ULTIM'ORA

Buon compleanno Valentino Rossi!

Il suo settimo titolo mondiale in Moto G.P.gli è sfuggito per un nulla, nell’ultima gara del famoso “complotto spagnolo” tra Marquez e Lorenzo a Valencia l’ 8 novembre scorso, dopo essere stato a lungo in testa. Ma Vale andrà da aprile a caccia nuovamente del titolo, perchè guai ad adagiarsi sugli allori e fermarsi. La storia va sempre riscritta, e al momento in Italia non sembrano esserci suoi degni eredi, se non da qualche guizzo di Fenati e Antonelli nella classe Moto 3, mentre Dovizioso e Iannone, nonostante abbiano talento, restano per ora solo dei buoni piazzati.

Unico al mondo a vincere in tutte le categorie motoristiche in cui ha corso (1 titolo in 125, uno in 250, uno nella 500 e ben 6 in voto G.P.), ha anche la striscia di 228 G.P. corsi consecutivamente. Ha fatto trionfare tre scuderie diverse (Aprilia, Honda e Yamaha), purtroppo solo con la Ducati non è riuscito a combinare molto. Oggi compie 37 anni, e nonostante sia il “vecchio” delle due ruote, la sua grinta e vitalità restano immutate. Auguri, ragazzo Vale.

Risultati in gara

Motomondiale

1996ClasseMotoFlag of Malaysia.svgFlag of Indonesia.svgFlag of Japan.svgFlag of Spain.svgFlag of Italy.svgFlag of France.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Austria.svgFlag of the Czech Republic.svgImola-Stemma.pngFlag of Catalonia.svgFlag of Brazil.svgFlag of Australia.svgPuntiPos.
125Aprilia6111144RitRit5Rit315RitRit14111
1997ClasseMotoFlag of Malaysia.svgFlag of Japan.svgFlag of Spain.svgFlag of Italy.svgFlag of Austria.svgFlag of France.svgFlag of the Netherlands.svgImola-Stemma.pngFlag of Germany.svgFlag of Brazil.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Catalonia.svgFlag of Indonesia.svgFlag of Australia.svgPuntiPos.
125Aprilia1Rit1121111113116321
1998ClasseMotoFlag of Japan.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Spain.svgFlag of Italy.svgFlag of France.svgBandera de Madrid.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgImola-Stemma.pngFlag of Catalonia.svgFlag of Australia.svgFlag of Argentina.svgPuntiPos.
250ApriliaRitRit222Rit1Rit3Rit1111201
1999ClasseMotoFlag of Malaysia.svgFlag of Japan.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgImola-Stemma.pngFlag of the Land of Valencia (official).svgFlag of Australia.svgFlag of South Africa.svgFlag of Brazil.svgFlag of Argentina.svgPuntiPos.
250Aprilia571Rit112111281113309
2000ClasseMotoFlag of South Africa.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Japan.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Portugal.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgFlag of Brazil.svgFlag of the Pacific Community.svgFlag of Australia.svgPuntiPos.
500HondaRitRit113312361223Rit123209
2001ClasseMotoFlag of Japan.svgFlag of South Africa.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Portugal.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgFlag of the Pacific Community.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Brazil.svgPuntiPos.
500Honda1113Rit121711111111325
2002ClasseMotoFlag of Japan.svgFlag of South Africa.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Portugal.svgFlag of Brazil.svgFlag of the Pacific Community.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPHonda121111111Rit112212355
2003ClasseMotoFlag of Japan.svgFlag of South Africa.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Portugal.svgFlag of Brazil.svgFlag of the Pacific Community.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPHonda1212123321112111357
2004ClasseMotoFlag of South Africa.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Brazil.svgFlag of Germany.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Portugal.svgFlag of Japan.svgFlag of Qatar.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha144111Rit41212Rit111304
2005ClasseMotoFlag of Spain.svgFlag of Portugal.svgFlag of the People's Republic of China.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United States.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Japan.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Qatar.svgFlag of Australia.svgFlag of Turkey.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha12111113111Rit21123367
2006ClasseMotoFlag of Spain.svgFlag of Qatar.svgFlag of Turkey.svgFlag of the People's Republic of China.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of Japan.svgFlag of Portugal.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha1414RitRit11821Rit2132213247
2007ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Spain.svgFlag of Turkey.svgFlag of the People's Republic of China.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of San Marino.svgFlag of Portugal.svgFlag of Japan.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha2110261241Rit47Rit11335Rit241
2008ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Spain.svgFlag of Portugal.svgFlag of the People's Republic of China.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of San Marino.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of Japan.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha5231112211211111213373
2009ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Japan.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of the United States.svgFlag of Germany.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of San Marino.svgFlag of Portugal.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha221163112151Rit14232306
2010ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Catalonia.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Japan.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of Portugal.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha132NPInfInfInf43543631323233
2011ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Spain.svgFlag of Portugal.svgFlag of France.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Italy.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Japan.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPDucati7553564696610710RitRitANRit139
2012ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Spain.svgFlag of Portugal.svgFlag of France.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of Italy.svgFlag of the United States.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Japan.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPDucati10972791365Rit772875710163
2013ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Texas.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of the United States.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Malaysia.svgFlag of Australia.svgFlag of Japan.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha26412Rit4133444434364237
2014ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Texas.svgFlag of Argentina.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Japan.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha2842232543331Rit3122295
2015ClasseMotoFlag of Qatar.svgFlag of Texas.svgFlag of Argentina.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Italy.svgFlag of Catalonia.svgFlag of the Netherlands.svgFlag of Germany.svgFlag of Indianapolis.svgFlag of the Czech Republic.svgFlag of the United Kingdom.svgFlag of San Marino.svgFlag of Aragon.svgFlag of Japan.svgFlag of Australia.svgFlag of Malaysia.svgFlag of the Land of Valencia (official).svgPuntiPos.
MotoGPYamaha131323213331532434325
Legenda1º posto2º posto3º postoA puntiSenza puntiGrassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non validaNon qual./Non part.Ritirato/Non class.Squalificato“-” Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

Campionato mondiale Rally

2002ScuderiaVetturaFlag of Monaco.svgFlag of Sweden.svgFlag of France.svgFlag of Spain.svgFlag of Cyprus.svgFlag of Argentina.svgFlag of Greece.svgFlag of Kenya.svgFlag of Finland.svgFlag of Germany.svgFlag of Italy.svgFlag of New Zealand.svgFlag of Australia.svgFlag of the United Kingdom.svgPuntiPos.
Michelin GrifonePeugeot 206 WRCRit0
2006ScuderiaVetturaFlag of Monaco.svgFlag of Sweden.svgFlag of Mexico.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Argentina.svgFlag of Italy.svgFlag of Greece.svgFlag of Germany.svgFlag of Finland.svgFlag of Japan.svgFlag of Cyprus.svgFlag of Turkey.svgFlag of Australia.svgFlag of New Zealand.svgFlag of the United Kingdom.svgPuntiPos.
Subaru Impreza WRC110
2008ScuderiaVetturaFlag of Monaco.svgFlag of Sweden.svgFlag of Mexico.svgFlag of Argentina.svgFlag of Jordan.svgFlag of Italy.svgFlag of Greece.svgFlag of Turkey.svgFlag of Finland.svgFlag of Germany.svgFlag of New Zealand.svgFlag of Spain.svgFlag of France.svgFlag of Japan.svgFlag of the United Kingdom.svgPuntiPos.
Ford Focus RS WRC120
Legenda1º posto2º posto3º postoA puntiSenza puntiRitiratoSqualificatoNon partito
Fonte dei dati: wrc.com, ewrc-results.com, autosport.com, rallybase.nl.

Statistiche nel Motomondiale

Statistiche aggiornate all’8 novembre 2015

Per stagione

StagioneClasseMotoGareVittoriePodiPoleGiri più
veloci
PuntiPosizione
finale
Titoli
1996125Aprilia RS 125 R1512121110
1997Aprilia RS 125 R151113473211
1998250Aprilia RSW 2501459032010
1999Aprilia RSW 25016912583091
2000500Honda NSR50016210052090
2001Honda NSR5001611134103251
2002MotoGPHonda RC211V161115793551
2003Honda RC211V169169123571
2004Yamaha YZR-M116911533041
2005Yamaha YZR-M1171116563671
2006Yamaha YZR-M117510542470
2007Yamaha YZR-M11848432410
2008Yamaha YZR-M118916253731
2009Yamaha YZR-M117613763061
2010Yamaha YZR-M114210122330
2011Ducati Desmosedici GP111701011390
2012Ducati Desmosedici GP121802011630
2013Yamaha YZR-M11816012370
2014Yamaha YZR-M118213112950
2015Yamaha YZR-M118415143250
Totale330112211619354189

Per classe

ClasseStagioni1º Gran Premio1º Podio1ª VittoriaGareVittoriePodiPoleGiri più
veloci
PuntiTitoli
1251996-1997Malesia 1996Austria 1996Rep. Ceca 1996301215594321
2501998-1999Giappone 1998Spagna 1998Olanda 19983014215115101
5002000-2001Sudafrica 2000Spagna 2000Gran Bretagna 20003213234155341
MotoGP2002-2015Giappone 2002Giappone 2002Giappone 200223873152475839296
Totale1996-2015330112211619354189

Palmarès

Alcuni caschi utilizzati da Rossi

La Honda NSR500 con cui Rossi ha debuttato nella classe regina nel 2000.

  • Campione Italiano Classe 125 (1) : 1995
  • Campione del Mondo Classe 125 (1) : 1997
  • Campione del Mondo Classe 250 (1) : 1999
  • Campione del Mondo Classe 500 (1) : 2001
  • Campione del Mondo MotoGP (6) : 2002, 2003, 2004, 2005, 2008, 2009
  • 8 ore di Suzuka (1) : 2001

Altri riconoscimenti

  • Laureus World Sports Awards: 2
Laureus Spirit of Sport: 2006
Laureus World Comeback of the Year: 2011
  • Telegatto: 1
Premio speciale di platino per lo sport: 2008
  • Diploma d’Onore: 2008[92]

Biografia

Figlio di Stefania Palma e di Graziano Rossi, a sua volta pilota motociclistico a cavallo degli anni settanta e ottanta, nasce a Urbino per poi crescere nell’ormai celebre paese di Tavullia, nelle Marche. Grazie alla passione motociclistica del padre, Valentino vive fin dal suo primo anno di vita a contatto con i motori:

«Andavamo sul piazzale della Berloni, legavo con una corda la sua macchinina dietro al mio motorino e lo trainavo mentre faceva i traversi e il controsterzo» Quanti anni aveva? «Forse manco due, me lo ricordo perché a due anni e mezzo ha avuto in regalo un motorino con le rotelle. Che ha tolto quasi subito» (il padre Graziano in un’intervista del febbraio 2015[3])

Fin da bambino usa sempre il numero 46, anche nelle annate in cui ha la possibilità di sfoggiare l’ 1 di campione in carica; è lo stesso numero precedentemente utilizzato nel Motomondiale dal padre e successivamente da un pilota giapponese di cui era molto appassionato.[4]

Dopo il divorzio, i suoi genitori hanno avuto altri due figli, nati entrambi nel 1997: il fratellastro da parte di madre Luca Marini, nato il 10 agosto, anch’egli pilota di moto[5] (nel Motomondiale dalla stagione 2016), e la sorellastra da parte paterna, Clara Rossi, nata a novembre.[6] Negli anni alcune riviste di gossip gli hanno associato svariate relazioni, mai confermate, con donne più meno famose; dal 2012 è però sentimentalmente legato alla modella Linda Morselli.

Carriera nel motociclismo

Gli inizi

A Tavullia, Valentino Rossi prende confidenza con i motori fin da piccolo, grazie al padre Graziano che corse nel motomondiale negli anni settanta, e mostra subito il suo talento. Inizia con i go kart prendendo la licenza con un anno di anticipo, a soli 9 anni,[7] ma passa presto alle più economiche minimoto, che al tempo non avevano ancora avuto lo sviluppo odierno, e prende la prima licenza come pilota del Moto Club Cattolica, sodalizio pioniere delle gare di minimoto. Fa le sue prime esperienze e gare presso la pista Motorpark a Cattolica, la prima omologata FMI.

A 13 anni prova per la prima volta la Aprilia Futura 125 e debutta nel campionato Sport Production nel 1993 in sella alla Cagiva Mito 125, gestita da Claudio Lusuardi. Nel 1994partecipa contemporaneamente ai campionati Sport Production e GP italiani, riuscendo a vincere il campionato delle derivate di serie e a fare esperienza sui prototipi da GP. L’anno successivo vince il campionato italiano della classe 125 e si classifica terzo nell’europeo della stessa categoria.

Dal debutto in classe 125 nel 1996, allo sfortunato GP del Mugello 2010, Rossi non ha mai saltato una gara.

Classe 125

La stagione 1996 del motomondiale sancisce l’esordio nel campionato del mondo di Valentino Rossi. Dopo alcune prestazioni di rilievo, ottiene la sua prima vittoria nel Gran Premio della Repubblica Ceca, a Brno,[8] dopo aver conquistato anche la sua prima pole position; ottiene inoltre un terzo posto in Austria e conclude la stagione al 9º posto con 111 punti.

Le Aprilia RS 125 (a sinistra) e 250 (a destra) con le quali Rossi ha vinto i mondiali 125 (1997) e 250 (1999).

Nel 1997 passa dal team AGV al Team ufficiale Nastro Azzurro Aprilia e ottiene il suo primo titolo mondiale in sella alla RS 125 con 321 punti iridati.[9] Nel corso della stagione ottiene undici vittorie (Malesia, Spagna, Italia, Francia, Olanda, Imola, Germania, Brasile, Gran Bretagna, Catalogna e Indonesia), un secondo posto in Austria, un terzo posto in Repubblica Ceca e quattro pole position (Malesia, Paesi Bassi, Imola e Germania). A questo punto Rossi passa alla 250.

Classe 250

A partire dal 1998 corre nella classe 250.[10] Trascorre il primo anno all’interno del team Nastro Azzurro; il cambio di cilindrata segna anche il passaggio dalla squadra di Mauro Noccioli a quella di Rossano Brazzi. L’anno non inizia bene, cadendo nelle prime due gare della stagione, nonostante ciò conclude la stagione al 2º posto con 201 punti, 23 in meno di Capirossi; nel corso della stagione ottiene cinque vittorie (Olanda, Imola, Catalogna, Australia e Argentina), tre secondi posti (Spagna, Italia e Francia) e un terzo posto in Germania.

Nel 1999, unico pilota del team ufficiale Aprilia Grand Prix Racing, si laurea campione del mondo della 250 con 309 punti;[10] ottiene nove vittorie (Spagna, Italia, Catalogna, Gran Bretagna, Germania, Repubblica Ceca, Australia, Sudafrica e Brasile), due secondi posti (Olanda e Imola), un terzo posto in Argentina e cinque pole position (Malesia, Francia, Paesi Bassi, Germania e Argentina).[11]

Classe 500 e MotoGP

Gli anni con la Honda (2000-2003)

Il 2000 è l’anno del passaggio alla classe 500 e del cambio di scuderia.[12] Firma infatti un contratto con la Honda e convince la casa giapponese ad avere l’assistenza di Jeremy Burgess, esperto Capo tecnico precedentemente al servizio di Mick Doohan e libero dopo il ritiro di quest’ultimo l’anno prima. Anche lo sponsor principale, Nastro Azzurro, lo segue nella nuova avventura, supportandolo con lo staff Mkt e pr., che lo aveva seguito dall’anno della vittoria del primo campionato mondiale in 125. Nella stagione di esordio, vince due GP (Gran Bretagna e Brasile) ed è vicecampione del mondo con 209 punti, dietro a Kenny Roberts Junior; oltre alle due vittorie, ottiene tre secondi posti (Germania, Repubblica Ceca e Pacifico) e cinque terzi posti (Spagna, Francia, Catalogna, Portogallo e Australia).

Valentino Rossi sulla Honda RC211V durante una gara

Nel 2001, ultima stagione prima della sostituzione di questa classe con la MotoGP, vince il terzo titolo iridato; ottiene undici vittorie (Giappone, Sudafrica, Spagna, Catalogna, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Portogallo, Pacifico, Australia, Malesia e Brasile),[10] un secondo posto in Olanda, un terzo posto in Francia, quattro pole position (Sudafrica, Spagna, Italia e Catalogna) e 325 punti iridati. Sempre nel 2001, si cimenta nella prova più importante del Mondiale Endurance per le case giapponesi, la 8 Ore di Suzuka, imponendosi assieme all’allora compagno di marca (e pilota ufficiale Superbike) Colin Edwards.[13]

Il Motomondiale 2002 fu il primo della nuova classe MotoGP, caratterizzata dai nuovi motori a quattro tempi da 990 cm³. Rossi, alla guida della nuova RC211V a cinque cilindri, ottiene 11 vittorie (Giappone, Spagna, Francia, Italia, Catalogna, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Germania, Portogallo, Brasile e Australia), quattro secondi posti (Sudafrica, Pacifico, Malesia e Comunità Valenciana), sette pole position (Giappone, Sudafrica, Spagna, Francia, Italia, Paesi Bassi e Gran Bretagna) e 355 punti iridati, che gli consentono di vincere il quarto titolo mondiale.

Nell’anno successivo vince nuovamente il titolo con 357 punti,[10] nove vittorie (Giappone, Spagna, Italia, Repubblica Ceca, Portogallo, Brasile, Malesia, Australia e Comunità Valenciana), cinque secondi posti (Sudafrica, Francia, Catalogna, Germania e Pacifico), due terzi posti (Olanda e Gran Bretagna) e nove pole position (Giappone, Francia, Italia, Catalogna, Repubblica Ceca, Brasile, Malesia, Australia e Comunità Valenciana). In questa stagione ha concluso tutte le gare sul podio. Nel Gran Premio d’Australia a Phillip Island, dopo aver ricevuto 10 secondi di penalizzazione, a causa di un sorpasso effettuato su Melandri con bandiere gialle esposte, per la caduta del pilota Ducati Troy Bayliss, riesce a dominare la gara e conclude con 15 secondi di vantaggio, annullando la penalizzazione.[14]

Campione con la Yamaha (2004-2005)

Nella stagione 2004 Rossi passa dalla Honda alla Yamaha,[10] firmando un contratto di 12 milioni all’anno, più altri 3 milioni derivanti dagli sponsor.[15] Viene seguito da quasi tutti gli elementi chiave della vecchia squadra, come il capotecnico australiano Jeremy Burgess, con lui sin dalla prima stagione in Honda nel 2000.

Rossi in sella alla Yamaha YZR-M1nel GP di Gran Bretagna 2005

Rossi vince il Motomondiale 2004 con 304 punti iridati, a dodici anni di distanza dall’ultima vittoria di un pilota Yamaha, lo statunitense Wayne Rainey.[16] Nel corso della stagione ottiene nove vittorie (Sudafrica, Italia, Catalogna, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Portogallo, Malesia, Australia e Comunità Valenciana), due secondi posti (Repubblica Ceca e Giappone) e cinque pole position (Sudafrica, Spagna, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Malesia). In questa stagione il suo compagno di squadra è stato Carlos Checa.

Anche nel 2005 Rossi vince la competizione con 367 punti,[10] divenendo campione del mondo con quattro gare di anticipo, a Sepang, il 25 settembre. Conquista 11 vittorie su 17 gare (Spagna, Cina, Francia, Italia, Catalogna, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Germania, Repubblica Ceca, Qatar e Australia), 16 podi complessivi (tre secondi posti (Portogallo, Malesia e Turchia) e due terzi posti (Laguna Seca e Comunità Valenciana). In questa stagione ha corso in coppia con Colin Edwards, che sarà suo compagno di squadra anche nei due anni successivi.

La crisi di risultati (2006-2007)

Rossi durante il GP d’Australia 2006

Il 2 agosto 2006, Rossi firma il rinnovo contrattuale con la Yamaha. La stagione non inizia nel migliore dei modi, infatti alla prima gara, sul circuito di Jerez, cade al primo giro e rimontando chiude al 14º posto.[17]. In Cina è costretto a ritirarsi per dei problemi alla gomma posteriore,[18] mentre in Francia a causa della rottura del motore.[19] Ottiene comunque 5 vittorie (Qatar, Italia, Catalogna, Germania e Malesia). Nella stagione si classifica al secondo posto con 247 punti. Nell’ultima gara perde il primo posto in classifica, ottenuto all’Estoril, non riuscendo ad andare oltre il tredicesimo posto,[20] e venendo definitivamente superato dal nuovo campione del Mondo Nicky Hayden, arrivato terzo, violando l’imbattibilità quinquennale di Rossi.

Nel 2007 inizia la stagione con un secondo posto al Gran Premio del Qatar, dietro Casey Stoner. Al Gran Premio di Spagna torna alla vittoria precedendo il compagno di squadra Colin Edwards. Torna a vincere al mugello, dove vince per la sesta volta consecutiva e raggiungendo 60 vittorie in MotoGP, ed eguaglia il record di podio nella classe regina (95) detenuto finora da Mick Doohan.[21] A fine stagione si classifica al terzo posto finale, dietro al nuovo campione del mondo della Ducati, Stoner, e al pilota della Honda Pedrosa. Vince quattro gran premi, nell’ordine: Jerez,Mugello, Assen e Estoril (dove dedica la vittoria a Colin McRae, scomparso il giorno precedente); arriva secondo a Losail, Shanghai, Montmeló e ottiene un altro podio a Phillip Island arrivando terzo; ottiene inoltre dei piazzamenti di minor rilievo a Istanbul (decimo posto) e a Le Mans (sesta posizione). Nelle qualifiche dell’ultimo GP a Valencia Rossi, a causa di una caduta, si procura un trauma multiplo alla mano destra.[22] L’aiuto della clinica mobile gli consente di partecipare comunque alla gara, dalla quale però si ritira per un guasto elettronico. Durante quest’ultimo fine settimana avverrà la comunicazione ufficiale del suo passaggio alle gomme giapponesi Bridgestone, dopo diversi anni con le Michelin.

La rivincita, la riconferma e l’infortunio (2008-2010)

Nel 2008 è ancora in sella alla Yamaha e il suo compagno di squadra diventa Jorge Lorenzo, campione del mondo in carica della classe 250, che sostituisce Colin Edwards; i due piloti non usufruiscono dello stesso fornitore di pneumatici, Rossi utilizza le Bridgestone mentre Lorenzo ha a disposizione le Michelin, e inoltre il box della scuderia nipponica viene “diviso a metà”, nel tentativo di evitare il passaggio di dati tecnici fra i team dei due piloti.[23][24] Nelle prime tre gare, Stoner, Pedrosa e il debuttante compagno di squadra Lorenzo si alternano sul gradino più alto del podio. Successivamente Rossi riconquista la prima posizione in classifica mondiale con tre vittorie consecutive nei gran premi diCina, Francia e Italia. Nel Gran Premio di Francia, a Le Mans, raggiunge le 90 vittorie in carriera, al pari di Angel Nieto. A partire dal Gran Premio degli USA di Laguna Seca, Rossi conquista una serie di vittorie: Brno, Misano Adriatico, Indianapolis e Motegi. Il 22 giugno 2008 Valentino corre a Donington Park il suo 200º Gran Premio, giungendo secondo alle spalle di Casey Stoner; sullo stesso circuito, nel 2002, Rossi aveva raggiunto il traguardo dei 100 GP e, curiosamente, la vittoria numero 46. Ad Indianapolis, dove il 14 settembre 2008 le moto gareggiano per la prima volta, Rossi conquista la vittoria che gli consente di superare, con 69 vittorie tra 500 e MotoGP, il record assoluto detenuto in precedenza da Giacomo Agostini. A Motegi, con tre gare di anticipo rispetto alla fine del campionato, torna a laurearsi campione del mondo, arrivando a 8 titoli iridati: 1 in 125, 1 in 250 e 6 tra 500 e MotoGP.[25] Ottiene un’ulteriore vittoria a Sepang. Tra i dati statistici, da segnalare i 373 punti in campionato e 7 ulteriori piazzamenti sul podio: i secondi posti in Spagna, Catalogna, Gran Bretagna, Germania e Australia, e i terzi posti in Portogallo e a Valencia; ottiene anche due pole positions (Mugello e Indianapolis).

Valentino Rossi festeggia la centesima vittoria in carriera ad Assen nel 2009

La stagione 2009 inizia con due secondi posti, in Qatar (dietro a Stoner) e in Giappone (gara in cui parte dalla pole ma giunge alle spalle di Lorenzo), e la vittoria in Spagna a Jerez. Nella quinta gara, a Le Mans, giunge sedicesimo al traguardo, fuori dalla zona punti; ritorna sul podio ottenendo un terzo posto al Mugello (Gran Premio del quale aveva vinto le precedenti sette edizioni) e ottiene la vittoria inCatalogna, dopo una gara combattuta con Lorenzo e un sorpasso all’ultima curva. Il 27 giugno 2009, in occasione del Gran Premio d’Olanda ad Assen, Rossi raggiunge la sua centesima vittoria in carriera e la festeggiata con l’ostensione, al termine della gara, di uno striscione recante le foto di tutte le vittorie da lui ottenute sino ad allora.[26] A Laguna Seca arriva secondo, alle spalle di Pedrosa e davanti a Lorenzo e Stoner,[27] mentre in Germania conquista la pole sul bagnato e la vittoria in gara dopo un duello col compagno di squadra. Nel Gran Premio di Gran Bretagna, dopo aver ottenuto la pole position, conclude la gara al quinto posto, dopo esser stato vittima di una caduta mentre si trovava in testa.

In quel periodo la stampa sportiva annuncia erroneamente[28] che il 19 luglio 2009, sul circuito del Sachsenring, Valentino Rossi avesse eguagliato il record assoluto di Giacomo Agostini, conquistando il podio numero 159 della sua carriera. Tale equivoco scaturì dal mancato computo dei risultati ottenuti dal campione bergamasco nella Formula 750 che, dal 1977 al 1979, era compresa nelle classi del Motomondiale. Su 190 Gran Premi disputati, Agostini ha conquistato 162 podi e 123 vittorie. Rossi conquisterà poi il 163º podio, alla 223ª gara disputata, arrivando 3º nel Gran Premio motociclistico della Malesia 2009.

In Repubblica Ceca ottiene pole e vittoria davanti a Pedrosa, con i due principali rivali per la lotta iridata fuori causa (Lorenzo infatti è caduto, mentre Stoner non ha preso parte a questa e alle successive due gare a causa di problemi fisici). Nel Gran Premio di Indianapolis invece cade, mentre Lorenzo conquista la vittoria; la settimana successiva, nel Gran Premio di San Marino, Rossi fa pole position e vince, precedendo i rivali diretti per il titolo Lorenzo e Pedrosa. Nel Gran Premio del Portogallo ottiene il quarto posto, alle spalle di Lorenzo, Stoner (appena rientrato dall’infortunio) e Pedrosa. A Phillip Island Rossi giunge secondo, dietro a Stoner, mentre Lorenzo cade nelle prime fasi della gara; la sua giornata viene tuttavia condizionata da un lutto familiare: infatti era da poche ore a conoscenza del suicidio del secondo marito di sua madre.[29] Il cospicuo vantaggio guadagnato sul secondo in classifica Jorge Lorenzo, consente a Valentino Rossi di laurearsi per la nona volta campione del mondo nella gara successiva, caratterizzata dal maltempo, durante il Gran Premio della Malesia:[30] Rossi conclude al terzo posto, dopo esser partito dalla pole, dietro a Stoner e Pedrosa, ma davanti a Lorenzo. Il 25 ottobre2009, dopo la conquista del suo nono titolo mondiale, Rossi ha eguagliato Carlo Ubbiali e Mike Hailwood, conseguendo un numero di titoli mondiali inferiore solo a quelli vinti daGiacomo Agostini e Angel Nieto. La stagione si conclude con la piazza d’onore alle spalle di Pedrosa nel Gran Premio della Comunità Valenciana, davanti al compagno di squadra.

Rossi festeggia la vittoria del Gran Premio del Qatar 2010

Rossi nel 2010 ai box di Le Mans, intento a compiere i suoi rituali gesti scaramantici prima di salire a bordo della moto.

La stagione 2010 inizia con una vittoria in Qatar, davanti al compagno di team Jorge Lorenzo e ad Andrea Dovizioso (team ufficiale HRC), vittoria favorita anche dalla caduta di Stoner, che sino ad allora era al comando della gara. In Spagna si classifica terzo, mentre in Franciaarriva secondo dopo essere partito dalla pole position. Tuttavia il 5 giugno, durante le prove del Gran Premio d’Italia presso il circuito del Mugello, Valentino cade a causa di un high side, riportando la frattura scomposta ed esposta di tibia e perone, infortunio per il quale subisce un intervento chirurgico presso il CTO di Firenze. Nonostante si prospettino lunghi tempi di recupero (la prognosi iniziale era di almeno due mesi)[31], Rossi torna in sella alla moto, sebbene ancora claudicante e costretto all’utilizzo delle stampelle, a poco più di un mese dall’infortunio.[32][33], che non gli consente di prender parte a quattro Gran Premi, vinti da Pedrosa (Italia) e Lorenzo (Gran Bretagna, Olanda e Catalogna). Durante l’assenza è stato sostituito dal collaudatore giapponese Wataru Yoshikawa. Il ritorno alle competizioni avviene al Gran Premio di Germania, che si disputa il 18 luglio presso il circuito del Sachsenring, dopo aver ricevuto l’autorizzazione a correre da parte dei medici del circuito.[34]

E proprio in Germania Rossi ottiene un quarto posto, dopo un’accesa lotta con Stoner, negli ultimi giri della gara, per il gradino più basso del podio; quindi la settimana successiva, nel Gran Premio degli Stati Uniti, riesce a ottenere un altro terzo posto. Al termine della pausa estiva, Rossi ottiene il quinto posto nel Gran Premio della Repubblica Ceca ed il quarto ad Indianapolis. A Misano, invece, conquista il terzo posto al termine di una gara funestata dall’annuncio della morte del centauro giapponese Shoya Tomizawa a seguito dei gravi traumi riportati in un incidente nella gara di Moto 2, svoltasi immediatamente prima della MotoGP.

Rossi precede Jorge Lorenzo durante una fase della gara nel Gran Premio di Francia 2010

Nel nuovo Gran Premio d’Aragona, disputato in sostituzione della prova ungherese, giunge sesto.[35] Nella gara successiva, il Gran Premio del Giappone a Motegi, Rossi, dopo un duello serrato con Lorenzo, riesce a salire sul gradino più basso del podio, mentre la settimana successiva inMalesia, torna a vincere, precedendo sul traguardo Dovizioso e Lorenzo, laureatosi matematicamente campione del mondo.[36] È terzo in Australia una settimana dopo, mentre inPortogallo occupa la piazza d’onore. Conclude il motomondiale 2010 e la sua esperienza con la Yamaha conquistando il gradino più basso del podio al Gran Premio della Comunità Valenciana,[37] piazzamento che gli vale il terzo posto nella classifica iridata dopo Lorenzo e Pedrosa e immediatamente davanti a Stoner.[38]

Il biennio in Ducati (2011-2012)

Rossi in sella alla Ducati Desmosedici durante i test pre-stagionali in Malesia

Nel dopo-gara del GP della Repubblica Ceca 2010 è stato dato l’attesissimo annuncio ufficiale del passaggio del centauro di Tavullia dalla Yamaha alla Ducati per le stagioni 2011 e 2012.[39] Durante tale biennio però, di gran lunga il più buio della sua carriera, non ottiene alcuna vittoria, collezionando quattro ritiri e soli tre podi. Secondo dichiarazioni successive a questo deludente periodo, il problema era legato al mezzo, che non permetteva di essere guidato in un modo che fosse all’altezza delle altre motogp, facendo infatti imbattere spesso i piloti in improvvise chiusure dell’avantreno, con conseguenti cadute talvolta particolarmente rischiose. Per Rossi, così come per il compagno di squadra Nicky Hayden, la Desmosedici risulta difficile da gestire, soprattutto relativamente alla ruota anteriore, e costringe i piloti a seguire linee molto large in curva, facendo così perdere terreno e tempo prezioso in termini di gara. Nonostante il discusso rinnovo del telaio apportato per la stagione 2012 (che mette da parte uno dei tratti distintivi del marchio bolognese), durante il biennio la guida difficoltosa della Ducati Desmosedici non subisce importanti miglioramenti, a causa anche degli impedimenti da parte del gruppo dirigente e tecnico, che mantenendo costantemente un noto approccio rigido, non accoglie le richieste dei piloti.[40][41]

La prima stagione inizia con un settimo posto in Qatar,[42] mentre in Francia a Le Mans Rossi ottiene il suo primo podio con la Ducati, giungendo terzo al traguardo alle spalle di Stoner e Dovizioso[43], mentre in Giappone cade e si ritira, subendo una frattura parziale al quinto dito della mano.[44] Stessa cosa succede in Australia, cadendo a 15 giri dal termine.

Rossi esce dai box Ducati in sella alla Desmosedici, durante dei test all’Estoril nell’aprile 2011.

Il 23 ottobre 2011, durante il 2º giro del Gran Premio della Malesia, rimane coinvolto con Colin Edwards nell’incidente che porta alla morte Marco Simoncelli, suo abituale compagno di allenamento oltre che rivale in pista; dopo l’incidente la gara verrà prima sospesa, poi annullata.[45][46] Il drammatico incidente colpisce particolarmente Rossi, il quale aveva instaurato un profondo legame di amicizia con “il Sic”. Due settimane dopo, nell’ultimo appuntamento del Motomondiale 2011, il Gran Premio della Comunità Valenciana, finisce la gara anticipatamente a causa di un contatto con Álvaro Bautista, pilota Suzuki, che ne causa la caduta durante il primo giro. Termina la stagione al 7º posto con 139 punti, per la prima volta mai vincitore di un Gran Premio in una singola stagione.

Inizia il 2012 con il decimo piazzamento in Qatar, in Francia conclude una gara completamente bagnata con la seconda posizione, superando Casey Stoner all’ultimo giro ed ottenendo il primo podio della stagione, che dedicherà all’amico pilota recentemente scomparso. Nella gara di Assen taglia il traguardo in tredicesima posizione per un problema alla gomma, che lo costringe ad effettuare un pit stop. A Laguna Seca si ritira a seguito di una caduta al penultimo giro e il 10 agosto 2012, con un comunicato sul suo sito ufficiale, la Ducati annuncia la fine del rapporto con Rossi al termine dell’anno; poco dopo la Yamaha comunica di aver trovato un accordo col pilota italiano per le stagioni 2013 e 2014. Nel Gran Premio di San Marino Rossi arriva secondo sul podio, e termina la stagione al 6º posto con 163 punti. Durante il biennio è comunque il pilota Ducati che ottiene i migliori risultati. Verso la fine del campionato rilascia un’intervista sui due anni con l’azienda di Borgo Panigale, definendoli come un errore in quanto scarni di risultati,[47] e confermando quindi di chiudere l’esperienza con la rossa.

Il ritorno in Yamaha dal 2013[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l’incolore biennio in Ducati, per la stagione 2013 Rossi decide di tornare in Yamaha, dove va nuovamente a far coppia con lo spagnolo Lorenzo, campione in carica.

Rossi nella scia di Marc Márquez durante il weekend di Silverstone 2013.

Al debutto stagionale, il 7 aprile in Qatar, Rossi ottiene il secondo posto proprio dietro al compagno di squadra, e davanti all’esordiente Márquez. Dopo un sesto posto in Texas e un quarto a Jerez, ha una battuta d’arresto in Francia dove chiude dodicesimo, a causa di una caduta mentre lottava per il podio, e al Mugello, in cui esce di gara ancora per una caduta, durante il primo giro, per via di un contatto conBautista. Ritorna tra i primi in Catalogna classificandosi quarto dietro Lorenzo, Pedrosa e Márquez. La prima ed unica vittoria della stagione matura ad Assen –circuito storicamente favorevole a Rossi, che consegue l’ottavo successo della sua carriera sul tracciato olandese–, dove l’italiano s’impone su Márquez e Crutchlow.[48] Nei successivi appuntamenti al Sachsenring e a Laguna Seca si mantiene sul podio, in entrambe le occasioni sul terzo gradino. Con la prova di Indianapolis ha invece inizio una sequenza di quattro quarti posti consecutivi, proseguita poi a Brno e Silverstone, e chiusa a Misano. Nel finale di stagione, torna a salire sul podio in Aragona e inAustralia, risultati intervallati ancora da un quarta piazza a Sepang e da un sesto posto a Motegi. Rossi conclude la stagione 2013 cogliendo l’ennesimo quarto posto a Valencia: è questa anche la posizione finale con cui il pesarese termina il campionato piloti, a 237 punti in classifica; il piazzamento rispecchia l’andamento globale della stagione, con Rossi spesso lontano dalla lotta al vertice ad opera del trio spagnolo Lorenzo-Márquez-Pedrosa.[49]

Rossi e Lorenzo ad Austin nel 2014.

Nella gara d’esordio del 2014 giunge secondo in Qatar, dietro al campione del mondo Márquez, mentre nei successivi due appuntamenti in Texas e in Argentina conclude rispettivamente ottavo e quarto. Infila poi una serie di quattro podi consecutivi che permettono al pilota di issarsi al secondo posto della classifica generale; in Italia, con un terzo posto, taglia il traguardo dei 300 Gran Premi in carriera.[50] A luglio 2014 annuncia nel frattempo di aver rinnovato l’accordo con la Yamaha per altri due anni. A Indianapolis giunge terzo, piazzamento poi replicato a Brno – arrivando, per la prima volta in stagione, davanti all’iridato in carica Márquez – e Silverstone. Torna al successo, dopo un anno, trionfando a Misano davanti al compagno di squadra e a Pedrosa.[51] In Giappone giunge terzo. Vince in Australia, dopo nove anni dal suo ultimo successo su questo tracciato, piazzandosi davanti a Jorge Lorenzo e Bradley Smith nel suo duecentocinquantesimo Gran Premio nella classe regina.[52] In Malesia giunge secondo. Conquista la pole position a Valencia dopo oltre quattro anni dalla sua precedente, chiude la gara al secondo posto così come il campionato, con 295 punti.[53]

La stagione 2015 si apre col successo nel Gran Premio del Qatar al termine di una gara che ha visto giungere a podio altri due italiani,Dovizioso e Iannone:[54] un risultato che non capitava dal Gran premio del Giappone del 2006 quando Rossi arrivò secondo dietro a Capirossi e davanti a Melandri.

Rossi saluta il pubblico sulla griglia di partenza, prima del via al Gran Premio di Catalogna 2015.

Nel Gran Premio delle Americhe giunge terzo,[55] ottenendo il suo primo podio in carriera su quel tracciato. Nel Gran Premio d’Argentina, dopo una rimonta dall’ottava casella della griglia, trionfa avendo la meglio su Márquez dopo un serrato duello nei giri conclusivi, conquistando la vittoria n. 110 in carriera.[56] Si conferma sul podio giungendo, nelle quattro successive prove, secondo in Francia[57] e Catalogna, e terzo in Spagna – festeggiando nell’occasione il podio n. 200 in carriera[58]– e Italia.[59] Torna al successo in Olanda conquistando pole position e gara, davanti a Márquez e Lorenzo.[60] In Germania, a Indianapolis e in Repubblica Ceca giunge terzo. Il podio in Germania gli permette di raggiungere un nuovo primato, infatti detiene il record per il più lungo intervallo di tempo trascorso tra il primo e l’ultimo podio fatto durante un Gran Premio del Mondiale con 18 anni e 342 giorni, superando Angel Nieto (con 18 anni e 328 giorni) detentore del primato dal 1986.[61]

Torna alla vittoria in Gran Bretagna, davanti agli altri due piloti italiani Petrucci e Dovizioso:[62] coglie nell’occasione la sua prima affermazione a Silverstone, che porta a 23 i circuiti della MotoGP dove il pesarese ha trionfato almeno una volta in carriera.[63] Chiudendo quinto a Misano, per la prima volta in stagione non sale sul podio, interrompendo in questo modo una striscia positiva che durava da sedici gare.[64] Ad Aragona torna sul podio giungendo terzo,[65] un piazzamento che contribuisce a dare alla Yamaha il titolo mondiale destinato alle squadre, successo che mancava al team giapponese dal 2010.[66] In Giappone giunge secondo, dietro Pedrosa,[67] mentre a Phillip Island chiude a ridosso del podio, quarto, dietro al vincitore Márquez, Lorenzo e Iannone, disputando nell’occasione il suo 328º gran premio nel Motomondiale, condividendo quindi, in tal modo, il record appartenuto fino ad allora a Loris Capirossi.[68] Quest’ultima competizione, condita da ben 52 sorpassi (fatto anomalo per una gara di tale livello), verificatisi in notevole percentuale nel trio Marquez-Rossi-Iannone, sarà oggetto di discussione delle settimane successive, in seguito all’accusa, mossa da Rossi nei confronti di Marquez, di aver “giocato” con i due italiani, frenando la loro rincorsa alle prime posizioni del podio al fine di difendere il vantaggio del connazionale Jorge Lorenzo. Tali accuse si riveleranno poi fondate, e basate su un’accurata analisi delle telemetrie di gara. In Malesia giunge terzo dietro Pedrosa e Lorenzo, ma dopo essere stato protagonista di un serrato e aggressivo duello con Márquez, al termine del quale quest’ultimo cade, in un contatto sospetto con l’italiano: a fine gara, la Direzione decide una sanzione di 3 punti sulla patente pilota di Rossi, il quale è di conseguenza costretto, nella gara conclusiva di Valencia, a partire dall’ultima posizione, benché con ancora sette punti di vantaggio su Lorenzo[69]. Questa penalizzazione compromette fortemente la possibilità di Rossi di vincere il decimo titolo mondiale, nonostante sia leader in classifica fin dalla prima gara di campionato; per vincere, infatti, dovrebbe riuscire ad arrivare almeno quarto (a patto che Lorenzo non sia primo), su un circuito stretto e tortuoso, che quindi poco si presta a sorpassi e grandi rimonte, specialmente per le grosse moto della classe regina del Motomondiale. Nell’ultimo Gran Premio, partendo dal fondo in 26ª posizione, riesce però a recuperarne ventidue e a tagliare il traguardo al quarto posto; ma la contemporanea vittoria di Lorenzo lo porta comunque a concludere il campionato in seconda posizione, a cinque punti dal rivale spagnolo.[70][71] Le modalità con cui la vittoria del majorchino sopraggiunge, saranno fonte di grandissima indignazione da parte del pubblico del Motomondiale, lasciando un torbido alone sul finale di stagione 2015, e un punto interrogativo sullo sport della MotoGp.

Le controversie con il fisco

Il 3 agosto 2007 l’Ufficio di Pesaro dell’Agenzia delle Entrate contesta a Rossi compensi non dichiarati per 58.950.311 euro, relativi al periodo 2000-2004; considerando Irpef, Irap e Iva, l’evasione fiscale è pari a 43,7 milioni di euro. Il fisco chiede anche il pagamento delle sanzioni e degli interessi, per un totale complessivo di 112 milioni di euro. Per tutti e cinque gli anni in questione, Rossi aveva presentato una dichiarazione Irpef con un reddito inferiore a quello reale; lo stesso dicasi per l’Irap e l’Iva del 2000, mentre per il quadriennio 2001-2004 non ha presentato alcuna dichiarazione Irap e Iva. Il pilota si è difeso affermando di aver rispettato la legge e di aver pagato tutte le imposte dovute nel Regno Unito, dove risulta residente.

Nel febbraio del 2008 è stata resa nota la notizia che Rossi ha raggiunto un accordo con l’Agenzia delle Entrate patteggiando il pagamento di 19 milioni di euro per il periodo 2000-2004 e 16 milioni per il periodo 2005-2006: trenta milioni legati ai guadagni del periodo e 4,8 milioni legati alla mancata dichiarazione.[79] Per eliminare le sue pendenze anche nei confronti della magistratura, nel maggio del 2009 Rossi chiede alla Procura di Pesaro un patteggiamento a sei mesi di reclusione: sfruttando la condizionale, non sconterà mai tale pena e la condanna non verrà menzionata nel casellario giudiziale.[80]

Rossi nella cultura di massa

Il 46, numero sempre usato da Valentino Rossi in carriera – e in precedenza dal padre Graziano –, il quale contraddistingue anche varie sue attività extrasportive.

Rossi gode di grande popolarità tra gli appassionati di motociclismo e tra i giornalisti per il suo carattere estroverso. Famose sono le sue trovate per festeggiare le vittorie assieme ai membri del fan club, che lo accompagnano nelle gare del mondiale (un gruppetto di amici “storici”, ai quali Rossi stesso paga metà del costo della trasferta per seguirlo).

Nel 2002 ha ricevuto delle minacce da un movimento anarchico italo-spagnolo (che in quei giorni aveva inviato pacchi bomba contro importanti obiettivi iberici tra i due paesi) perché “reo” di avere stampato, su moto e tuta, il nome dell’azienda petrolifera Repsol (per la quale aveva girato uno spot in Spagna)[81].

Il 31 maggio 2005 ha ricevuto una laurea magistrale honoris causa in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. CPO[82]dall’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. Alla fine del 2005 la Arnoldo Mondadori Editore ha pubblicato Pensa se non ci avessi provato, autobiografia del pilota, scritta con il giornalista Enrico Borghi.

Valentino Rossi mentre autografa un suo casco personalizzato

È stato protagonista di due fumetti a lui dedicati: Quarantasei, realizzato da Milo Manara,[83] e Fast 46, disegnato da Astrò;[84] dall’opera di Manara è stato inoltre tratto un omonimo film d’animazione, uno speciale video-fumetto in cui Rossi presta la voce al suo alter egod’inchiostro.

Sia nel 2008 sia nel 2009, la squadra calcistica dell’Inter, di cui è noto tifoso, si è complimentata per le sue vittorie iridate attraverso il proprio sito web.[85][86]

Nel marzo 2010, il Ministro degli Affari Esteri italiano Franco Frattini ha consegnato a Valentino Rossi il primo Winning Italy Award per il suo contributo alla valorizzazione dell’immagine dell’Italia nel mondo.[87][88]

Tra il 2010 e il 2011 il regista Mark Neale dirige il film documentario Fastest – Il più veloce, dedicato alla MotoGp e in particolare al nove volte campione del mondo Valentino Rossi, con la voce narrante dell’attore Ewan McGregor.[89]

Nel videogioco Grand Theft Auto: San Andreas è presente un omaggio a Valentino Rossi: infatti, trovando la moto NRG-500, è presente il numero 46, usato dal pilota nelle gare ufficiali.

Nel 2015 esce un film documentario dedicato alla MotoGP, intitolato Fino all’ultima staccata, diretto nuovamente da Mark Neale e narrato nonché prodotto da Brad Pitt. La pellicola racconta la vita, dentro e fuori la pista, di sei tra i motociclisti più veloci di tutti i tempi, tra i quali Valentino Rossi.[90][91]

Informazioni su diego80 (1834 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: