ULTIM'ORA

25 aprile 1995 – Muore l’attrice Ginger Rogers

Ginger Rogers, pseudonimo di Virginia Katherine McMath (Independence, 16 luglio 1911 – Rancho Mirage, 25 aprile 1995), è stata una ballerina, attrice e cantante statunitense.

L’American Film Institute ha inserito la Rogers al quattordicesimo posto tra le più grandi star della storia del cinema.[1]

Biografia

Era la secondogenita di William “Eddins” McMath, ingegnere elettronico, e di Lela Emogene Owens. Aveva origini inglesi, scozzesi e gallesi. La madre partorì in casa la figlia, a causa della perdita del primogenito in ospedale. I genitori si separarono prima della sua nascita, ma i suoi nonni materni, Walter Owens e Saphrona Ball, vivevano vicino Kansas City. Il padre arrivò a rapire ben due volte la figlia per tornare ad essere una famiglia con Lela, ma la madre divorziò poco tempo dopo.

Bionda, vivace e sensuale, Ginger Rogers imparò a ballare ancora bambina e, poco più che adolescente, vinse un concorso di charleston. Notata dal cantante-attore Eddie Cantor, nel 1933 giunse a Broadway dove trionfò nel musical Girl Crazy, grazie alla sua bellezza e al suo stile.

Il cinema

Dopo aver preso parte a qualche film di scarso livello, nel 1933 ottenne un ruolo da co-protagonista nel musical di successo Quarantaduesima strada di Lloyd Bacon. Nello stesso anno apparve per la prima volta accanto al celebre ballerino Fred Astaire in Carioca; nel film i due si esibirono in un gustoso numero di samba, conquistandosi la simpatia del pubblico.

Il musical

Carioca (1933)

La casa produttrice del film, la RKO, non si lasciò sfuggire questa straordinaria coppia, e la impegnò in una fortunata serie di musical, come Cappello a cilindro (1935) e Follie d’inverno (1936), in cui i due recitarono con gustoso brio e danzarono con grazia e sensualità sulle note di musiche straordinarie, composte da grandi nomi come Irving Berlin e George Gershwin.

Dopo la fine del sodalizio con Astaire, Ginger Rogers si impegnò per affermarsi come attrice drammatica, e ci riuscì, ottenendo addirittura un premio Oscar per la sua interpretazione di una ragazza madre in Kitty Foyle, ragazza innamorata (1940) di Sam Wood. Già in precedenza aveva avuto occasioni di distinguersi come attrice di impegno, prendendo parte alla commedia amara Palcoscenico (1937) diGregory La Cava, con Katharine Hepburn e Lucille Ball.

Seguiranno interpretazioni in film di ogni genere, dal melodramma, ad esempio in Destino (1942) di Julien Duvivier e in Eternamente femmina (1953) di Irving Rapper, alla commedia, come in Frutto proibito (1943) di Billy Wilder e ne Il magnifico scherzo (1952) di Howard Hawks.

Il ritorno con Fred e gli ultimi anni

Nel 1949 tornò per l’ultima volta accanto al suo storico partner Fred Astaire, sostituendo Judy Garland nel musical della MGM I Barkleys di Broadway. Verso la metà degli anni sessanta l’attrice abbandonò il cinema per dedicarsi al teatro (nel 1969 fu la protagonista del fortunato musical Mame), e successivamente alla televisione. Nel 1987 apparve alla serata degli Oscar per un revival.

Si spense all’età di ottantatré anni a causa di un infarto.

Vita privata

Ginger Rogers si sposò cinque volte, senza mai avere figli. Poco prima di compiere 18 anni, nel marzo 1929 sposò l’attore Jack Pepper, da cui divorziò nel 1931. Nel 1934 sposò l’attore Lew Ayres, divorziando da lui nel 1940. Nel 1943 sposò l’attore Jack Briggs, di 9 anni più giovane, ma i due divorziarono nel 1949. Dal 1953 al 1957 fu sposata con l’attore Jacques Bergerac, di 16 anni più giovane. Nel 1961 si sposò con il regista William Marshall, di 6 anni più giovane; i due divorziarono nel 1969 a causa del vizio dell’alcol da parte di lui.

Riconoscimenti

  • WAMPAS Baby Stars 1932
Kennedy Center Honors - nastrino per uniforme ordinariaKennedy Center Honors
— 1992

Filmografia

  • A Day of a Man of Affairs, regia di Basil Smith (1929)
  • Campus Sweethearts, regia di James Leo Meehan (1930)
  • Gioventù di Manhattan (Young Man of Manhattan), regia di Monta Bell (1930)
  • The Sap from Syracuse, regia di A. Edward Sutherland (1930)
  • Queen High, regia di Fred C. Newmeyer (1930)
  • Office Blues, regia di Mort Blumenstock (1930)
  • Follow the Leader, regia di Norman Taurog (1930)
  • Honor Among Lovers, regia di Dorothy Arzner (1931)
  • The Tip-Off, regia di Albert S. Rogell (1931)
  • L’agguato dei sottomarini (Suicide Fleet), regia di Albert S. Rogell (1931)
  • La diga della morte (Carnival Boat), regia di Albert S. Rogell (1932)
  • The tenderfoot, regia di Ray Enright (1932)
  • Il tredicesimo invitato (The Thirteenth Guest), regia di Albert Ray (1932)
  • Hat Check Girl, regia di Sidney Lanfield (1932)
  • You Said a Mouthful, regia di Lloyd Bacon (1932)
  • Broadway Bad, regia di Sidney Lanfield (1933)
  • Quarantaduesima strada (42nd Street), regia di Lloyd Bacon (1933)
  • La danza delle luci (Gold Diggers of 1933), regia di Mervyn LeRoy (1933)
  • Professional Sweetheart, regia di William A. Seiter (1933)
  • Don’t Bet on Love, regia di Murray Roth (1933)
  • A Shriek in the Night, regia di Albert Ray (1933)
  • Rafter Romance, regia di William A. Seiter (1933)
  • Chance at Heaven, regia di William A. Seiter (1933)
  • Sitting Pretty, regia di Harry Joe Brown (1933)
  • Carioca (Flying Down to Rio), regia di Thornton Freeland (1933)
  • L’universo innamorato (Twenty Million Sweethearts), regia di Ray Enright (1934)
  • Il mercante di illusioni (Upperworld), regia di Roy Del Ruth (1934)
  • Educande d’America (Finishing School), regia di George Nichols Jr. e Wanda Tuchock (1934)
  • Primo amore (Chance at Heart), regia di John G. Blystone (1934)
  • Cerco il mio amore (The Gay Divorcee), regia di Mark Sandrich (1934)
  • Romance in Manhattan, regia di Stephen Roberts (1935)
  • Roberta, regia di William A. Seiter (1935)
  • La maschera di mezzanotte (Star of Midnight), regia di Stephen Roberts (1935)
  • Cappello a cilindro (Top Hat), regia di Mark Sandrich (1935)
  • La regina di Broadway (In Person), regia di William A. Seiter (1935)
  • Seguendo la flotta (Follow The Fleet), regia di Mark Sandrich (1936)
  • Follie d’inverno (Swing Time), regia di George Stevens (1936)
  • Voglio danzare con te (Shall We Dance), regia di Mark Sandrich (1937)
  • Palcoscenico (Stage Door), regia di Gregory La Cava (1937)
  • Una donna vivace (Vivacious Lady), regia di George Stevens (1938)
  • Vacanze d’amore (Having Wonderful Time), regia di Alfred Santell (1938)
  • Girandola (Carefree), regia di Mark Sandrich (1938)
  • La vita di Vernon e Irene Castle (The Story of Vernone and Irene Castle), regia di Henry C. Potter (1939)
  • Situazione imbarazzante (Bachelor Mother), regia di Garson Kanin (1939)
  • La ragazza della 5ª strada (Fifth Avenue Girl), regia di Gregory La Cava (1939)
  • Piccolo porto (Primrose Path), regia di Gregory La Cava (1940)
  • Il ponte dell’amore (Lucky Partners), regia di Lewis Milestone (1940)
  • Kitty Foyle, ragazza innamorata (Kitty Foyle: The Natural History of a Woman), regia di Sam Wood (1940)
  • Tom, Dick e Harry (Tom, Dick, and Harry), regia di Garson Kanin (1941)
  • Condannatemi se vi riesce! (Roxie Heart), regia di William A. Wellman (1942)
  • Destino (Tales of Manhattan), regia di Julien Duvivier (1942)
  • Frutto proibito (The Major and the Minor), regia di Billy Wilder (1942)
  • Fuggiamo insieme (Once Upon a Honeymoon), regia di Leo McCarey (1942)
  • Eravamo tanto felici (Tender Comrade), regia di Edward Dmytryk (1943)
  • Le schiave della città ((Lady in the Dark), regia di Mitchell Leisen (1944)
  • Al tuo ritorno (I’ll Be Seeing You), regia di William Dieterle (1945)
  • Grand Hotel Astoria (Week-End at the Waldorf), regia di Robert Z. Leonard (1945)
  • Ladra di cuori (Heartbeat), regia di Sam Wood (1946)
  • La magnifica bambola (Magnificent Doll), regia di Frank Borzage (1946)
  • L’uomo dei miei sogni (It Had to Be You), regia di Don Hartman e Rudolph Maté (1947)
  • I Barkleys di Broadway (The Barkleys of Broadway), regia di Charles Walters (1949)
  • Intermezzo matrimoniale (Perfect Strangers), regia di Bretaigne Windust (1950)
  • La setta dei tre K (Storm Warning), regia di Stuart Heisler (1951)
  • La sposa illegittima (The Groom Wore Spurs), regia di Richard Whorf (1951)
  • Matrimoni a sorpresa (We’re Not Married), regia di Edmund Goulding (1952)
  • Il magnifico scherzo (Monkey Business), regia di Howard Hawks (1952)
  • Primo peccato (Dreamboat), regia di Claude Binyon 1952)
  • Eternamente femmina (Forever Female), regia di Irving Rapper (1953)
  • L’amante sconosciuto (Black Widow), regia di Nunnally Johnson (1953)
  • Trafficanti d’oro (Twist of Fate), regia di David Miller (1954)
  • Quarto grado (Tight Spot), regia di Phil Karlson (1955)
  • Vita di una commessa viaggiatrice (The First Traveling Saleslady), regia di Arthur Lubin (1956)
  • Gioventù ribelle (Teenage Rebel), regia di Edmund Goulding (1956)
  • Le donne hanno sempre ragione (Oh! Men, Oh! Women), regia di Nunnally Johnson (1957)
  • Il tesoro del Santo (The Confession), regia di William Dieterle (1964)
  • Harlow, regia di Alex Segal (1965)

Film o documentari dove appare Ginger Rogers

  • The Casting Couch, regia di John Sealey – video con filmati di repertorio (1995)

Doppiatrici italiane

  • Lydia Simoneschi in Gioventù ribelle, L’uomo dei miei sogni, La sposa illegittima, Al tuo ritorno, Grand Hotel Astoria, Eravamo tanto felici, Le donne hanno sempre ragione, Le schiave della città, Eternamente femmina, Vita di una commessa viaggiatrice, La ragazza della 5ª strada
  • Wanda Tettoni in Follie d’inverno, Palcoscenico, Situazione imbarazzante, Condannatemi se vi riesce!, Primo peccato
  • Andreina Pagnani ne L’amante sconosciuto, Cappello a cilindro, Il magnifico scherzo, Seguendo la flotta
  • Dhia Cristiani in Fuggiamo insieme, I Barkleys di Broadway, Matrimoni a sorpresa
  • Rina Morelli in Voglio danzare con te, Quarto grado
  • Rosetta Calavetta in Frutto proibito
  • Giovanna Scotto ne La setta dei tre K
  • Aurora Cancian nei ridoppiaggi di Carioca, Cerco il mio amore, Girandola, La vita di Vernon e Irene Castle
  • Vittoria Febbi nel ridoppiaggio di Seguendo la flotta
  • Maria Pia Di Meo nel ridoppiaggio de La maschera di mezzanotte
Informazioni su diego80 (1904 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: