ULTIM'ORA

18 maggio 1978 – si ritira dalle corse ciclistiche il campione Eddy Merkx

Édouard Louis Joseph Merckx, detto Eddy (Meensel-Kiezegem, 17 giugno 1945), è un ex ciclista su strada, pistard eciclocrossista belga. Soprannominato il “Cannibale” per la voglia di vincere sempre e di non lasciare nulla agli avversari,[1][2][3] è considerato da molti il più forte ciclista di tutti i tempi, vantando numerosi record, e il miglior sportivo belga di sempre.

Professionista dal 1965 al 1978, si aggiudicò il Tour de France per cinque volte (1969, 1970, 1971, 1972 e 1974), un record condiviso con Jacques Anquetil, Bernard Hinault e Miguel Indurain. Vinse anche cinque Giri d’Italia (1968, 1970, 1972, 1973 e 1974), eguagliando il primato di successi di Alfredo Binda e Fausto Coppi, e una Vuelta a España, nel 1973. Tra le corse di un giorno fece invece suoi tre campionati del mondo su strada per professionisti (1967, 1971 e 1974) e conquistò anche numerose classiche: sette Milano-Sanremo, due Giri delle Fiandre, tre Gand-Wevelgem, tre Parigi-Roubaix, due Amstel Gold Race, tre Freccia Vallone, cinque Liegi-Bastogne-Liegi e due Giri di Lombardia.[4] Per sette anni consecutivi, dal 1969 al 1975, fu suo il Super Prestige Pernod, sorta di coppa del mondo a punti su strada.[3] Per quanto concerne l’attività su pista fu invece primatista dell’ora su bicicletta tradizionale per ventotto anni, dal 1972 al 2000 (percorse 49,432 km)[5], vincendo inoltre diciassette Sei giorni.[3][4][6][7]

È uno dei sei ciclisti ad aver conquistato tutti i tre grandi Giri,[8] e l’unico ad essere riuscito a realizzare l’accoppiata Giro-Tour per tre volte (1970, 1972 e 1974). Proprio nel 1974 vinse, nella stessa stagione, Giro d’Italia, Tour de France e campionato mondiale su strada: soltanto l’irlandese Stephen Roche, nel 1987, è riuscito ad eguagliarlo. È anche uno dei tre corridori ad essere riuscito ad imporsi in tutte le cinque classiche monumento.[9] Al Tour detiene il record di tappe vinte in totale (34)[3] e in una sola edizione (8), e il maggior numero di maglie gialle (111);[10] al Giro vinse invece 25 tappe e vestì di rosa per 77 volte, un record.[2][3][11]

Jacques Goddet, storico patron del Tour de France, indicò Fausto Coppi come «il più grande» ed Eddy Merckx come «il più forte» ciclista di sempre.[12]

Da wikipedia, lo stralcio finale della sua carriera fino al ritiro.

Passato al team C&A, disputò l’ultima gara su strada, l’Omloop van het Waasland a Kemzeke, il 19 marzo 1978,[13] dopodiché nemmeno trentatreenne, abbandonò le competizioni agonistiche.[4][86] L’addio formale alle corse arrivò meno di due mesi dopo, il 18 maggio.[86] In carriera prese parte a 220 competizioni nelle categorie minori (debuttanti e dilettanti) cogliendo 80 vittorie,[4] tra i professionisti partecipò invece a 1800 competizioni ottenendo 525 vittorie,[87][88] con i record di 217 frazioni vinte, di 426 successi complessivi su strada (comprese le vittorie nelle classifiche finali e il Giro di Lombardia del 1973, revocato),[4][89] e di 67 gare a cronometro vinte[4], ottenne inoltre 97 successi su pista (17 Sei giorni, 67 omnium, 9 campionati nazionali, 3 campionati europei, oltre al record dell’ora, valido come vittoria) e due nel ciclocross.[4]

Informazioni su diego80 (1908 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: