ULTIM'ORA

Chiese della Valle-Prima puntata-Sant’Antonio Abbandonato,Cerro,Catremerio,Malentrata

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La rustica Chiesetta di Malentrata, dotata di un piccolo sagrato, è situata invece su una rampa prativa tra Malentrata Bassa e Ca’ Zanardi, attigua all’antica mulattiera che sale a S. Antonio.

Presenta un’architettura rustica settecentesca, con un apparato murario esterno perfetto a tal punto che l’omogeneità della pietra ha reso superfluo l’intonaco. Costruita nel 1736 ad opera di Bernardino Rota, è dedicata a San Filippo Neri e San Martino, che compaiono, accanto alla Vergine, sulla tela dell’abside.

La chiesetta, posta tra verdi prati scoscesi, costruita tutta in pietra a vista con il tetto in coppi, con il piccolo campanile ed il singolare camino della canonica, si staglia pittorescamente sulle pendici della montagna.

Ogni anno nel periodo di San Marino, la contrada festeggia  con funzioni religiose con processione e servizio di cucina presso la scuola nei week end a cavallo della ricorrenza.

Parrocchia di Brembilla. – Via Malentrata  –  Val Brembilla – Tel. 0345 98065

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A breve distanza dalla contrada della Foppa del Cerro, salendo lungo la mulattiera, si incontra l’altra principale contrada del Cerro, Rudino. All’interno della contrada di Rudino, al Cerro di Brembilla  spicca la piccola chiesetta dell’Annunciata col suo rustico campanile. La chiesa fu costruita nel 1910 su un preesistente  oratorio del ‘600. Il pittoresco campanile, diversamente dalla chiesetta, è privo di intonaco, ma con l’apparato murario perfetto e ben conservato.

Ogni anno a fine a cavallo del 25 Aprile  la contrada festeggia la Madonna Annunciata  con funzioni religiose con processione, asta di oggetti e animali e servizio di cucina presso la scuola nei week end a cavallo della ricorrenza.

Parrocchia di Brembilla  – Via Cerro  –  Val Brembilla – Tel. 0345 98065

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

La piccola chiesa risale agli inizi dell‘ottocento e sorge su una settecentesca cappella dedicata a san Gaetano, santo patrono di Catremerio. La chiesetta è stata oggetto di diversi ampliamenti, sino ad assumere l’attuale dimensione agli inizi del Novecento, periodo in cui il borgo contava 310 abitanti e divenne parrocchia autonoma staccandosi da Brembilla. Dal 1986 la parrocchia di San Gaetano di Catremerio è aggregata a Sant’Antonio Abbandonato. La festa del patrono si celebra nella prima metà di Agosto, con funzioni, processione e festeggiamenti che durano tre giorni con grande afflusso di gente ed emigrati.

Parrocchia di Sant Antonio Abbandonato – Via Catremerio, Val Brembilla – Tel. 0345 93179

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

La Chiesa di Sant’Antonio. Diversi documenti del 1440 citano di una piccola Cappella dedicata a S. Antonio nella contrada di Castignola. Don Marchisio dei Frati Serviti di Zogno, nel 1487, celebrava la messa domenicale. Nel 1500 fu ospitato un eremita che svolgeva anche mansioni pastorali; dopo di lui, la domenica, un curato saliva da Brembilla per le funzioni e la dottrina. All’inizio del 1800, sulla base di un fondo lasciato da alcuni fedeli di S. Antonio, viene costruita una chiesa nuova più capiente, costruita perpendicolarmente a quella primitiva.

La nuova parrocchia viene costituita il 22 luglio 1887 dal Vescovo Guindani e comprende una decina di contrade: Prisa Alta, Prisa Bassa, Zernione e Colle appartenenti al comune di Zogno; Castignola di Qua e di Là, Tiglio, Moia, Caìs, Muraca e Stalla appartenenti al comune di Brembilla. La chiesa è nuovamente ampliata di ben 7 metri e viene corredata dalla sagrestia.

Gli affreschi delle volte furono eseguiti da Umberto Marigliani, che ritrasse scene della vita di S. Antonio, gli evangelisti, S. Carlo e S. Gregorio Barbarigo e, nella tazza sopra l’altare, il banchetto eucaristico. Dalla vecchia chiesa furono portati la tela di Carlo Ceresa (1630) che raffigura: Cristo Crocifisso, San Sebastiano, San Rocco, San Francesco d’Assisi e San Nicola da Tolentino. Di discreto valore artistico la pala di S. Antonio Abate patrono locale con S. Giovanni Battista e S. Lorenzo, patroni rispettivamente di Brembilla e Zogno. Interessante anche la pala della natività opera di Abramo Spinelli, inizio ‘900. A queste opere nel 1940 si aggiungerà la Via Crucis, opera di Gaetano Perarda.

Via S. Antonio Abbandonato, Val Brembilla – Tel. 0345 93179

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Informazioni su diego80 (1830 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: