ULTIM'ORA

Storia delle contrade – Borghi del Cerro

da www.valbrembilla.it

 

Il borgo del Cerro è composto da una serie di piccole contrade che si snodano lungo la mulattiera che da Brembilla sale verso Catremerio e poi Sant’Antonio. Si raggiunge facilmente anche in 10 minuti d’auto percorrendo la comoda strada asfaltata che sale appena prima del centro di Brembilla.

La prima contrada che si incontra  è Cerro Foppa. Il nucleo più antico della contrada risale al ‘500, mentre i piccoli insediamenti circostanti al ‘600 e ‘700. Una bella fontana in pietra posta al centro a poca distanza dal sentiero che sale al borgo di Rudino testimonia l’antica presenza di una sorgente che ha fornito l’acqua necessaria al borgo fino agli inizi del ‘900.

La zona del Cerro, oltre alle sue bellezze naturalistiche ed architettoniche, è anche un’area di interesse archeologico. Sono stati infatti rinvenuti, nel 1975, una punta di freccia peduncolata e una collana, attribuibili all’età del rame ed attualmente esposti al Museo della Valle di Zogno. Nel 1989 è stato rinvenuto anche un pesce fossile di notevoli dimensioni. Un tempo i terrazzamenti più soleggiati, posti sulle rampe del falsopiano, erano tutti coltivati a granoturco, frumento, fagioli e patate. Oggi nel borgo di Cerro si estendono solo prati e boschi, con piccoli orti vicini alle abitazioni.

A breve distanza dalla contrada della Foppa, salendo lungo la mulattiera, si incontra l’altra principale contrada del Cerro, Rudino. In bella vista spicca la piccola chiesetta dell’Annunciata col suo rustico campanile. La chiesa fu costruita nel 1910 su un preesistente  oratorio del ‘600. Il pittoresco campanile, diversamente dalla chiesetta, è privo di intonaco, ma con l’apparato murario perfetto e ben conservato.

Lasciato il borgo di Rudino e continuando la mulattiera che sale, dopo poche centinaia di metri si incontrano le case della contrata “Culo d’Asino” denominata così per l’aspetto delle pendici del colle su cui sorge. Le facciate in sasso, gli spigoli, i tetti in coppi, alcune lobbie in legno e le scale in pietra per l’accesso al fienile, sono gli aspetti caratteristici di questa piccola contrada, che risale al seicento/settecento.

Continuando la salita a breve distanza si giunge a Cà Donzelli, in cui spiccano la piccola chiesetta, costruita dalla famiglia Pesenti (Pèzza) verso la metà dell’800 e le antiche case  caratteristiche risalenti al Cinquecento. Alcune abitazioni sono state ristrutturate nel secolo scorso, conservando ancora integre le lobbie in legno, singolari quelle triangolari. Ca’ Donzelli, verso la fine dell’800, poteva vantare anche un tornio attrezzato di mola a cinghia per la rifinitura di ‘baslòcc’, baslete, baslutì e pestù de sal’. Nella contrada si trova anche il vecchio edificio delle scuole, oggi ristrutturato e utilizzato per manifestazioni, sagre e per la festa patronale.

Lasciata alle spalle Cà Donzelli e continuando la salita lungo la mulattiera si incontrano le case di Cerro Pezza) e del Finiletto e si arriva poi in una delle più suggestive contrade di tutta la valle, i Fienili del Cerro (872 m), il cui nome riporta alle costruzioni per il ricovero del foraggio. Caratteristica principale è l’arrotondamento degli spigoli delle abitazioni per permettere ai contadini di passare facilmente negli stretti vicoli con le ‘sdirne’, cariche di fieno.

PERCORSI NATURALISTICI

Dal Cerro, salendo lungo il sentiero CAI  596-Bis,  si raggiunge la contrada di Finiletto, Cerro Testi e poi si sale al Pizzo Cerro. Salendo invece dal sentiero  CAI 592 B, dalla contrada Fienili si raggiunge l’abitato di Catremerio. Da Catremerio  si sale al Pizzo Cerro col sentiero CAI  595, che prosegue poi verso il monte Foldone. In prossimità della cima del Pizzo Cerro si può prendere invece il sentiero CAI 596 e costeggiare il crinale e raggiungere il Castel Regina e poi il monte Coren (Corna Camoscera) e da lì scendere verso la contrada di Cavaglia.

I borghi del Cerro si possono raggiungere anche da Brembilla centro, partendo dalla località Pontelambro e seguendo il sentiero CAI 592 B, attraversando la contrada di Chigavacca e giungendo quindi a Cerro Foppa. Il sentiero poi prosegue fino a Catremerio e alle escursioni sulle montagne circostanti.

1996 Rudino del Cerro.JPG

Rudino del Cerro-1996

Rudino del Cerro con sullo sfondo Boscalone e il monte corno. Foto galizzi  valbrembanaweb.com.jpg

Rudino del Cerro con sullo sfondo Boscalone e il monte Corno. Foto Galizzi

veduta generale contrade del cerro foto galizzi valbrembanaweb.com.jpg

Veduta generale contrade del Cerro foto Galizzi valbrembanaweb.com.

web9-1996 Cerro Foppa foto Tito Terzi.jpg

1996- Cerro Foppa foto Tito Terzi.

webITINERARIO ANELLO DELLA REGINA1996 Fienili del Cerro fotoTito Terzi.jpg

Fienili del Cerro – Itinerario della Regina-anno 1996 foto Tito Terzi

webITINERARIO ANELLO DELLA REGINA1997 Boscalone del Cerro.jpg

Boscalone – Itinerario della regina – anno 1997

Informazioni su diego80 (1908 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: