ULTIM'ORA

27 giugno 2001 – Muore l’attore americano Jack Lemmon

Jack Lemmon, nato John Uhler Lemmon III (Newton, 8 febbraio 1925 – Los Angeles, 27 giugno 2001), è stato un attore statunitense.

Ha vinto i maggiori premi di interpretazione nei principali festival europei: la Coppa Volpi al Festival di Venezia con Americani (1992),l’Orso d’argento per il miglior attore al Festival di Berlino per Tribute – Serata d’onore (1981) e il Prix d’interprétation al Festival di Cannesper Sindrome cinese (1979) e Missing – Scomparso (1982).

È uno dei pochissimi attori (gli altri sono Marcello Mastroianni e Dean Stockwell) ad aver ottenuto in due diverse occasioni il Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes.

Biografia

Era figlio unico di John Uhler Lemmon Jr. e di Mildred Burgess Larue Noel[1][2]; era di origini irlandesi[3]. Il padre era un uomo d’affari di successo della zona di Boston.

Lemmon studiò all’Università di Harvard[4].

Dopo un periodo, tra gli anni quaranta e i cinquanta, trascorso in televisione, ottenne il primo importante ruolo in Mister Roberts, del 1955, con il quale vinse il suo primo Oscar, come migliore attore non protagonista per l’interpretazione del pigro ed egoista ufficiale minore Frank Pulver; il secondo lo otterrà 18 anni dopo, questa volta come attore protagonista, per Salvate la tigre.

Lemmon fu l’interprete preferito del regista Billy Wilder che ne sfruttò con abilità l’innato talento brillante, e con il quale girò ben sette film: A qualcuno piace caldo (1959),L’appartamento (1960), Irma la dolce (1963), Non per soldi… ma per denaro (1966), Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? (1972), Prima pagina (1974) e Buddy Buddy (1981).

L’amico di una vita

Jack Lemmon in L’appartamento(1960)

Assieme a Walter Matthau formò per anni un proficuo sodalizio artistico, iniziato con Non per soldi… ma per denaro (1966), diretto proprio da Wilder, che ebbe la geniale intuizione di farli recitare insieme, e proseguito con diverse pellicole, delle quali forse la più rappresentativa ed emblematica è La strana coppia (1968), che avrà trent’anni dopo un seguito in La strana coppia 2 (1998), rimasto il loro ultimo film: in mezzo titoli di successo quali Prima pagina (1974) e Buddy Buddy (1981), sempre di Billy Wilder, Gli impenitenti (1997) e il dittico Due irresistibili brontoloni (1993) e That’s Amore – Due improbabili seduttori (1995). Inoltre i due apparvero, sebbene in scene diverse, nei film drammatici JFK – Un caso ancora aperto (1991) e Storie d’amore (1995), e nella sua unica regia Lemmon diresse proprio Matthau (Vedovo aitante, bisognoso affetto offresi anche babysitter, 1971).

Il figlio Chris recitò con lui in Airport ’77 (1977), Così è la vita (1986) e Dad – Papà (1989). L’ultima apparizione di Lemmon sul grande schermo fu un cameo, peraltro non accreditato, nel film di Robert Redford, La leggenda di Bagger Vance (2000).

Nel giugno 2001 Lemmon scomparve a causa di un cancro alla vescica[5]: aveva 76 anni e fu sepolto al Westwood Village Memorial Park Cemetery di Westwood (Los Angeles), accanto al suo fraterno amico Walter Matthau.

Vita privata

Lemmon si sposò due volte: prima dal 1950 al 1956 con l’attrice Cynthia Stone da cui ha avuto un figlio, Chris (1954); poi dal 1962 fino alla morte con Felicia Farr da cui ha avuto la figlia Courtney Noelle (1966).

Filmografia

Jack Lemmon ai Premi Emmy 1999

Attore

Cinema

  • La ragazza del secolo (It Should Happen to You), regia di George Cukor (1954)
  • Phffft… e l’amore si sgonfia (Phffft!), regia di Mark Robson (1954)
  • Mia moglie preferisce suo marito (Three for the Show), regia di H.C. Potter (1955)
  • La nave matta di Mister Roberts, regia di John Ford e Mervyn LeRoy (1955)
  • Mia sorella Evelina (My Sister Eileen), regia di Richard Quine (1955)
  • Autostop (You Can’t Run Away from It), regia di Dick Powell (1956)
  • Fuoco nella stiva (Fire Down Below), regia di Robert Parrish (1957)
  • Proibito ai militari (Operation Mad Ball), regia di Richard Quine (1957)
  • Cowboy, regia di Delmer Daves (1958)
  • Una strega in paradiso (Bell Book and Candle), regia di Richard Quine (1958)
  • A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot), regia di Billy Wilder (1959)
  • Attenti alle vedove (It Happened to Jane), regia di Richard Quine (1959)
  • L’appartamento (The Apartment), regia di Billy Wilder (1960)
  • Pepe, regia di George Sidney (1960)
  • La nave più scassata dell’esercito (The Wackiest Ship in the Army), regia di Richard Murphy (1960)
  • L’affittacamere (The Notorious Landlady), regia di Richard Quine (1962)
  • I giorni del vino e delle rose (Days of Wine and Roses), regia di Blake Edwards (1962)
  • Irma la dolce (Irma la Douce), regia di Billy Wilder (1963)
  • Sotto l’albero yum yum (Under the Yum Yum Tree), regia di David Swift (1963)
  • Scusa, me lo presti tuo marito? (Good Neighbor Sam), regia di David Swift (1964)
  • Come uccidere vostra moglie (How to Murder Your Wife), regia di Richard Quine (1965)
  • La grande corsa (The Great Race), regia di Blake Edwards (1965)
  • Non per soldi… ma per denaro (The Fortune Cookie), regia di Billy Wilder (1966)
  • Luv vuol dire amore? (Luv), regia di Clive Donner (1967)
  • La strana coppia (The Odd Couple), regia di Gene Saks (1968)
  • Sento che mi sta succedendo qualcosa (The April Fools), regia di Stuart Rosenberg (1969)
  • Un provinciale a New York (The Out-of-Towners), regia di Arthur Hiller (1970)
  • Vedovo aitante, bisognoso affetto offresi anche babysitter (Kotch), regia di Jack Lemmon (1971) – non accreditato
  • Oggi sposi: sentite condoglianze (The War Between Men and Women), regia di Melville Shavelson (1972)
  • Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? (Avanti!), regia di Billy Wilder (1972)
  • Salvate la tigre (Save the Tiger), regia di John G. Avildsen (1973)
  • Prima pagina (The Front Page), regia di Billy Wilder (1974)
  • Prigioniero della seconda strada (The Prisoner of Second Avenue), regia di Melvin Frank (1975)
  • La zingara di Alex (Alex & the Gypsy), regia di John Korty (1976)
  • Airport ’77, regia di Jerry Jameson (1977)
  • Sindrome cinese (The China Syndrome), regia di James Bridges (1979)
  • Tribute – Serata d’onore (Tribute), regia di Bob Clark (1980)
  • Buddy Buddy, regia di Billy Wilder (1981)
  • Missing – Scomparso (Missing), regia di Costa-Gavras (1982)
  • Mass Appeal, regia di Glenn Jordan (1984)
  • Maccheroni, regia di Ettore Scola (1985)
  • Così è la vita (That’s Life!), regia di Blake Edwards (1986)
  • Dad – Papà (Dad), regia di Gary David Goldberg (1989)
  • JFK – Un caso ancora aperto (JFK), regia di Oliver Stone (1991)
  • Americani (Glengarry Glen Ross), regia di James Foley (1992)
  • America oggi (Short Cuts), regia di Robert Altman (1993)
  • Due irresistibili brontoloni (Grumpy Old Men), regia di Donald Petrie (1993)
  • Storie d’amore (The Grass Harp), regia di Charles Matthau (1995)
  • That’s Amore – Due improbabili seduttori (Grumpier Old Men), regia di Howard Deutch (1995)
  • Matrimonio per colpa (Getting Away with Murder), regia di Harvey Miller (1996)
  • Fuga dalla Casa Bianca (My Fellow Americans), regia di Peter Segal (1996)
  • Hamlet (Hamlet), regia di Kenneth Branagh (1996)
  • Gli impenitenti (Out to Sea), regia di Martha Coolidge (1997)
  • La strana coppia 2 (The Odd Couple II), regia di Howard Deutch (1998)
  • La leggenda di Bagger Vance (The Legend of Bagger Vance), regia di Robert Redford (2000) – non accreditato

Televisione

  • Il grande Jack (The Entertainer), regia di Donald Wrye – film TV (1976)
  • Lungo viaggio verso la notte (Long Day’s Journey Into Night), regia di Jonathan Miller – film TV (1987)
  • L’assassinio di Mary Phagan (The Murder of Mary Phagan), regia di William Hale – film TV (1988)
  • Ricomincio da povero (For Richer, For Poorer), regia di Jay Sandrich – film TV (1992)
  • A Life in the Theater, regia di Gregory Mosher – film TV (1993)
  • A Weekend in the Country, regia di Martin Bergman – film TV (1996)
  • La parola ai giurati (12 Angry Men), regia di William Friedkin – film TV (1997)
  • La strada verso casa (The Long Way Home), regia di Glenn Jordan – film TV (1998)
  • …e l’uomo creò Satana (Inherit the Wind), regia di Daniel Petrie – film TV (1999)
  • I martedì da Morrie (Tuesdays with Morrie), regia di Mick Jackson – film TV (1999)

Cortometraggi

  • There Comes a Day (1968)
  • Wednesday, regia di Marvin Kupfer (1974)
  • Puppies for Sale, regia di Ron Krauss (1998)

Doppiatore

  • Le voyage en baloon, regia di Albert Lamorisse (1960)
  • I Simpson – serie TV, 1 episodio (1997)

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jack Lemmon è stato doppiato da:

  • Giuseppe Rinaldi ne La ragazza del secolo, Oggi sposi: sentite condoglianze, Phfft… e l’amore si sgonfia, Il prigioniero della seconda strada, Prima pagina, Un provinciale a New York, Salvate la tigre, Scusa, me lo presti tuo marito?, Sindrome cinese, Off limits – Proibito ai militari, Una strega in paradiso, La strana coppia, Sento che mi sta succedendo qualcosa, Sotto l’albero yum yum, L’affittacamere, I giorni del vino e delle rose, Come uccidere vostra moglie, Maccheroni, Non per soldi… ma per denaro, A qualcuno piace caldo, Airport 77, L’appartamento, La nave più scassata dell’esercito, Attenti alle vedove, Buddy Buddy, Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?,Cowboy, Fuoco nella stiva, La grande corsa, Irma la dolce, Mia moglie preferisce suo marito, Luv vuol dire amore?, Così è la vita, Missing – Scomparso, Ricomincio da povero, Dad – Papà, America oggi, Americani, Due irresistibili brontoloni, Storie d’amore, That’s amore – Due improbabili seduttori
  • Stefano Sibaldi in Mister Roberts, Mia sorella Evelina
  • Antonio Guidi in I due pretendenti
  • Cesare Barbetti in JFK – Un caso ancora aperto, La parola ai giurati
  • Sergio Graziani in Matrimonio per colpa
  • Francesco Carnelutti in Hamlet
  • Gianni Bonagura in Gli impenitenti
  • Luciano Melani in La strana coppia 2
  • Gianni Musy in La leggenda di Bagger Vance
  • Emilio Cappuccio in Ereditare il vento
  • Dante Biagioni in Storie d’amore
  • Pietro Biondi in Missing – Scomparso (ridoppiaggio)

Da doppiatore è sostituito da:

  • Silvio Anselmo ne I Simpson

Premi e candidature

Premio Oscar

  • 1956 – Miglior attore non protagonista per La nave matta di Mister Roberts
  • 1960 – Nomination al miglior attore protagonista per A qualcuno piace caldo
  • 1961 – Nomination al miglior attore protagonista per L’appartamento
  • 1963 – Nomination al miglior attore protagonista per I giorni del vino e delle rose
  • 1974 – Miglior attore protagonista per Salvate la tigre
  • 1980 – Nomination al miglior attore protagonista per Sindrome cinese
  • 1981 – Nomination al miglior attore protagonista per Tribute – Serata d’onore
  • 1983 – Nomination al miglior attore protagonista per Missing – Scomparso

Golden Globe

  • 1960 – Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicale per A qualcuno piace caldo
  • 1961 – Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicale per L’appartamento
  • 1963 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per I giorni del vino e delle rose
  • 1964 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per Irma la dolce
  • 1964 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per Sotto l’albero yum yum
  • 1966 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per La grande corsa
  • 1969 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per La strana coppia
  • 1971 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per Un provinciale a New York
  • 1973 – Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicale per Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?
  • 1974 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per Salvate la Tigre
  • 1975 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per Prima pagina
  • 1980 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per Sindrome Cinese
  • 1981 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per Tribute – Serata d’onore
  • 1983 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per Missing – Scomparso
  • 1987 – Nomination al miglior attore in un film commedia o musicale per Così è la vita
  • 1988 – Nomination al miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per Lungo viaggio verso la notte
  • 1989 – Nomination al miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per L’assassinio di Mary Phagan
  • 1990 – Nomination al miglior attore in un film drammatico per Dad – Papà
  • 1991 – Golden Globe alla carriera, premio Cecil B. DeMille
  • 1994 – Nomination al miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per A Life in the Theater
  • 1994Golden Globe Speciale per tutto il cast di America oggi
  • 1998 – Nomination al miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per La parola ai giurati
  • 2000 – Nomination al miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per I martedì da Morrie
  • 2000 – Golden Globe per il miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per …e l’uomo creò Satana

Altri premi

  • BAFTA quale miglior attore internazionale nel 1959 per A qualcuno piace caldo.
  • BAFTA quale miglior attore internazionale nel 1960 per L’appartamento.
  • David di Donatello quale miglior attore straniero nel 1975 per Prima pagina
  • Premio al miglior attore al Festival di Cannes 1979 per Sindrome cinese
  • Premio al miglior attore al Festival di Cannes 1982 per Missing – Scomparso
  • Orso d’argento per il miglior attore al Festival di Berlino 1981 per Tribute – Serata d’onore
  • Coppa Volpi al miglior attore alla 49ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia per Americani (1992)
Kennedy Center Honors - nastrino per uniforme ordinariaKennedy Center Honors
— 1996
Informazioni su diego80 (1877 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: