ULTIM'ORA

10 giugno 1934 – Primo titolo mondiale per l’Italia di Pozzo

Sono passati ben 82 anni dal primo titolo mondiale della nazionale di calcio italiana: a tre giorni dal debutto nell’Europeo di calcio in Francia festeggiamo questa ricorrenza. L’Italia vinse la seconda edizione del campionato del mondo, alla sua prima partecipazione e da paese organizzatori (quattro anni prima, nella prima edizione in Uruguay non partecipò). Una vittoria spinta anche dal regime fascista, che volle con tutte le forze l’organizzazione del torneo iridato come lancio propagandistico del Regime.

WorldCup1934poster

La locandina

Il campionato mondiale di calcio 1934 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1934 è stata la seconda edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili organizzato dalla FIFA ogni quattro anni.

Si disputò in Italia dal 27 maggio al 10 giugno 1934 e fu vinto dall’Italia, che in finale sconfisse per 2-1 la Cecoslovacchia dopo i tempi supplementari.

L’assegnazione

L’8 ottobre del 1932, a Zurigo,[1] la Federazione accolse la richiesta del governo italiano e affidò l’organizzazione del secondo Campionato mondiale di calcio all’Italia. Mussolini sin dagli inizi del regime aveva promosso lo sport, e in particolare il gioco del calcio, anche a scopi propagandistici e nazionalistici: in un’Italia rurale e caratterizzata ancora dal campanilismo, il calcio era visto come strumento per favorire l’unità nazionale. Le città scelte per ospitare l’evento furono otto: Bologna, Firenze, Genova, Milano,Napoli, Roma, Torino e Trieste. L’altra candidata a ospitare i mondiali fu la Svezia (la finale sarà poi diretta dallo svedese Eklind).

Oltre ad essere il primo campionato del mondo disputato in Europa, quello del 1934 fu anche il primo torneo in cui si disputarono delle qualificazioni cui prese parte anche il paese ospitante. A Milano, l’Italia sconfisse la Grecia per 4-0. Alla fase finale presero parte 16 nazioni: 12 europee, 3 americane e, per la prima volta, un’africana, l’Egitto. Nessuna squadra extra-europea, comunque, superò gli ottavi di finale. L’Uruguay campione uscente rifiutò di partecipare in risposta a quanto avvenuto nel campionato mondiale di calcio 1930, quando molte delle nazionali europee, tra cui l’Italia, avevano declinato l’invito alla competizione per spese di viaggio e di soggiorno ritenute troppo alte.

Il torneo della Nazionale italiana

Nella prima partita l’Italia, il cui asse portante era costituito da giocatori della Juventus, la cosiddetta Nazio-Juve[2] (Combi, Monti, Bertolini, Orsi, Ferrari, Borel II), sconfisse senza problemi gli Stati Uniti per 7-1. L’incontro successivo, giocato contro la Spagna, si concluse 1-1: al momentaneo vantaggio spagnolo pose infatti rimedio Ferrari, con una segnatura anche facilitata da Meazza (o Schiavio) che ostacolò l’intervento del portiere spagnolo Zamora.

Il Wunderteam austriaco

In caso di parità dopo i tempi supplementari, era previsto che la partita venisse rigiocata, sicché le due nazionali si incontrarono di nuovo il giorno successivo, con molti giocatori sostituiti per entrambe le squadre a causa di stanchezza e infortuni (l’Italia era rinnovata per quattro giocatori su undici, la Spagna sette). La partita, descritta dalle cronache del tempo come decisamente dura e violenta, vide la vittoria dell’Italia per 1-0 e le proteste degli spagnoli per una loro rete annullata. Si giunse quindi in semifinale contro l’Austria, la quale proveniva anch’essa da un incontro con l’Ungheria che il Commissario tecnico austriaco Hugo Meisl aveva definito “Una rissa, non una partita di calcio“.[3] La semifinale venne vinta dall’Italia nuovamente per 1-0, grazie a un contestato gol di Guaita. Le opinioni, in proposito, sono discordi: alcuni ritengono che in occasione del gol azzurro Meazza avesse fatto fallo sul portiere austriaco Platzer,[4][5] altri che fosse stato invece il portiere a gettarsi su Meazza, finendo per restarne travolto.[6]

In finale contro la Cecoslovacchia furono poi proprio gli italiani a vincere: dopo che gli avversari si erano portati in vantaggio con Puč a un quarto d’ora dalla fine della partita, arrivò il pareggio di Orsi sei minuti dopo e la vittoria nei tempi supplementari grazie a un gol di Schiavio. Le successive vittorie nelle Olimpiadi del 1936 e nei Mondiali del 1938, confermarono il valore della nazionale azzurra di quegli anni. L’Italia non era partita tra le favorite, e il calcio, almeno in Italia, ancora non aveva raggiunto all’epoca quella popolarità che avrebbe assunto dal dopoguerra in poi, prova ne è il fatto che gran parte del tifo organizzato proveniva dalla Cecoslovacchia.

L’incasso totale per l’organizzazione fu di oltre un milione e mezzo di lire. Dopo la vittoria, i giocatori italiani ricevettero come premio-partita 20.000 lire a testa.

Stadi

Gli stadi scelti per ospitare il Campionato mondiale di calcio 1934 furono otto:

BolognaFirenzeGenovaMilano
Stadio LittorialeStadio Giovanni BertaStadio di Via del PianoStadio San Siro
Posti: 38.279Posti: 47.290Posti: 36.703Posti: 55.000
Stadio Littoriale.jpgPanorama-Stadio-Berta-Firenze.jpgVecchio Stadio Marassi 1.jpgStadioMilano1934.jpg
NapoliRomaTriesteTorino
Stadio Partenopeo “G. Ascarelli”Stadio Nazionale del PNFStadio LittorioStadio Benito Mussolini
Posti: 40.000Posti: 47.300Posti: 8.000Posti: 28.140
StadioPartenopeo.jpgStadio Pnf.jpgStadiodelLittorio.jpgStadio Comunale Benito Mussolini.jpg

Le partecipanti

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1934.

Piazzamenti delle nazionali

Convocazioni

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato mondiale di calcio 1934.

Risultati

Tabellone

Ottavi di finaleQuarti di finaleSemifinaliFinale
27 maggio – Roma
 Italia Italia 7
31 maggio I 1º giugno – Firenze
 Stati Uniti Stati Uniti 1
 Italia Italia 1 (1)
27 maggio – Genova
 Spagna Spagna 1 (0)
 Spagna Spagna 3
3 giugno – Milano
 Brasile Brasile 1
 Italia Italia 1
27 maggio – Napoli
 Austria Austria 0
 Ungheria Ungheria 4
31 maggio – Bologna
 Egitto Egitto 2
 Ungheria Ungheria 1
27 maggio – Torino
 Austria Austria 2
 Austria Austria 3
10 giugno – Roma
 Francia Francia 2
 Italia Italia 2
27 maggio – Trieste
 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 1
 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2
31 maggio – Torino
 Romania Romania 1
 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3
27 maggio – Milano
 Svizzera Svizzera 2
 Svizzera Svizzera 3
3 giugno – Roma
 Paesi Bassi Paesi Bassi 2
 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3
27 maggio – Bologna
 Germania Germania 1Incontro per il terzo posto
 Svezia Svezia 3
31 maggio – Milano7 giugno – Napoli
 Argentina Argentina 2
 Svezia Svezia 1 Germania Germania 3
27 maggio – Firenze
 Germania Germania 2 Austria Austria 2
 Germania Germania 5
 Belgio Belgio 2

Ottavi di finale

Roma
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Italia Italia7 – 1
referto
Stati Uniti Stati UnitiStadio Nazionale del P.N.F. (25.000 spett.)

Arbitro:Svizzera Mercet

Trieste
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Cecoslovacchia Cecoslovacchia2 – 1
referto
Romania RomaniaStadio Littorio (9.000 spett.)

Arbitro:Belgio Langenus

Firenze
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Germania Germania5 – 2
referto
Belgio BelgioStadio Comunale Giovanni Berta (8.000 spett.)

Arbitro:Italia Mattea

Torino
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Austria Austria3 – 2
(d.t.s.)
referto
Francia FranciaStadio Municipale Benito Mussolini (16.000 spett.)

Arbitro:Paesi Bassi van Moorsel

Genova
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Spagna Spagna3 – 1
referto
Brasile BrasileStadio di Via del Piano (21.000 spett.)

Arbitro:Germania Birlem

Milano
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Svizzera Svizzera3 – 2
referto
Paesi Bassi Paesi BassiStadio Comunale di San Siro (33.000 spett.)

Arbitro:Svezia Eklind

Bologna
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Svezia Svezia3 – 2
referto
Argentina ArgentinaStadio Littoriale (14.000 spett.)

Arbitro:Austria Braun

Napoli
27 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Ungheria Ungheria4 – 2
referto
Egitto EgittoStadio Partenopeo Giorgio Ascarelli (14.000 spett.)

Arbitro:Italia Barlassina

Quarti di finale

Bologna
31 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Austria Austria2 – 1
referto
Ungheria UngheriaStadio Littoriale (23.000 spett.)

Arbitro:Italia Mattea

Milano
31 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Germania Germania2 – 1
referto
Svezia SveziaStadio Comunale di San Siro (3.000 spett.)

Arbitro:Italia Barlassina

Firenze
31 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Italia Italia1 – 1
(d.t.s.)
referto
Spagna SpagnaStadio Comunale Giovanni Berta (35.000 spett.)

Arbitro:Belgio Baert

Firenze
1º giugno 1934, ore 16:30 UTC+1
Italia Italia1 – 0
referto
Spagna SpagnaStadio Comunale Giovanni Berta (43.000 spett.)

Arbitro:Svizzera Mercet

Torino
31 maggio 1934, ore 16:30 UTC+1
Cecoslovacchia Cecoslovacchia3 – 2
referto
Svizzera SvizzeraStadio Municipale Benito Mussolini (12.000 spett.)

Arbitro:Austria Beranek

Semifinali

Roma
3 giugno 1934, ore 16:30 UTC+1
Cecoslovacchia Cecoslovacchia3 – 1
referto
Germania GermaniaStadio Nazionale del P.N.F. (15.000 spett.)

Arbitro:Italia Barlassina

Milano
3 giugno 1934, ore 16:30 UTC+1
Italia Italia1 – 0
referto
Austria AustriaStadio Comunale di San Siro (35.000 spett.)

Arbitro:Svezia Eklind

Finale per il 3º posto

Napoli
7 giugno 1934, ore 18:00 UTC+1
Germania Germania3 – 2
referto
Austria AustriaStadio Partenopeo Giorgio Ascarelli (7.000 spett.)

Arbitro:Italia Carraro

Finale per il 1º posto

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: finale del campionato mondiale di calcio 1934.
Roma
10 giugno 1934, ore 17:30 UTC+1
Italia Italia2 – 1
(d.t.s.)
referto
Cecoslovacchia CecoslovacchiaStadio Nazionale del P.N.F. (55.000 spett.)

Arbitro:Svezia Eklind

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Italia
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Cecoslovacchia
Italia
ITALIA:
PGianpiero Combi (c)
DEraldo Monzeglio
DLuigi Allemandi
CAttilio Ferraris
CLuis Monti
CLuigi Bertolini
AEnrique Guaita
AGiuseppe Meazza
AGiovanni Ferrari
AAngelo Schiavio
ARaimundo Orsi
Allenatore:
Italia Vittorio Pozzo
ITA-TCH 1934-FIN-CM.svg
Cecoslovacchia
CECOSLOVACCHIA:
PFrantišek Plánička (c)
DJosef Čtyřoký
DLadislav Ženíšek
CRudolf Krčil
CŠtefan Čambal
CJosef Košťálek
AAntonín Puč
AOldřich Nejedlý
AJiří Sobotka
AFrantišek Svoboda
AFrantišek Junek
Allenatore:
Cecoslovacchia Karel Petrů

Classifica marcatori

Il gol decisivo della finale: Schiavio batte Plánička nei supplementari.

Statistiche

  • Primo gol: Ernesto Belis, 3′ minuto di Svezia-Argentina
  • Ultimo gol: Angelo Schiavio, 95′ minuto di Italia-Cecoslovacchia
  • Gol più veloce: Ernst Lehner, 1′ minuto di Germania-Austria
  • Gol più lento: Antonín Puč, 76′ minuto di Italia-Cecoslovacchia
Informazioni su diego80 (1826 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: