ULTIM'ORA

Oster, portem ol cont per piaser.

Ricevute degli anni '20 e '30 delle osterie di Brembilla

Clienti ai tavoli dell'osteria della "Rosa" di Cadelfoglia anni '50

Caterina Vanotti detta Catina proprietaria dell'Albergo del Sole

Caterina Vanotti detta Catina proprietaria dell’Albergo del Sole

 

dscn3599

Ricevuta del 1931 del Caffè del Ponte di Catina VANOTTI.

Inadita immagine del 1903 dell'Osteria del Forno, gentile concessione di Roberto GIOIA

Inedita immagine del 1903 dell’Osteria del Forno, gentile concessione di Roberto GIOIA

Ricevuta del 1931 dell'Osteria del Forno

Ricevuta del 1931 della Trattoria del Forno

Albergo della Posta, gentile concessione di Fabiano PELLEGRINI

Albergo della Posta, gentile concessione di Fabiano PELLEGRINI

Ricevuta del 1926 dell'Albergo della Posta per aver fornito VIN BRULE' alle truppe di militari

Ricevuta del 1926 dell’Albergo della Posta per aver fornito VIN BRULE’ alle truppe di militari

top-008

Trattoria del Bersaglio nel 1903, gentile concessione di Roberto GIOIA

Trattoria del Bersaglio del 1903, gentile concessione di Roberto GIOIA

Ricevuta del 1925 della Trattoria del Bersaglio

1 Commento su Oster, portem ol cont per piaser.

  1. Alessandro Pellegrini // 11 ottobre 2016 a 22:57 // Rispondi

    Alessandro Pellegrini, complimenti Oliviero, vecchie osterie, ma anche in quei alberghi cosa succedeva????? Cera una volta la vecchia osteria, ovvero
    Gh’ìa öna ölta la ègia osteréa

    Gh’ìa öna ölta la vègia osteréa, de sólet l’ ìa ‘n de la piàssa del paìs,
    mia tat de lontà de la césa. Apròf gh’ìa ol fùren del pà, la becheréa, ol frötaröl, ol barbér.
    Defò, sura la pòrta gh’ìa la scrìcia: “Osteréa”,
    pö ‘n bass, ‘nserìt ‘n del mür gh’ìa ü anèl de fèr,
    l’servìa ai bergamì di cuntrade per ligà i sò animài
    quando i vülìa vèndei in di dé del marcàt.

    Dedét, söl bànch gh’ìa del paste sèche e ü vas de éder co ‘ndel caramèle,
    dedrì öna cafetéra, quach chìchere, ol fiàsch del vì, la butiglia de la grapa e del marsala, di contenidùr de éder piombàcc: del lìter, del mès del quart, di càles e del caràfe.
    Quàse töte i osterée lé apröf i gh’ìa ol zöch del bòce.
    L’ostaréa l’ìa batìda di òmegn (l’ìa rara la presénsa del fómne),
    del dé e po’ a’ la sira,
    ‘n dó ch’ì püdìa passà ‘mpó de tép e fa quàch ciciarade, bìen ü càles, fa la partida al bòcie, al carte, scùa o trisèt… e giügasö po’ a ‘l quartì, e magare ‘nciocàs.
    Indi dé de fèsta, te püdìet troà po’ a chi ch’ì sunàa l’armònica o l’urghinì,
    e ‘n chèle ocassiù de sólet, l’ostér l’preparàa la bösèca;
    söl tarde quando che s’passàa defò de l’osterèa te sintìet a giügà a la mùra:
    “sìch!!! sés!!! sète!!!”, e pögn ch’i picaa zó söl tàol,
    amò ü mès, amò öna turnada: “sìch!!! sés!!! sète!!! mùra!!!… “
    Quando che te dervìet la pòrta,
    l’ te vignìa ‘ncuntra ün udùr de ì e ü fömaròt de sigàla che l’te fàa sta ‘ndré ‘l fiàt.

    Adès l’ostarea la ghe pö, le stacia sostitüìda dai pub…
    I zùegn che gl’a bat, i fa pö la partida a carte, a la mura,
    al bòce, ma i àrda con ün òcc a la televisiù grànda, e con chèl’óter al telefunì,
    e magare ‘ntàt i parla e i giüga col machinète……..

    C’era una volta la vecchia osteria,
    di solito era nella piazza del paese, non tanto lontano dalla chiesa.
    Vicino c’erano il fornaio, il macellaio, il fruttivendolo, il barbiere. Fuori, sopra la porta porta, c’era l’ insegna “Osteria” , “Osteria Vino Buono”, e altri titoli. Più in basso, inserito nel muro, un anello di ferro serviva al contadino delle contrade per l’attracco dei suoi animali che metteva in vendita nei giorni del mercato.Dentro, sul banco, c’erano delle paste secche e un contenitore di vetro con delle caramelle, dietro il banco una caffettiera, qualche tazza, il fiasco del vino, la bottiglia della grappa e del marsala, e dei contenitori di vetro piombato: litro, mezzo litro, un quarto, caraffe e calici. Era frequentata dagli uomini di giorno (era rara la presenza di donne), e anche la sera, lì potevano passare un po’ di tempo e fare una chiacchierata, bere un calice, fare una partita a bocce o carte, a scopa o tresette… giocarsi anche il quartino, e magari ubriacarsi.
    Nei giorni di festa, ci potevi trovare anche chi suonava la fisarmonica o l’organino e, in quelle occasioni di solito l’oste preparava la trippa; sul tardi, quando si passava fuori dall’osteria, si sentiva giocare alla morra: “Cinque ! sei ! sette !” e i pugni che picchiavano sul tavolo, poi ancora un mezzo litro, ancora una tornata, “cinque ! sei ! sette ! morra! “. Quando si apriva la porta, ti veniva incontro l’odore del vino e del fumo del sigaro che ti faceva mancare il respiro. Quasi tutte le osterie avevano vicino il campo delle bocce.
    Adesso l’osteria non c’ è più, è stata sostituita dai pub… I giovani che li frequentano non fanno più la partita a carte, alla morra, o alle bocce, ma guardano con un occhio la televisione a maxi schermo, e con l’altro al telefonino, e magari intanto parlano e giocano con le slot machines.
    Alessandro Pellegrini 2012. Alessandro

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: