aloysius Bertrand (1908)
    • Ondine, in do diesis maggiore
    • Le gibet, in mi bemolle minore
    • Scarbo, in si maggiore
  • 56, Pavane de la Belle au bois dormant, in la minore per pianoforte a quattro mani, ispirata da Charles Perrault (1908)
  • 57, Daphnis et Chloé, balletto/sinfonia coreografica in la maggiore per coro misto e orchestra in tre parti su testo di Michel Fokine e di Ravel stesso ispirato da Longo Sofista(1909–12), per coro misto e pianoforte (1910)
  • 57a, Daphnis et Chloé. Suite d’orchestre n°1, suite/frammenti sinfonici per coro misto e orchestra o orchestra non accompagnata (1911)
    • Nocturne avec choeur a capella ou orchestration seulement
    • Interlude
    • Danse guerrière
  • 57b, Daphnis et Chloé. Suite d’orchestre n°2, suite/frammenti sinfonici per orchestra (1912-13)
    • Lever du jour
    • Pantomime
    • Danse générale
  • 57c, Danse gracieuse de Daphnis, suite per pianoforte (1913)
    • Nocturne
    • Interlude et Danse guerrière
    • Scène de Daphnis et Chloé
  • 58, Menuet sur le nom de Haydn, in sol maggiore per pianoforte (1909)
  • 59, Saint François d’Assise, cantata per soli, coro e orchestra su testo dai Fioretti di Francesco d’Assisi (1909–10, perduto)
  • 60, Ma mère l’oye, pezzi per pianoforte a quattro mani sui racconti di Perrault e di Madame d’Aulnoy (1908–10)[5]
    • Pavane de la belle au bois dormant
    • Petit poucet
    • Laideronnette, impératrice des pagodes
    • Les entretiens de la belle et de la bête
    • Le jardin féerique
  • 61, Valses nobles et sentimentales per pianoforte (1911), per orchestra (1912)
  • 62, Ma mère l’oye, balletto[5] (1911–12)
  • 63, À la manière de… per pianoforte (1912–13)
    • Borodine
    • Chabrier
  • 64, Trois poèmes de Stéphane Mallarmé, ciclo di canzoni per voce ed ensemble (1913), per voce e pianoforte (1913)
    • Soupir
    • Placet futile
    • Surgi de la croupe et du bond
  • 65, Preludio per pianoforte (1913)
  • 66, Zaspiak-Bat, schizzi su temi baschi per pianoforte e orchestra (1913–14)
  • 67, Trio con pianoforte in la minore (1914)
    • Modéré
    • Pantoum. Assez vif
    • Passacaille. Très large
    • Final. Animé
  • 68, Le tombeau de Couperin per pianoforte (1914–17)
    • Prélude
    • Fugue
    • Forlane
    • Rigaudon
    • Menuet
    • Toccata
  • 68a, Le tombeau de Couperin[6] (1919)
    • Prélude
    • Forlane
    • Menuet
    • Rigaudon
  • 69, Tre canzoni per coro misto non accompagnato su testo di Ravel stesso (1914–15), per voce media e pianoforte (1915)
    • Nicolette
    • Trois beaux oiseaux du paradis
    • Ronde
  • 70, Frontispice per due pianoforti a cinque mani (1918)
  • 71, L’enfant et les sortilèges, fantasia lirica su testo di Colette con 21 ruoli per soprani, mezzosoprani, tenori, bassi, coro misto e di bambini e orchestra
  • 72, La valse, poema coreografico per orchestra (1919–20)
  • 73, Sonate pour violon et violoncelle, sonata per violino e violoncello (1920–22)
    • Allegro (la mineur)
    • Très vif (la mineur)
    • Lent (la mineur)
    • Vif, avec entrain (do majeur)
  • 74, Berceuse sur le nom de Gabriel Fauré, per violino e pianoforte (1922)
  • 75, Ronsard à son âme, canzone per voce e pianoforte su una douzain di Pierre de Ronsard (1923–24), per orchestra (1935)
  • 76, Tzigane, rapsodia per violino e pianoforte o orchestra (1924)
  • 77, Sonate # 2 pour violon et piano, sonata per violino e pianoforte (1923–27)
    • Allegretto (sol majeur)
    • Blues. Moderato (la bémol majeur)
    • Perpetuum mobile. Allegro (sol majeur)
  • 78, Chansons madécasses, ciclo di canzoni per soprano, flauto, violoncello, e pianoforte su testo di Evariste-Désiré Parny de Forges (1925–26)
    • Nahandove
    • Aoua
    • Il est doux
  • 79, Rêves, canzone per voce e pianoforte su testo di Léon-Paul Fargue (1927)
  • 80, Fanfare (1929 al Palais Garnier di Parigi, Ravel fu uno dei dieci compositori francesi che contribuirono alla danza per il balletto di bambini L’éventail de Jeanne)
  • 81, Boléro, balletto (1928), per pianoforte a quattro mani (1929)
  • 82, Concerto per pianoforte in re per la mano sinistra (1929–30)
  • 83, Concerto per pianoforte in sol (1929–31)
  • 84, Don Quichotte à Dulcinée, ciclo di canzoni per baritono e orchestra su testo di Paul Morand (1932–33)
    • Chanson romanesque
    • Chanson épique
    • Chanson à boire
  • 85, Morgiane, oratorio-balletto per soli, coro e orchestra (1932), solo schizzi

Per genere

Musica di scena

  • 18, Olympia, opera su L’uomo della sabbia (1898–99) di E. T. A. Hoffmann, schizzi distrutti
    • Symphonie horlogère (incorporata nell’apertura del n. 52, L’heure espagnole)
  • 49, La cloche engloutie, opera progettata (1906–12), distrutta da Ravel
  • 52, L’heure espagnole, opera su libretto di Franc-Nohain (1907)
  • 57, Daphnis et Chloé, balletto (1909–12)
  • 62, Ma mère l’oye, balletto orchestrato dalla suite di duetti per pianoforte a quattro mani n. 60 (1911–12) con due pezzi aggiunti
  • 71, L’enfant et les sortilèges, fantasia lirica su testo di Colette con 21 ruoli per soprani, mezzosoprani, tenori, bassi, coro misto e di bambini e orchestra
  • 80, Fanfare (1927, Ravel fu uno dei dieci compositori francesi che contribuirono alla danza per il balletto di bambini L’éventail de Jeanne)
  • 85, Morgiane, oratorio-balletto per soli, coro e orchestra (1932), solo schizzi

Musica orchestrale

  • Quadri da un’esposizione, orchestrazione della suite per pianoforte di Mussorgskij (1922)
  • 7, Menuet antique per pianoforte (1895), per orchestra (1929)
  • 17, Shéhérazade, ouverture de féerie per orchestra (1898)
  • 19, Pavane pour une infante défunte per pianoforte (1899), per orchestra (1910)
  • 43a, Miroirs, orchestrazione di pezzi scelti dal n. 43 (1906-18)
    • Une barque sur l’océan (1906)
    • Alborada del gracioso (1918)
  • 54, Rapsodie espagnole, per orchestra (1907)
    • Prélude à la nuit
    • Malagueña
    • Habanera (orchestrazione della Habanera per due pianoforti del 1895, n. 8)
    • Feria
  • 57a, Daphnis et Chloé. Suite d’orchestre n°1, suite per orchestra (1911)
    • Nocturne avec choeur a capella ou orchestration seulement
    • Interlude
    • Danse guerrière
  • 57b, Daphnis et Chloé. Suite d’orchestre n°2, suite per orchestra (1912)
    • Lever du jour
    • Pantomime
    • Danse générale
  • 60, Ma mère l’oye, pezzi per pianoforte a quattro mani sui racconti di Perrault e di Madame d’Aulnoy (1908–10, orchestrato nel 1911)
    • Pavane de la belle au bois dormant
    • Petit poucet
    • Laideronnette, impératrice des pagodes
    • Les entretiens de la belle et de la bête
    • Le jardin féerique
  • 61, Valses nobles et sentimentales per pianoforte (1911), per orchestra (1912)
  • 68a, Le tombeau de Couperin[6] (1919)
    • Prélude
    • Forlane
    • Menuet
    • Rigaudon
  • 72, La valse, poema coreografico per orchestra (1919–20)
  • 81, Boléro, balletto (1928), per pianoforte a quattro mani (1929)

Musica concertante

  • 66, Zaspiak-Bat, schizzi su temi baschi per pianoforte e orchestra (1913–14)
  • 76, Tzigane, rapsodia per violino e pianoforte o orchestra (1924)
  • 82, Concerto per pianoforte in re per la mano sinistra (1929–30)
  • 83, Concerto per pianoforte in sol (1929–31)

Musica vocale orchestrale

  • 22, Callirhoe, cantata (1900), in parte perduta
  • 25, Les Bayadères per soprano, coro misto e orchestra (1900)
  • 28, Tout est lumière per soprano, coro misto e orchestra (1900)
  • 29, Myrrha, cantata for soprano, tenore, baritono e orchestra (1901)
  • 30, Jeux d’eau per pianoforte (1901)
  • 31, Semiramis, cantata (1902), in parte perduta
  • 33, La nuit per soprano, coro misto e orchestra (1902)
  • 34, Alcyone for soprano, contralto, tenore e orchestra (1902)
  • 37, Matinée en Provence per soprano, coro misto e orchestra (1903)
  • 38, Alyssa, cantata per soprano, tenore, baritono e orchestra (1903)
  • 41, Shéhérazade, ciclo di canzoni per soprano o tenore e orchestra, su testo di Tristan Klingsor (1903)
    • Asie
    • La flûte enchantée
    • L’indifférent
  • 45, L’aurore, per tenore, coro misto e orchestra (1905)
  • 47, Noël des jouets (“Il Natale dei giocattoli”), canzone per voce e pianoforte (1905), per voce e orchestra (1906)
  • 59, Saint François d’Assise per soli, coro, e orchestra (1909–10), perduto
  • 75, Ronsard à son âme, canzone per voce e pianoforte su una douzain di Pierre de Ronsard (1923–24), per orchestra (1935)
  • 84, Don Quichotte à Dulcinée, ciclo di canzoni per baritono e orchestra su testo di Paul Morand (1932–33)
    • Chanson romanesque
    • Chanson épique
    • Chanson à boire

Musica da camera

  • 12, Sonate # 1 pour piano et violon, sonata per pianoforte e violino (1897, postuma, un movimento)
    • Allegro
  • 35, Quartetto d’archi in fa (1902–03)
    • Allegro moderato, tres doux
    • Assez vif, très rythmé
    • Très lent
    • Vif et agité
  • 46, Introduction et allegro pour harpe, flûte, clarinette et quatuor à cordes, introduzione e allegro per arpa, flauto, clarinetto e quartetto d’archi (1905)
  • 67, Trio con pianoforte in la minore (1914)
    • Modéré
    • Pantoum. Assez vif
    • Passacaille. Très large
    • Final. Animé
  • 73, Sonate pour violon et violoncelle, sonata per violino e violoncello (1920–22)
    • Allegro (la mineur)
    • Très vif (la mineur)
    • Lent (la mineur)
    • Vif, avec entrain (do majeur)
  • 74, Berceuse sur le nom de Gabriel Fauré, per violino e pianoforte (1922)
  • 76, Tzigane, rapsodia per violino e pianoforte o orchestra (1924)
  • 77, Sonate # 2 pour violon et piano, sonata per violino e pianoforte (1923–27)
    • Allegretto (sol majeur)
    • Blues. Moderato (la bémol majeur)
    • Perpetuum mobile. Allegro (sol majeur)

Musica per pianoforte

  • 1, Movimento di una sonata (1888), perduto
  • 2, Variazioni su un tema di Grieg (La morte di Åse dal Peer Gynt, 1888)
  • 3, Variazioni su un tema di Schumann (corale Freu dich, o meine Seele dall’Album per la gioventù, Op. 68, 1888)
  • 5, Sérénade grotesque (1892–93)
  • 7, Menuet antique (1895)
  • 11, La parade (1896)
  • 14, Valzer in re (1898)
  • 19, Pavane pour une infante défunte
  • 20, Fuga (1899), perduta
  • 23, Fuga in re (1900)
  • 24, Fugue à quatre voix su un tema di Napoléon Henri Reber in fa (1900)
  • 26, Preludo e fuga (1900)
  • 27, Fuga in fa (1900)
  • 30, Jeux d’eau (1901)
  • 32, Fuga in si bemolle (1902)
  • 36, Fuga in mi minore (1903)
  • 40, Sonatine (1903–05)
    • Modéré
    • Mouvement de menuet
    • Animé
  • 42, Minuetto in do diesis minore (1904)
  • 43, Miroirs (1904–05)
    • Noctuelles
    • Oiseaux tristes
    • Une barque sur l’océan
    • Alborada del gracioso
    • La vallée des cloches
  • 44, Fuga in do (1905)
  • 55, Gaspard de la nuit su testo di Aloysius Bertrand (1908)
    • Ondine
    • Le gibet
    • Scarbo
  • 57c, Danse gracieuse de Daphnis, suite (1913)
    • Nocturne
    • Interlude et Danse guerrière
    • Scène de Daphnis et Chloé
  • 58, Menuet sur le nom de Haydn (1909)
  • 61, Valses nobles et sentimentales (1911)
  • 63, À la manière de… (1912–13)
    • Borodine
    • Chabrier
  • 65, Preludio (1913)
  • 68, Le tombeau de Couperin (1914–17)
    • Prélude
    • Fugue
    • Forlane
    • Rigaudon
    • Menuet
    • Toccata

Musica vocale strumentale

  • 4, Ballade de la reine morte d’aimer, canzone per voce e pianoforte su testo di Roland de Marès (1893)
  • 6, Un grand sommeil noir, canzone per voce grave e pianoforte su testo di Paul Verlaine (1895)
  • 9, Sainte, canzone per voce e pianoforte su testo di Stéphane Mallarmé (1896)
  • 10, D’Anne jouant l’espinette, canzone per voce e clavicembalo o pianoforte su testo di Clément Marot (1896)
  • 15, Chanson de rouet, canzone per voce e pianoforte su testo di Leconte de Lisle (1898)
  • 16, Si morne!, canzone per voce e pianoforte su testo di Émile Verhaeren (1898)
  • 21, D’Anne qui me jecta de la neige, canzone per voce e pianoforte su testo di Clément Marot (1899)
  • 39, Manteau des fleurs, canzone per voce e pianoforte su testo di Paul Gravollet (1903)
  • 47, Noël des jouets (“Il Natale dei giocattoli”), canzone per voce e pianoforte (1905), per voce e orchestra (1906)
  • 48, Les grands vents venus d’outre-mer, canzone per voce e orchestra su testo di Henri de Régnier (1906)
  • 50, Histoires naturelles, ciclo di canzoni per voce media e pianoforte su testo di Jules Renard (1906)
    • Le paon
    • Le grillon
    • Le cygne
    • Le martin-pêcheur
    • La pintade
  • 51, Vocalise-étude en forme de habanera, canzone per voce grave e pianoforte (1907)
  • 53, Sur l’herbe, canzone per voce e pianoforte su testo di Paul Verlaine (1907)
  • 64, Trois poèmes de Stéphane Mallarmé, ciclo di canzoni per voce ed ensemble (1913), per voce e pianoforte (1913)
    • Soupir
    • Placet futile
    • Surgi de la croupe et du bond
  • 69, Tre canzoni per coro misto non accompagnato su testo di Ravel (1914–15), per voce media e pianoforte (1915)
    • Nicolette
    • Trois beaux oiseaux du paradis
    • Ronde
  • 75, Ronsard à son âme, canzone per voce e pianoforte su una douzain di Pierre de Ronsard (1923–24), per orchestra (1935)
  • 78, Chansons madécasses, ciclo di canzoni per soprano, flauto, violoncello, e pianoforte su testo di Evariste-Désiré Parny de Forges (1925–26)
    • Nahandove
    • Aoua
    • Il est doux
  • 79, Rêves, canzone per voce e pianoforte su testo di Léon-Paul Fargue (1927)

Musica corale

  • 69, Tre canzoni per coro misto non accompagnato su testo di Ravel (1914–15), per voce media e pianoforte (1915)
    • Nicolette
    • Trois beaux oiseaux du paradis
    • Ronde

Influenza musicale

Ravel fu influenzato non solo da Debussy, ma anche dalla musica russa e spagnola, e dal jazz degli Stati Uniti, come si desume dal movimento intitolato Blues della sua sonata per violino e pianoforte e dal clima del Concerto per pianoforte per la mano sinistra, dedicato al pianista Paul Wittgenstein mutilato in guerra. Maurice Ravel è considerato impressionista al pari di Debussy, ma anche imitando lo stile di altri, il carattere tipico delle composizioni di Ravel rimane evidente. Nell’anno 1928 Ravel affermò che “la maggiore paura dei compositori americani è quella di trovare in se stessi strani impulsi al distacco dalle regole accademiche: a questo punto i musicisti, da buoni borghesi, compongono la loro musica secondo le regole classiche dettate dalla tradizione europea”. Quando il compositore statunitense George Gershwin incontrò Ravel, gli parlò del desiderio di studiare, se possibile, con il compositore francese. Quest’ultimo rispose: “Perché dovresti essere un Ravel di secondo livello quando puoi essere un Gershwin di primo livello?” Alcuni appunti e frammenti confermano l’influenza che la musica basca ebbe sul compositore. Ravel commentò che André Gedalge, il suo professore di contrappunto, fu fondamentale per lo sviluppo delle sue qualità compositive. Ravel studiò con grande perizia e meticolosità le possibilità espressive dei singoli strumenti, per poterne determinare gli effetti: fu questa la caratteristica che permise il successo delle sue trascrizioni per orchestra, sia delle sue composizioni per pianoforte sia di quelle degli altri compositori.

Informazioni su diego80 (1909 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: