ULTIM'ORA

Comuni della Bergamasca – Orio al Serio

comune
Orio al Serio – StemmaOrio al Serio – Bandiera
Orio al Serio – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
SindacoAlessandro Colletta (lista civica Orio viva) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate45°40′48″N 9°41′26″ECoordinate: 45°40′48″N 9°41′26″E (Mappa)
Altitudine241 m s.l.m.
Superficie3,04[1] km²
Abitanti1 751[2] (30-09-2013)
Densità575,99 ab./km²
Comuni confinantiAzzano San Paolo,Bergamo, Grassobbio,Seriate, Zanica
Altre informazioni
Cod. postale24050
Prefisso035
Fuso orarioUTC+1
CodiceISTAT016150
Cod. catastaleG108
TargaBG
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 522 GG[3]
Nome abitantioriesi
Patronosan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia

Orio al Serio
Orio al Serio
Posizione del comune di Orio al Serio nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Orio al Serio nella provincia di Bergamo

Orio al Serio (Öre al Sère in dialetto bergamasco[4]) è un comune italiano di 1 751 abitanti[5] della provincia di Bergamo in Lombardia. Il comune si trova a circa 3 chilometri a sud-est del capoluogo orobico.

Recenti studi, coadiuvati da scavi, hanno accertato che i primi insediamenti umani che interessarono il territorio di Orio al Serio furono quelli di alcune piccole tribù del popolo dei Liguri, seguiti dagli Etruschi prima e dai Galli Cenomani poi.

La prima vera opera di urbanizzazione fu invece opera dei Romani, come si può evincere dalla vicinanza di alcune strade che rendevano la zona particolarmente importante sia dal punto di vista militare che da quello dei trasporti.

Si succedettero quindi le dominazioni dei Longobardi e dei Franchi. A quest’ultimo periodo risale il primo documento scritto che attesta l’esistenza del toponimo Orio: risalente all’anno 829, enuncia numerosi possedimenti della città di Bergamo sul territorio comunale. A quel periodo risale anche la costruzione, documentata da atti del 986, di rogge derivate dal vicino fiume Serio, chiamate Seriole ed utilizzate per scopi irrigui.

Nel corso del 1233 il comune di Orio ottenne la propria autonomia, anch’essa riportata da documenti ora custoditi nella biblioteca civica di Bergamo.

In epoca medioevale il territorio risentì in modo minore, rispetto ad altri borghi posti nelle vicinanze, delle lotte fratricide tra guelfi e ghibellini, situazione che giovò non poco alla popolazione. Tuttavia il borgo si dotò comunque di edifici volti alla difesa del territorio, come testimonia la torre che ancora fa mostra di sé nel centro storico, parte rimanente di un piccolo fortilizio.

A partire dal XV secolo, il paese venne posto sotto la dominazione della Repubblica di Venezia che, con una serie di importanti decisioni, riuscì a migliorarne la condizione sociale ed economica. Durante tale periodo Orio venne infeudato dalla Serenissima alla nobile famiglia dei Martinengo-Colleoni, discendenti del condottiero Bartolomeo Colleoni, che gestì il territorio fino al XVIII secolosenza particolari sussulti.

Da quel momento non si verificarono più episodi rilevanti sul territorio di Orio, che seguì le sorti politiche della città di Bergamo, venendo inglobato nella Repubblica Cisalpina prima, nel Regno Lombardo-Veneto poi, per essere definitivamente inserito nel neonato Regno d’Italia nel 1859.

Significativa è la presenza dell’aeroporto, a partire dal 1938, che, durante la seconda guerra mondiale, fu trasformato in scalo militare dalla Luftwaffe. Al termine del conflitto si cominciò a porre le basi per convertire l’aeroporto da militare a civile, operazione completata nel 1970. Nonostante il conflitto d’interessi con gli scali di Milano, iniziato negli anni novanta, lo scalo iniziò nell’autunno del 2002, la fase di rilancio definitiva, legata ai voli a basso costo. Alla fine del 2009 Orio al Serio è diventato il 4° scalo d’Italia per numero di passeggeri ed il primo scalo italiano per i voli low cost.

Nel 2013 il comune viene insignito del titolo di città.

Monumenti e luoghi d’interesse

Molto interessante è la Chiesa parrocchiale di San Giorgio, risalente al XVI secolo e ristrutturata più volte nei secoli successivi. Inizialmente intitolata a Santa Maria, si compone di un’unica navata con quattro piccole cappellette per ogni lato e presenta numerose opere pittoriche, tra le quali spiccano gli affreschi di Vincenzo Angelo Orelli e la Madonna col Bambino di Francesco Zucco. Nella chiesa parrocchiale infine è presente un organo con delle caratteristiche timbriche e sonore rilevanti sebbene sia di modeste dimensioni.

Tra gli edifici civili spicca il Palazzo Malliani, costruzione risalente al XVIII secolo ed eseguita per conto dell’omonima famiglia; dotata di linee molto raffinate ed eleganti, possiede un portico ad archi ed affreschi ormai danneggiati dal tempo e dall’incuria.

Infine è ben visibile la torre medievale, parte rimanente di una fortificazione medievale, edificata interamente in pietra ed alta ben 25 metri.

Accanto all’aeroporto è presente Oriocenter, uno dei centri commerciali più grandi in Italia.

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti[6]

Cultura

Eventi

  • Festa patronale di San Giorgio
  • Festa del Grespù
  • Festa del pescatore
  • Festa del Cacciatore
  • Cronorio: manifestazione ciclistica non competitiva.
  • Torneo della solidarietà
  • Onorificenza Torre Civica: istituita nel 2005

Sport

Nel 1973 fu fondata la Polisportiva Orio attiva inizialmente con il calcio e la pallavolo. Nel 2003 la società è stata rifondata con il nome di A.S.D. Nuova Polisportiva Orio comprendente al suo interno le seguenti attività: calcio, pallavolo, ciclismo, karate e rugby. Presidente della società, dalla rifondazione fino al dicembre 2014, è stato il Sig. Pietro Sperati già allenatore della prima squadra di calcio. La prima squadra di calcio milita dalla stagione 2013/14 nel campionato di terza categoria della provincia di Bergamo dopo un’inattività lunga 11 anni. Il più alto livello del calcio dilettantistico raggiunto dalla Pol. Orio è stata la prima categoria regionale, disputata nelle stagioni 1990/91, 1998/99 e 1999/2000.

Aeroporto di Bergamo-Orio al Serio

Aeroporto di Bergamo-Orio al Serio
Il Caravaggio International Airport, Orio al Serio (BG).jpg
Codice IATABGY
Codice ICAOLIME
Codice WMO16076
Nome commercialeAeroporto internazionale Il Caravaggio
Descrizione
TipoCivile
GestoreSACBO
Gestore torre di controlloENAV
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
CittàBergamo-Stemma.png Bergamo
PosizioneOrio al Serio
Base
  • Ryanair
  • Wizz Air
Costruzione1939
Classe ICAO4E
Cat. antincendio9ª ICAO
Altitudine AMSL238 m
Coordinate45°40′08″N 9°42′01″ECoordinate: 45°40′08″N 9°42′01″E (Mappa)
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia

LIME
LIME
Sito weborioaeroporto.it
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
10/282874 x 45
ILS-PAPI-T-VASIS
12/30778 x 18
Statistiche (Anno 2015)
Passeggeri in transito10 404 625 Green Arrow Up.svg 18,6%
Movimenti76 078 Green Arrow Up.svg 12,4 %
Cargo (tonnellate)121 045 Red Arrow Down.svg 1,8 %

Assaeroporti

L’Aeroporto Internazionale Il Caravaggio o Aeroporto di Bergamo-Orio al Serio[1] (IATA: BGY, ICAO: LIME) o Aeroporto di Milano-Bergamo, è un aeroporto italiano che si trova nel comune di Orio al Serio, a 5 km di distanza dal centro di Bergamo e 50 km dal centro di Milano, occupando anche porzioni del territorio dei comuni di Grassobbio e Seriate. È il terzo scalo italiano per numero di passeggeri.[2] Assieme all’aeroporto di Milano-Malpensa e all’aeroporto di Milano-Linate forma il sistema aeroportuale milanese di oltre 36 milioni di passeggeri annui (2014). Già intitolato all’aviatore Antonio Locatelli, il 23 marzo 2011 viene ufficialmente dedicato al celebre pittore di origini bergamasche Michelangelo Merisi, detto Il Caravaggio.[3]

Lo scalo è dedicato a voli di compagnie aeree a basso costo, ed è il primo in Italia per numero di passeggeri di voli low-cost. La compagnia Skytrax l’ha inserito tra i 10 migliori aeroporti low-cost del mondo. La ricognizione periodica dell’AIRES lo ha anche classificato al secondo posto in Italia per qualità dei servizi e al ventisettesimo al mondo.

Storia

I nuovi terminal dell’aeroporto.

L’aeroporto nasce nel 1937 per scopi militari. Nella provincia di Bergamo esistevano campi di volo già dal 1911 (ad Osio Sotto) e ne vennero costruiti altri durante la Prima guerra mondiale.

Nel 1949 istituti bancari, gruppi commerciali ed enti locali costituirono un comitato per dotare Bergamo di un aeroporto civile. La conclusione di questo lungo iter si ebbe il 16 luglio 1970, quando venne costituita la “Società per l’Aeroporto Civile di Bergamo – Orio al Serio”.

Nonostante l’opposizione degli enti amministrativi milanesi e della SEA, l’ente gestore diLinate e Malpensa, il 21 marzo 1972 partì da Orio il primo volo civile, diretto a RomaCiampino ed operato dalla compagnia aerea Itavia, inaugurato da varie autorità politiche.

Verso la fine degli anni ottanta, la SEA entrò nelle quote azionarie di SACBO per arrivare, nel 1993, fino ad un totale del 49,98% di partecipazione.

In concomitanza con il progetto Malpensa 2000, era allo studio un piano di ripartizione e riqualificazione degli scali regionali, assegnando a ciascuno una sua specializzazione, mantenendo però flessibilità operativa. Nello specifico, L’Eco di Bergamo del 12/12/1993, su questo argomento, allude ad un documento regionale del 1984. Un particolare riferimento a ciò è fatto dall’inserto de L’Eco di Bergamo del 29/06/1991.

Interno.

Secondo queste fonti, un passeggero arriverebbe in un aeroporto e ripartirebbe da un altro, trasportato con mezzi di terra a connessione rapida. Questo piano faceva di Orio uno scalo prevalentemente di voli charter e di alcuni voli di linea che non si potevano attestare né a Linate né a Malpensa e che sarebbero stati utilizzati soprattutto da passeggeri del Nord-est. Contestualmente, si parlava anche di un’integrazione societaria dei tre scali lombardi in un’unica società di gestione.

L’ingresso dell’aeroporto.

Questo progetto tramontò agli inizi degli anni novanta, quando si decise accentrare tutto su Malpensa, charter compresi. Verso la fine degli anni ’90 Orio al Serio ebbe un maggiore sviluppo, grazie all’apertura di Malpensa 2000. Questa crescita è stata spiegata anche dalla posizione baricentrica. Lo scalo si trova al centro di una regione con più di 9 milioni di abitanti, di cui almeno 5 gravitano attorno al bacino d’utenza e al centro esatto di tutta la pianura padana.[senza fonte]

Nel 2001 l’aeroporto ottiene la Certificazione di Qualità ISO 9001 del settore passeggeri.

I presupposti per lo sviluppo di Orio si sono creati nell’agosto 2002, in concomitanza con la chiusura temporanea di Linate per il rifacimento della pista e la deviazione di parte del traffico su Bergamo. In quest’occasione lo scalo orobico ha saputo dimostrare all’opinione pubblica e all’aviazione civile di essere pronto ed attrezzato per supportare volumi di traffico di gran lunga superiori al milione di passeggeri l’anno raggiunto nel 1999.

Un Airbus 320. Sullo sfondo Città Alta.

Nel 2003, con l’arrivo prima di Ryanair e poi di altri vettori a basso costo, Orio al Serio inizia a crescere in modo esponenziale e, nel giro di poco tempo, diventa il più importante scalo italiano dei voli low cost. Basti pensare che nel 2009 da Orio sono passati 7.160.008 persone, diventando il 4° scalo italiano per numero di passeggeri.[4]

Nel dicembre 2009 è stato inaugurato l’ampliamento della zona commerciale del terminal passeggeri, con nuovi servizi, negozi e punti ristoro. (La foto a destra si riferisce alla vecchia aerostazione.)

Il 23 marzo 2011 l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), delibera l’intitolazione dell’aerostazione all’artista Michelangelo Merisi. La denominazione ufficiale diviene “Il Caravaggio International Airport Bergamo Orio al Serio”.[5]

Per quanto riguarda il settore Cargo/Courier, da diversi anni Orio, ora Il Caravaggio, consolida saldamente la propria posizione come 3° scalo italiano per volume di merce trasportata,[6] ma oggigiorno SACBO, la società che gestisce lo scalo, intenzionata com’è a sviluppare il traffico passeggeri, rinuncia ad ulteriori cargo[senza fonte]. A tal proposito,SACBO ha rinunciato a costruire il Cargo Center a nord dello scalo ed è in corso una serie di trattative per spostare alcuni di questi voli sulla pista di Brescia[senza fonte].

La torre di controllo.

Nel 2014 l’aeroporto ha visto una fase di sviluppo notevole a partire dal riammodernamento delle infrastrutture. L’aeroporto ha chiuso al traffico aereo dal 13 maggio al 2 giugno per i lavori di rifacimento della pista di volo, la realizzazione del nuovo piazzale nord e relative vie di rullaggio e la modifica ai raccordi già presenti. Sempre nel 2014 sono iniziati i lavori di ammodernamento e ingrandimento dell’aerostazione lato arrivi. I lavori precedenti, quelli del 2009, avevano interessato solo l’ingrandimento del settore partenze; ora l’intervento ha interessato la completa zona degli arrivi, che è stata completamente rinnovata, ed è stato realizzato un piano rialzato che collegandosi con il settore partenze ne prolunga la dimensione di quest’ultimo. Questo ha portato alla crescita dei gate di imbarco, i quali sono stati rinumerati in base alle destinazioni: schengen (A) o extra-schengen (B), e la realizzazione di nuove attività commerciali. Con la nuova struttura sono stati realizzati 3 nuovi ponti di imbarco fissi, uno dei quali alla sua sommità ospita l’ufficio del coordinamento di scalo che ora ha una visione sul piazzale di propria competenza.

Nel dicembre 2015 l’aeroporto ha superato i 10 milioni[7] di passeggeri trasportati in un anno. La stima di 10,4 milioni al 31 dicembre porterebbe l’aeroporto in 3ª posizione nella classifica degli aeroporti italiani per traffico passeggeri. I principali motivi di questo notevole incremento sono la continua aggregazione di voli e compagnie aeree; per esempio le più recenti sono Pobeda Airlines, gruppo low-cost di Aeroflot, che ha aperto un collegamento giornaliero tra Bergamo el’Aeroporto di Mosca-Vnukovo.

Servizi aeroportuali

I servizi aeroportuali hanno da marzo 2007 visto SACBO perdere il monopolio ed avere il primo concorrente privato. Dopo una parentesi con “ASA Handling” che da marzo a giugno 2007 si è occupata di assistenza aeromobili e passeggeri TUI Fly. Da settembre 2007 “A.G.S. Handling” fornisce servizi di handling ad una serie di vettori sia passeggeri che cargo in aggiunta ai servizi di assistenza forniti da SACBO; la quale ha come clienti: Ryanair, MeridianaFly, TACV e Air Dolomiti.

Servizi di sicurezza

In passato i servizi di sicurezza erano espletati dalla SACBO stessa, con la sola supervisione della Polizia di Stato. I servizi di sicurezza sono stati esternalizzati alla società Fidelitas (sempre con la supervisione della Polizia di Stato); concorrono in ausilio alla sicurezza anche gli altri Enti: Guardia di Finanza, Enac e la società di gestione SACBO.

Servizio Antincendio Aeroportuale ARFF (Aircraft Rescue and Fire Fighting)

Il Servizio di soccorso antincendio aeroportuale è garantito dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. All’interno dell’aeroporto è presente la sede del Distaccamento Aeroportuale di Orio al Serio che dipende dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bergamo. Il servizio è operato 24 ore su 24 da 76 Vigili del Fuoco divisi in 4 turni.

Compagnie aeree e destinazioni

Passeggeri

Compagnia aereaDestinazioni
Air Arabia MarocCasablanca
Air CairoCharter stagionale:Il Cairo, Hurghada, Luxor, Sharm el-Sheikh
AlbaStarLourdes/Tarbes Charter stagionale’ Ibiza, Karpathos, Menorca, Palma de Mallorca
Blue AirBacău, Bucharest, Costanza
Blu-express
operato da Blue Panorama Airlines
Tirana
JetairflyCharter stagionale: Palma de Mallorca
MeridianaStagionale: Heraklion, Kos, Mostar, Mykonos, Olbia, Sharm el-Sheikh
Charter stagionale: Aqaba, Menorca, Palma de Mallorca fuerteventura
Pegasus AirlinesIstanbul-Sabiha Gökçen
Neos AirStagionale: Ibiza, Kos, Karpathos, Menorca, Palma de Mallorca
Charter stagionale: Djerba, Lampedusa, Marsa Alam, Mersa Matruh, Monastir
NouvelairCharter stagionale: Djerba, Monastir
Onur AirCharter stagionale: Antalya, Izmir
RyanairAlghero, Alicante, Atene, Barcellona, Bari, Berlino-Schönefeld, Bratislava, Brindisi, Bucarest-Henri Coandă, Budapest, Cagliari, Catania, Bruxelles-Charleroi, Colonia-Bonn, Copenaghen, Crotone, Dublino, East Midlands, Eindhoven, Fes, Fuerteventura, Gran Canaria, Francoforte-Hahn, Kraków,Lamezia Terme, Lanzarote, Lisbona, Londra-Stansted, Madrid, Málaga, Malta, Manchester, Marrakesh, Moss, Palermo, Parigi-Beauvais Tillé,Pescara, Porto, Riga, Saragozza, Siviglia, Stoccolma-Skavsta, Tallinn, Tenerife-Sud, Thessaloniki, Trapani, Valencia, Varsavia-Modlin Vilnius,Weeze, Wrocław
Stagionali: Billund, Brema, Bristol, Cefalonia, Chania, Corfu, Cork, Göteborg, Ibiza, Kalamata, Knock, Kos, Lourdes, Palma de Mallorca, Rhodes,Santander, Santiago de Compostela, Tampere
SmartLynx AirlinesStagionale: Riga
SmartLynx Airlines
operated by SmartLynx Airlines Estonia
Stagionale: Tallinn[8]
TACVStagionale: Sal
Trawel Fly
operato da Mistral Air
Stagionale: Comiso, Napoli, Olbia, Palermo, Pantelleria, Sharm el-Sheikh
Charter stagionale: Cagliari, Heraklion, Ibiza, Lampedusa, Malaga, Marsa Alam, Menorca, Palma de Mallorca, Rhodes, Tenerife South
TunisairCharter stagionale: Enfidha
VoloteaStagionale: Lampedusa, Pantelleria
Wizz AirArad, Bucharest, Chișinău, Cluj-Napoca, Craiova, Debrecen,[9] Gdańsk, Iași, Katowice, Košice,[10] Poznań, Praga, Skopje, Sofia, Târgu Mureş,Timişoara, Vilnius, Warsaw-Chopin
PobedaMosca-Vnukovo
DenimAirReggio Calabria

Voli cargo

  • Germania DHL Aviation (Ancona, Atene, Belgrado, Bologna, Bruxelles, Bucarest, Budapest, Châlons-en-Champagne, Colonia/Bonn, East Midlands, Ginevra, Lipsia/Halle, Lubiana, Parigi-Charles de Gaulle, Pisa, Sofia, Tel Aviv, Treviso, Vitoria, Zagabria)
  • Stati Uniti United Parcel Service (Ancona, Bologna, Colonia/Bonn)

Autonoleggi

Le compagnie di autonoleggio che servono l’aeroporto sono le seguenti:

Traffico e statistiche

Aeroporto di Bergamo Orio al Serio Caravaggio – Dati sul traffico
AnnoPasseggeriMovimentiCargo (tonnellate)
20054.356.14351.635136.339
20065.244.794 (+20.4%)56.358 (+9.1%)140.630 (+3.1%)
20075.741.734 (+9.5%)61.364 (+8.9%)134.449 (-4.4%)
20086.482.590 (+12,9%)64.390 (+4,9%)122.398 (-9,0%)
20097.160.008 (+10,4%)65.314 (+1,4%)100.354 (-18,0%)
20107.661.061 (+7,2%)67.167 (+6,3%)106.050 (+6,5%)
20118.419.948 (+9,7%)71.514 (+5,7%)112.556 (+5,3%)
20128.890.720 (+5,6%)74.220 (+3,8%)117.005 (+4,0%)
20138.964.376 (+0,8%)71.742 (-3,3%)116.112 (-0,8%)
20148.774.256 (-2,12%)67.674 (-5,67%)123.206 (+6,11%)
2015[11]10.305.158 (+18,5%)74.447 (+12,14%)120.933 (-1,27%)

Nota: durante l’anno 2014, l’aeroporto è stato chiuso per rifacimento pista dal 13 maggio al 2 giugno.

Rotte nazionali più trafficate (2014)[12]
PosizioneCittàPasseggeri
1Italia Bari395.912
2Italia Cagliari351.967
3Italia Lamezia Terme337.278
4Italia Brindisi321.557
5Italia Catania316.688
6Italia Palermo316.099
7Italia Trapani221.158
8Italia Alghero171.972
Rotte europee più trafficate (2014).[12]
PosizioneCittàPasseggeri
1Londra Stansted, Regno Unito433.762
2Bruxelles Charleroi, Belgio276.701
3Barcellona El Prat, Spagna249.108
4Parigi Beauvais, Francia216.251
5Valencia, Spagna206.733
6Madrid, Spagna170.258
7Dublino, Irlanda148.368
8Bucharest, Romania144.255
9Manchester, Regno Unito118.321
10Berlin-Schönefeld, Germania116.148
11Vilnius, Lituania113.560
12Siviglia, Spagna112.252
13Stoccolma, Svezia110.575
14Cracovia, Polonia109.426
15Eindhoven, Paesi Bassi109.320
16Ibiza, Spagna106.693
17Sofia, Bulgaria98.201
18Luqa, Malta92.244
19Budapest, Ungheria91.377
20Porto, Portogallo90.419

Accessibilità

L’aeroporto è facilmente accessibile grazie alla sua posizione favorevole (al centro della Lombardia) e ai molti mezzi che permettono di raggiungerlo facilmente.

In autobus

L’aeroporto è facilmente raggiungibile in autobus dalle città di Bergamo, Milano, Monza, Brescia e Torino grazie ai servizi di trasporto di diverse società pubbliche e private.

  • dalla stazione di Bergamo, parte una navetta diretta all’aeroporto ogni trenta minuti (Linea 1 Aeroporto), i biglietti possono essere acquistati presso l’edicola della stazione o presso gli appositi distributori ed il servizio è gestito dall’ATB.
  • dalla stazione di Milano Centrale partono due navette ogni trenta minuti gestite dalle società di trasporti Autostradale, Locatelli/Orioshuttle e Terravision (con possibilità di fermate intermedie a Cascina Gobba e a Cologno Monzese).
  • dalla stazione di Milano Lambrate, la navetta è gestita dalla società Autostradale e parte ogni tre o quattro ore.
  • dall’autostazione CIBA di Brescia, la navetta verso l’aeroporto del Caravaggio è gestita dalla società Autostradale con partenze ogni ora e mezza dalle quattro del mattino.
  • dall’autostazione di Torino la navetta è gestita dalla società Sadem con tre coppie di corse quotidiane e fermate intermedie a Santhià e Novara.
  • da Monza via Falcone e Borsellino la navetta è gestita da Locatelli/Orioshuttle ed effettua sette corse giornaliere.
  • da Malpensa aeroporto Terminal 1 e Terminal 2 la navetta è gestita da Locatelli/Orioshuttle ed effettua sette corse giornaliere.
  • presso l’aerostazione effettua fermata anche l’autolinea Milano-Bergamo-Boario Terme-Edolo-Tonale gestita da SAB Autoservizi.

In treno

L’aeroporto non è direttamente collegato alla rete ferroviaria, per raggiungere la stazione di Bergamo esiste un servizio di autobus. È però in progetto un collegamento ferroviario alla Stazione di Bergamo.[13]

In auto

L’aeroporto è facilmente raggiungibile in auto percorrendo l’autostrada A4 Milano-Venezia e imboccando l’uscita di Bergamo o Seriate. Accanto all’aerostazione sono presenti 3 parcheggi scoperti e 2 coperti. All’uscita degli arrivi è possibile noleggiare un’auto con autista oppure è possibile noleggiare un’auto presso le diverse società di noleggio presenti in aeroporto.

http://www.comune.orioalserio.bg.it/servizi/notizie/notizie_homepage.aspx  sito istituzionale

http://www.orioaeroporto.it/it/ sito aeroporto internazonale

http://www.oriocenter.it/it/home/ sito Oriocenter

Informazioni su diego80 (1872 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: