ULTIM'ORA

Alessandro Del Piero: un calciatore rimasto uomo.

Non posso fare a meno, da tifoso juventino, di ricordarmi sempre con affetto Alessandro Del Piero, ad ogni compleanno, anche oggi, che ha spento 42 candeline. Giocatore dalla classe immensa, ha legato il suo nome alla Juventus, con cui ha militato dal 1993 al 2012, diaciannove stagioni in cui ha dispensato la sua classe e vinto tutto, o quasi, chiudendo in modo forse triste e deluso un rapporto che la nuova dirigenza gli fece capire di non volere continuare. E’ andato in Australia ed in India per erogare gli ultimi lampi del suo talento, poi ha deciso di non rimanere nel mondo del calcio per ora, ma di fare il commentatore sportivo per Sky, e di continuare comunque a seguire le vicende della Juventus, ed i tifosi sperano in un ritorno in un ruolo dirigenziale.

 

Nato a Conegliano Veneto nel 1974, Alex  ha segnato in tutte le competizioni a cui ha partecipato con la squadra, della quale detiene il primato assoluto di reti (290) e di presenze (705). Secondo, dietro Silvio Piola (390), nella classifica dei migliori marcatori italiani di tutti i tempi con 346 gol segnati in carriera,[13][14] è stato inserito per tre anni consecutivi (1995-1996, 1996-1997, 1997-1998) nella squadra dell’anno secondo l’European Sports Media. L’Association of Football Statisticians, classificando i più grandi calciatori di sempre, lo ha incluso al 60º posto.[15][16]

Nel 2004 è stato inserito nella FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi redatta da Pelé e dalla FIFA in occasione delle celebrazioni del centenario della Federazione internazionale, ed è risultato 49º nell’UEFA Golden Jubilee Poll, un sondaggio online condotto dalla UEFA per celebrare i migliori calciatori d’Europa dei cinquant’anni precedenti.[17]Inoltre è stato incluso sei volte tra i 50 candidati al Pallone d’oro, classificandosi quarto nel 1995[18] e nel 1996.[19] Con la Nazionale ha totalizzato 91 presenze e 27 reti, partecipando a tre Mondiali e quattro Europei, l’ultimo dei quali da capitano.

È stato il migliore calciatore italiano nel 1998 e nel 2008, nominato dall’AIC.[20] Nel 2007 lascia la sua impronta nella “Champions Promenade” vincendo il Golden Foot.[21] Ha conquistato quattro titoli di capocannoniere: in UEFA Champions League nel 1998 con 10 gol, in Coppa Italia nel 2006 con 5 gol, in Serie B nel 2007 con 20 gol e in Serie A nel 2008 con 21 gol.

LA CARRIERA IN PILLOLE- Iniziò a tirare i primi calci al pallone nel campo parrocchiale di Saccon,[73][74] per poi giocare nella squadra del paese natale San Vendemiano dove, nonostante la giovane età, mise subito in luce la sua bravura, anche se la madre voleva che giocasse in porta, così da sudare di meno e non ammalarsi.[75] Il sacerdote del paese, che fungeva anche da presidente della squadra, parlò del giovane con alcuni dirigenti del Padova, inizialmente invano a causa delle perplessità dovute al fisico minuto ed esile del ragazzo.[76]

Nel 1992 venne acquistato dalla squadra patavina e inserito nella formazione Allievi. All’età di 17 anni, il 15 marzo 1992, esordì in Serie B sotto la guida di Bruno Mazzia[77], subentrando a Roberto Putelli in una gara contro il Messina,[78] e il 22 novembre seguente realizzò la sua prima rete con la maglia biancoscudata, la prima da professionista, siglando il 5-0 finale ai danni della Ternana.

Juventus

1993-1995: l’approdo in bianconero e il double nazionale

Nell’estate del 1993, grazie a Giampiero Boniperti, venne acquistato dalla Juventus per cinque miliardi di lire – firmando il suo primo contratto da professionista[81] –, soddisfacendo così il desiderio del calciatore stesso di voler giocare nella squadra di cui è sempre stato tifoso.[75] Benché il tecnico Giovanni Trapattoni lo portò subito in ritiro con la prima squadra, venne in seguito inserito nella formazione Primavera allenata da Antonello Cuccureddu, partecipando con la squadra alla conquista del Torneo di Viareggio e dello scudetto di categoria nel 1994.[82]

Del Piero realizza il suo 1º gol in Serie A nonché in maglia bianconera, che valse il definitivo 4-0 in Juventus-Reggiana del 19 settembre 1993

Nel frattempo, esordì in Serie A il 12 settembre 1993, subentrando a Fabrizio Ravanelli al 74′ di Foggia-Juventus, terminata poi 1-1; tre giorni dopo, nei trentaduesimi di finale della Coppa UEFA, debuttò come sostituto nelle competizioni europee nella sfida vinta 3-0 contro la Lokomotiv Mosca. A una settimana dall’esordio in campionato, realizzò il suo primo gol in bianconero, in Juventus-Reggiana, firmando il 4-0 finale.[83][84] Il 20 marzo 1994 mise a segno una tripletta nel 4-0 con cui la Juventus batté il Parma: da quel momento, Del Piero fu impiegato con maggiore continuità.[85]

Al termine di quella prima stagione in bianconero, in cui si divise tra le giovanili e la prima squadra, totalizzò 14 presenze tra campionato, Coppa Italia e Coppa UEFA, e realizzò 5 reti, tutte in massima serie.[85] Nell’estate del 1994 nella Juventus cambiarono intanto i vertici societari, con l’arrivo di Antonio Giraudo, Roberto Bettega e Luciano Moggi, i quali affidarono la squadra a Marcello Lippi.

Nella stagione 1994-1995, il 13 settembre, realizzò il primo gol in Europa, nell’incontro di Coppa UEFA contro il CSKA Sofia terminato 3-2 per la formazione bulgara; il gol fu vano, ai fini del risultato – in quanto la giustizia sportiva europea annullò l’esito del campo causa la posizione irregolare del giocatore bulgaro Petăr Mihtarski, assegnando la vittoria per 3-0 a tavolino alla Juventus –, ma comunque conteggiato nelle statistiche UEFA.

Del Piero (a destra) mentre realizza il gol del 3-2 in Juventus-Fiorentina del 4 dicembre 1994, rimasto tra i più famosi della sua carriera[86]

Il 4 dicembre, in campionato, siglò uno dei suoi gol più famosi, con cui permise alla squadra di battere per 3-2 in rimonta la Fiorentina.[87]

Campione d’Italia e vincitore della Coppa Italia, debuttò anche in Nazionale nel marzo del 1995. In questa stagione, complice il serio infortunio in cui incappò il compagno di squadra Roberto Baggio sul finire del 1994, Del Piero ebbe modo di giocare per la prima volta con continuità in maglia bianconera, emergendo definitivamente ad alti livelli.[88]

1995-1998: tre anni di successi in Italia e nel mondo

Nella stagione 1995-1996 la Juventus, per ragioni sia anagrafiche sia economiche, decise di puntare su di lui lasciando quindi partire Roberto Baggio, non senza perplessità da parte dei tifosi e degli organi di stampa riguardo al rischio di affidare gran parte delle sorti della squadra a un ventenne che, per quanto promettente, aveva ancora molto da dimostrare.[89]

Il 13 settembre realizzò il primo gol in Champions League al Borussia Dortmund, con un tiro a giro sul secondo palo che diventerà la sua specialità.[90] Nel corso della competizione europea offrirà prestazioni di rilievo, segnando peraltro 5 gol consecutivi nelle prime 5 partite – record per un calciatore juventino (in seguito eguagliato dal solo Álvaro Morata venti anni dopo) –:[91] uno, il 13º e ultimo stagionale per lui, nella gara dei quarti di finale contro il Real Madrid del 20 marzo 1996, permise ai torinesi di accedere alle semifinali di Champions dove sfidarono il Nantes.

Del Piero realizza su punizione il suo quinto gol consecutivo in Champions League,[91] che valse il definitivo 1-2 in Juventus-Borussia Dortmund del 22 novembre 1995

Il 22 maggio vince il trofeo nella finale a Roma contro l’Ajax, superando gli olandesi per 4-2 ai rigori dopo l’1-1 dei supplementari.[92][93] Lo stesso anno vinse anche la sua prima Supercoppa italiana, servendo l’assist per il gol-partita di Vialli contro il Parma. Concluse l’intera stagione avendo giocato in tutte le partite per le quali era a disposizione, vinse il Trofeo Bravo 1995-96, assegnato al miglior giocatore Under-21 d’Europa, e giunse quarto nella graduatoria del Pallone d’oro 1995 e 1996.

Nel 1996-1997, a novembre, con un suo gol aiutò la Juventus a conquistare con un turno di anticipo un posto nei quarti di Champions League grazie alla quarta vittoria nella fase a gironi, un 1-0 contro il Manchester Utd: fino ad allora nessuna squadra italiana aveva mai vinto sul campo dell’Old Trafford.[94] Segnò anche la rete decisiva nella finale di Coppa Intercontinentale, il 26 novembre 1996, contro i sudamericani del River Plate; in seguito, alzò la sua terza coppa internazionale in meno di un anno contro il Paris SG, mettendo a referto una doppietta e due assist nella doppia finale di Supercoppa europea; poi si procurò uno strappo muscolare semitendinoso alla coscia destra che lo tenne fermo due mesi.[95] Giocò la seconda finale di Champions League consecutiva entrando nel secondo tempo, mentre la Juventus perdeva 2-0 contro il Borussia Dortmund (Lippi aveva preferito tenerlo in panchina dopo il rientro da un infortunio):[96] subito dopo l’ingresso in campo segnò il suo 15º e ultimo gol stagionale, un colpo di tacco al volo, che non evitò la sconfitta ai bianconeri nella finale, persa per 3-1. A fine stagione vinse comunque il suo secondo campionato e fu il miglior marcatore della rosa.

Del Piero festeggia, la notte del 22 maggio 1996, la vittoria della seconda Champions League della Juventus

Giocò la stagione 1997-1998 ad alto livello, vincendo subito la Supercoppa italiana. Il 1º ottobre 1997, in trasferta, si rese autore di un gol alle spese del Manchester Utd, il quarto più veloce nella storia della Champions, segnato dopo 20 secondi e 12 centesimi.[97][98] A fine anno fu uno dei sei giocatori della Juventus a essere nominato per il Pallone d’oro. Il 1º aprile 1998, contro il Monaco, realizzò una tripletta che gli permise di superare Platini per numero di gol in Champions, diventando il capocannoniere bianconero in questa competizione.[99]Segnò 5 gol nella fase a gironi e altri 5 in quella a eliminazione diretta spianando la strada alla sua squadra verso la sesta finale della sua storia. Miglior marcatore della competizione, giocò ogni minuto della fase a eliminazione diretta che portò poi la Juventus a perdere 1-0 la finale contro il Real Madrid, da lui giocata in precarie condizioni fisiche a causa di un precedente infortunio.[100] Il 26 aprile segnò ai rivali dell’Inter il gol che permise alla Juventus di avviarsi alla conquista dello scudetto. Chiuse la sua stagione avendo segnato 21 gol in campionato, 10 in Champions League e uno in Coppa Italia per un totale di 32 reti. Per la terza edizione consecutiva venne inserito nella Squadra dell’Anno ESM e fu premiato per le prestazioni del 1998 con un Oscar del calcio AIC come migliore calciatore italiano.[101]

1998-2001: il grave infortunio e la lenta ripresa

Il 1998-1999 cominciò con un gol alla Lazio nella Supercoppa italiana, che non bastò alla Juventus per vincere il trofeo. L’8 novembre 1998, il giorno prima del suo compleanno, al 92′ della partita Udinese-Juventus, si infortunò gravemente al ginocchio sinistro,[102] riportando la lesione del legamento crociato anteriore e posteriore che lo costrinse all’intervento chirurgico negli Stati Uniti e a rimanere fermo per 9 mesi,[103] dopo aver giocato appena 8 partite. Il campionato era ormai compromesso, mentre il percorso in Champions terminerà in semifinale contro il Manchester Utd, capace di rimontare al Delle Alpi il doppio svantaggio firmato da Filippo Inzaghi. Ai bianconeri sfuggì anche la qualificazione diretta alla Coppa UEFA, ottenuta poi tramite la vittoria estiva in Coppa Intertoto. La Juventus finì la stagione con l’abbandono del tecnico Lippi e il settimo posto in campionato. Intanto, il 29 giugno, dopo una lunga trattativa legata all’ingaggio e ai diritti di sfruttamento della sua immagine,[104][105] firmò il rinnovo del contratto con il club bianconero, con un adeguamento economico che portò il suo stipendio a 10 miliardi di lire all’anno, facendone al tempo il calciatore più pagato al mondo.[105][106] L’attesa per il suo rientro portò Gianni Agnelli a ribattezzarlo Godot.[107][108][109]

Tornato dall’infortunio, con Carlo Ancelotti in panchina, diede un contributo decisivo, tra gol e assist, alla vittoria dell’Intertoto.[110][111][112] Vincendo il trofeo in finale contro il Rennes, la Juventus divenne l’unica squadra in Europa a vincere tutte le sei competizioni per club dell’UEFA.[113] Titolare in tutte e 34 le partite di campionato, durante la stagione non giocò agli stessi livelli a cui aveva abituato in passato, al punto da alimentare dubbi sulle sue possibilità di recupero completo dall’infortunio.[114][115] Riuscì comunque a segnare 12 gol stagionali (seppur molti dei quali su rigore) e a servire oltre 20 rifiniture, di cui 14 in Serie A (miglior assist man del campionato[116]). Lo scudetto, per la sconfitta della Juventus a Perugia all’ultima giornata, tra molte polemiche,[117] andò alla Lazio, in vantaggio di un punto rispetto ai piemontesi.

Altalenante anche nella stagione 2000-2001, il 18 febbraio, durante la partita Bari-Juventus, segnò un gol che lo portò a esultare con un pianto e una dedica al padre, venuto a mancare pochi giorni prima.[118] Questo episodio rappresentò un nuovo spartiacque nella sua carriera: giocò un positivo finale di stagione e da quel momento ritrovò fiducia nei propri mezzi.[119] La Juventus chiuse nuovamente al secondo posto.[120]

2001-2004: gli scudetti da capitano e le due Supercoppe

Il ritorno di Marcello Lippi sulla panchina della Juventus coincise con un’ottima annata per Del Piero, che nella stagione 2001-2002 mise a segno 21 reti. Promosso capitano della squadra, al debutto casalingo in campionato il 26 agosto segnò due gol al Venezia, raggiundo e superando il traguardo dei 100 gol in maglia bianconera. Il 31 ottobre 2001, nell’incontro di Champions League perso contro gli scozzesi del Celtic per 4-3, segnò il 27º gol in campo europeo, superando il record di marcature nelle coppe europee con la casacca juventina precedentemente appartenuto a Roberto Bettega. Nell’ultima giornata di campionato, il 5 maggio 2002, grazie al passo falso dell’Inter che perse 4-2 in casa della Lazio, e alla vittoria della Juventus 2-0 a Udine, in cui Del Piero segnò e fece segnare un gol, vinse il suo quarto scudetto, primo da capitano, contribuendo con 16 realizzazioni e una buona somma di assist per il suo compagno di reparto. In quell’anno insieme a Trezeguet registrò il record come coppia d’attacco più prolifica d’Europa, 40 gol in due[121] (24 gol il franco-argentino, che gli valsero il primato nella classifica marcatori, insieme a Dario Hübner, e 16 suoi).

Iniziò al meglio la stagione 2002-2003 con 10 gol nelle prime 7 partite della Juventus. Realizzò due gol decidendo la Supercoppa italiana in favore della sua squadra. Nella partita Juventus-Brescia del 27 aprile, vinta 2-1, realizzò il suo 100º gol in Serie A. Giocò inoltre una parte significativa della corsa che portò i bianconeri alla finale di Champions League, segnando 5 reti, l’ultima nella semifinale di ritorno contro il Real Madrid, in cui fornì anche l’assist a Trezeguet per il gol di apertura, in una partita poi finita 3-1 per i bianconeri che ribaltarono così la sconfitta subita all’andata per 2-1, eliminando i campioni in carica dalla competizione.[122] Dopo aver vinto il quinto scudetto, nella prima finale tutta italiana della storia,[122]la Juventus venne sconfitta ai rigori dal Milan. Finì la stagione come capocannoniere della Juventus in Serie A e Champions League (in coabitazione con Pavel Nedvěd).

Nella stagione successiva, inserito per la settima volta in carriera tra i candidati per il Pallone d’oro, vinse la Supercoppa italiana con la Juve per la quarta volta, dopo la vittoria ai rigori contro il Milan, e perse la finale di Coppa Italia, avendo realizzato un ininfluente gol in finale alla Lazio.

2004-2006: il caso Calciopoli e la stagione nella serie cadetta

Del Piero in azione nel 2006 contro il Rimini

Nella stagione 2004-2005 il ruolo di titolare fisso nella Juventus venne messo in discussione dall’arrivo di Zlatan Ibrahimović e soprattutto dalle decisioni del nuovo allenatore Fabio Capello, che spesso lo relegò in panchina[123] e con il quale il giocatore non ebbe mai un rapporto ottimale dal punto di vista delle scelte tecniche.[124][125][126] .Tuttavia lasciò il segno nella trasferta scudetto di San Siro dell’8 maggio in casa del Milan, fornendo un assist su rovesciata al gol vittoria di Trezeguet. Concluse la stagione con un computo totale di 17 reti segnate, il migliore al club. Nell’ultima di campionato il 29 maggio segnò al Cagliari il gol di apertura nella vittoria per 4-2, vincendo lo scudetto che sarà in seguito revocato.[127] Nel corso della stagione superò Felice Borel[128] e Omar Sívori[129] tra i migliori marcatori nella storia della Juventus.

Nella stagione 2005-2006 raggiunse dapprima Bettega e in seguito Giampiero Boniperti, salendo a quota 185 reti con una tripletta alla Fiorentina, diventando il miglior cannoniere di sempre nella storia della Juventus.[130]

Il 12 febbraio 2006, da sostituto di Ibrahimović segnò su punizione il gol-vittoria nel derby d’Italia consolidando la marcia della Juventus verso la conquista del titolo.[131] Chiuse il campionato con una rete alla Reggina e festeggiando un altro scudetto, che in seguito alla vicenda Calciopoliverrà assegnato dalla FIGC all’Inter terza classificata. Segnò 20 gol, dei quali 3 in Champions League, 5 in Coppa Italia, di cui vinse la classifica marcatori, e 12 in campionato giocando da titolare in sole 17 delle 38 partite totali dei bianconeri. Il posto in Nazionale restava in dubbio a causa delle buone prestazioni di altri attaccanti italiani,[132] ma ottenne ugualmente la convocazione per il Mondiale.

In seguito alla retrocessione in Serie B della Juventus, con 17 punti di penalizzazione,[133] decisa dalla sentenza relativa a Calciopoli, fu tra i pochi della rosa che non lasciò la società.[134] Tredici anni dopo l’ultima esperienza con il Padova, il 9 settembre 2006 giocò contro il Rimini la sua prima partita in Serie B con la maglia della Juventus, che pareggiò 1-1. Sette giorni più tardi, sabato 16 settembre, scese in campo per la 500ª partita ufficiale tra i professionisti, di cui 486 con i bianconeri e 14 con i biancoscudati.

Maglia celebrativa delle 500 presenze di Del Piero con la Juventus, traguardo raggiunto nel campionato di Serie B 2006-2007

 

In tale circostanza segnò il primo gol nel campionato cadetto con la maglia juventina che sancì la vittoria per 2-1 contro il Vicenza il 16 settembre, prima vittoria del club torinese nel torneo, mentre il 28 ottobre segnò il suo duecentesimo gol in bianconero contro il Frosinone debuttante in Serie B, entrando definitivamente nella storia del club torinese.[135]

Il 20 gennaio 2007, nel corso di Juventus-Bari, toccò un traguardo che solo altri due calciatori del passato, Gaetano Scirea e Giuseppe Furino, erano riusciti a raggiungere, quello delle 500 presenze in gare competitive con la Juventus.[136] Chiuse il campionato con una doppietta all’Arezzonella vittoria 1-5, con cui la Juventus ottenne con tre giornate di anticipo la matematica certezza del ritorno in Serie A.[137]

Alla fine del torneo i suoi gol in totale furono 20 e gli consentirono di vincere il titolo di capocannoniere del campionato.

2007-2010: il ritorno in A e i 300 gol da professionista

Nel campionato 2007-2008 concesse il bis tra i cannonieri, stavolta in Serie A. Il 3 settembre successivo venne premiato con il Golden Foot 2007, piazzandosi davanti a Roberto Carlos e David Beckham.[138]

Del Piero il 7 ottobre 2007, nella stagione del ritorno dei bianconeri in massima serie, nel corso della trasferta contro la Fiorentina (1-1)

Il 6 aprile, giocando la partita numero 553, divenne il calciatore con più presenze nella storia della società torinese.[139]

Prima dell’ultima partita di campionato, che vedeva la Juventus confrontarsi con la Sampdoria a Marassi il 17 maggio, annunciò di voler vincere il titolo di capocannoniere insieme al compagno di squadra Trezeguet, con cui era fermo a 19 realizzazioni.[140] Dopo aver aperto le marcature al 6′ del primo tempo, al 15′ subì un fallo per cui venne concesso un rigore che, fedele al suo proposito, lasciò battere al compagno di squadra il quale, trasformandolo, lo raggiunse in vetta alla classifica marcatori; successivamente però, dopo un’insistita azione personale, venne nuovamente atterrato in area al 68′, guadagnò un nuovo penalty di cui si incaricò direttamente e la cui realizzazione gli valse la vetta solitaria della classifica marcatori.[141]

Nella stagione 2007-2008 portò la neopromossa Juventus a un inatteso terzo posto in classifica, terminando il campionato aggiudicandosi per la prima volta il primo posto nella classifica capicannonieri di Serie A, con 21 gol segnati; Del Piero diventò il secondo giocatore in Italia a essere riuscito per due anni consecutivi a vincere questa classifica dapprima in Serie B e poi in A (impresa riuscita prima solo a Paolo Rossi con la maglia del L.R. Vicenza nelle stagioni 1976-1977 e 1977-1978).

Nella stagione 2008-2009, dopo oltre due anni di assenza, tornò a disputare la UEFA Champions League, passando attraverso la fase preliminare. Raggiunta la fase a gironi, nella gara di ritorno contro il Real Madrid, disputata il 5 novembre al Santiago Bernabéu, realizzò entrambe le reti della vittoria della Juventus sui madrileni, diventando il primo giocatore di una squadra italiana a segnare una doppietta nello stadio spagnolo,[142] meritandosi una standing ovation al momento dell’uscita dal campo[143][144] e i complimenti di Diego Armando Maradona.[145]

Chiuse il 2008, il suo anno più prolifico, con 28 gol realizzati di cui 20 in Serie A, che lo laurearono capocannoniere dell’anno solare,[146][147] tagliando inoltre il traguardo dei 250 gol in maglia bianconera.[148] Il 19 gennaio 2009 venne premiato dall’AIC con tre Oscar del calcio, in qualità di miglior calciatore italiano, miglior cannoniere dell’anno solare 2008 e calciatore più amato dal pubblico.[149]

Del Piero realizza il suo 250º gol in bianconero, trasformando il rigore del 4-0 finale in Juventus-Reggina del 29 novembre 2008

Il 10 marzo, nella partita di ritorno degli ottavi di Champions Juventus-Chelsea, segnò il gol del momentaneo 2-1 per i bianconeri, che verranno poi eliminati dalla competizione.[150] Inoltre siglò la sua 115ª presenza nelle coppe internazionali, 111ª se si contano le sole coppe europee, con la maglia della Juventus, entrambi record assoluti. Il 10 maggio a San Siro contro il Milan nella partita terminata 1-1, entrò a 20 minuti dalla fine siglando così la sua seicentesima presenza con la maglia della Juventus, record assoluto.[151] Una settimana dopo, il 17 maggio, con 397 presenze in Serie A in maglia bianconera, eguagliò Scirea. Il 31 maggio gli venne consegnato all’Olimpico di Torino il Pallone d’argento come riconoscimento al calciatore più corretto del 2008-2009.[152]

Debuttò nella nuova stagione il 27 settembre 2009 nei minuti finali di Juventus-Bologna (1-1) tagliando il traguardo di 400 apparizioni in Serie A.[153][154] Si infortunò di nuovo il 1º ottobre procurandosi in allenamento una distrazione muscolare di primo/secondo grado alla coscia sinistra, la stessa del precedente infortunio.[155] A metà stagione, a causa di questi infortuni, concluse il girone d’andata senza segnare alcuna rete (per la prima volta da quando milita nella squadra bianconera).[156]

Dopo diverse panchine tornò al gol agli ottavi di Coppa Italia col Napoli il 13 gennaio 2010, segnando una doppietta decisiva per il passaggio del turno. Il primo gol in campionato giunse solo il 23 gennaio, alla seconda di ritorno, che valse il momentaneo vantaggio sulla Roma (poi vittoriosa per 2-1)[157] Il 14 marzo 2010 centrò i gol numero 300 e 301 della sua carriera nel pareggio casalingo per 3-3 contro il Siena. Finì la stagione come capocannoniere della squadra con 11 reti complessive.

2010-2012: la nuova era Agnelli e l’ultimo scudetto

 

Il 30 ottobre 2010, nella partita vinta 1-2 sul campo del Milan, realizzò il secondo gol della sua squadra scavalcando così Giampiero Boniperti quale marcatore juventino più prolifico della Serie A con 179 reti. Nella sfida esterna contro il Cagliari del 5 febbraio portò a 444 il numero di presenze in Serie A superando il record del club fissato da Boniperti.[158] Concluse la stagione con 11 reti e 6 assist che lo resero il miglior marcatore stagionale della Juventus per la nona volta in carriera.

La stagione successiva comincia con la scelta di Antonio Conte come nuovo tecnico della squadra (già suo capitano in squadra meno di dieci anni prima), e con l’esordio nel nuovo Juventus Stadium, grazie al quale Del Piero vanta il record di aver giocato e segnato in quattro degli impianti bianconeri. Questa sarà anche la sua ultima stagione da calciatore della Juventus.

L’11 aprile 2012, dopo essere subentrato a Mirko Vučinić nei minuti finali della sfida contro la Lazio, festeggia la 700ª partita con la Juventus segnando su punizione il gol-vittoria (2-1).[159] Il 6 maggio 2012 conquista lo scudetto con la maglia bianconera, con una giornata d’anticipo, nella partita giocata a Trieste contro il Cagliari vinta per 2-0, favorevole anche la vittoria dell’Inter contro il Milan per 4-2.[160][161][162]

Striscione dedicato a Del Piero il 20 maggio 2012 per la finale di Coppa Italia, ultima partita disputata in maglia bianconera

Il 13 maggio 2012 disputa la sua ultima partita in campionato con la maglia della Juventus, contro l’Atalanta, segnando il 290º gol della sua carriera bianconera; il capitano bianconero esce dal campo al 57′, acclamato dai tifosi in lacrime.[163] Sette giorni dopo, nella finale di Coppa Italia, la Juventus scende in campo con un distintivo speciale sulla maglia per celebrare l’ultima partita in bianconero del suo n. 10.[164]

Il 30 giugno 2012 è il suo ultimo giorno di contratto con la Juventus.

Sydney FC

« Ho avuto la fortuna di vincere tutto nella mia carriera, e di chiudere vincendo con la squadra della mia vita: la Juventus. Cercavo qualcosa di nuovo, di diverso, che non avesse punti di contatto con il mio passato: un’esperienza davvero nuova. E l’ho trovata a Sydney. »
(Alessandro Del Piero, 5 settembre 2012[165])

Del Piero in azione con la maglia del Sydney FC nel febbraio 2013

Il 5 settembre 2012 annuncia la firma con il club australiano del Sydney FC.[166] Fa il suo esordio con la nuova squadra nella prima partita della A-League 2012-2013 contro il Well. Phoenix, rimediando una sconfitta per 2-0;[167] nella giornata successiva realizza su punizione il primo gol in Australia, contro il Newcastle Jets.[168] Il 28 ottobre celebra la sua 800ª partita da professionista.[169] Il 19 gennaio 2013, nella partita in casa contro il Wellington Phoenix, mette a segno la prima quaterna in carriera, servendo anche un assist, che regala la vittoria agli Sky Blues per 7-1.[170] Chiuderà la stagione con 14 reti all’attivo (miglior cannoniere stagionale di sempre del Sydney[171]), con la sua squadra al settimo posto in classifica e fuori dalle finals series.

Nella stagione successiva, Del Piero viene nominato capitano della squadra,[172] ed eguaglia Giuseppe Meazza al secondo posto nella classifica dei migliori marcatori italiani di tutti i tempi con 338 reti, grazie al gol siglato contro il Melbourne Heart.

Del Piero in allenamento con gli Sky Blues nel 2014

Dopo alcune prestazioni non brillanti, anche a causa di problemi fisici,[173] alla penultima gara di campionato segna una doppietta nel 4-1 contro il Wellington Phoenix prima di chiudere la regular season fornendo due assist nella vittoria per 2-1 sul Perth Glory, che garantisce al Sydney FC il quinto posto in classifica e l’accesso alle finals series.[174] Conclude la stagione con un bottino di 10 gol e 9 assist, dopo la sconfitta per 2-1 nei quarti di finale delle finals series contro il Melbourne Victory.[175]

Il 28 aprile afferma che non rinnoverà il suo contratto con il Sydney FC,[176] club con il quale ha giocato 48 partite e segnato 24 gol.

Delhi Dynamos

Il 28 agosto 2014 firma un contratto di una stagione con la neonata franchigia indiana del Delhi Dynamos che milita nel nuovo campionato dell’Indian Super League.[177][178] Segna il suo primo e unico gol con gli arancioneri – l’ultimo della sua carriera – il 9 dicembre, su calcio di punizione, per il momentaneo 1-2 della sua squadra contro il Chennaiyin.[179] Termina il campionato al quinto posto, non raggiungendo la fase play-off, con all’attivo 10 presenze, chiudendo qui la sua attività agonistica.

Nazionale

Nazionali giovanili

Nel 1991 partecipò con l’Italia Under-17 al mondiale di categoria, realizzando una rete. Tra il 1992 e il 1993 giocò 14 partite con l’Italia Under-18, segnando 12 reti. Nel 1992 partecipa con la medesima selezione al torneo dedicato a Paolo Valenti dove esordisce il 12 aprile a Forlì, contro la Norvegia finita 2-0 per gl’italiani. Due giorni dopo contro la Grecia segna il suo primo gol in maglia azzurra. Dopo aver battuto la Spagna in semifinale segna nella finale di Ravenna il 19 aprile. A ottobre partecipa all’Europeo Under-18 dove debutta contro la Polonia, realizzando una tripletta nel successo italiano 5-1. L’Italia esce poi all’ultima partita del girone eliminatorio contro l’Ungheria (2-0 all’andata per l’Ungheria, 1-0 per l’Italia al ritorno).

Il 20 gennaio 1993 esordì nell’Italia Under-21 di Cesare Maldini nell’amichevole vinta 1-0 contro la Romania. Nel 1994 partecipò alle qualificazioni all’europeo di categoria, giocando anche la gara di ritorno dei quarti di finale contro la Cecoslovacchia in cui realizzò il primo gol con gli azzurrini. Giocò anche alcune partite di qualificazione al successivo europeo di categoria, disputando entrambe le gare dei quarti di finale contro il Portogallo.

In totale vestì in 12 occasioni la maglia dell’Under-21 realizzando 3 reti, quella succitata contro la Cecoslovacchia e altre due il 21 febbraio 1996, in amichevole, contro l’Ungheria.

Nazionale maggiore

Un giovane Del Piero in maglia azzurra nel 1995, in azione nella sfida di Bari contro l’Ucraina per le qualificazioni a Euro 1996

Il capitolo Nazionale maggiore è probabilmente quello più controverso nella carriera di Del Piero. A suo merito va il fatto di aver vestito 91 volte la maglia segnando 27 reti, quarto marcatore di sempre, a pari merito con Roberto Baggio. Non è tuttavia mai riuscito a spiccare nei campionati mondiali ed europei dove, in sette tornei differenti, ha marcato soltanto tre reti (due delle quali nei tre tornei mondiali, e una in quattro tornei europei).[180][181][182]

Il suo esordio nella Nazionale maggiore avvenne sotto la guida di Arrigo Sacchi a 20 anni, il 25 marzo 1995 contro l’Estonia (partita vinta dall’Italia per 4-1), mentre il primo gol fu segnato il 15 novembre seguente, contro la Lituania (4-0 per gli azzurri). Il 10 settembre 2008, nella gara contro la Georgia e valida per le qualificazioni al campionato mondiale di calcio 2010, ha disputato il suo ultimo incontro con la maglia azzurra.

1996-2000

Il commissario tecnico di Fusignano lo convocò per il campionato d’Europa 1996 in Inghilterra, a cui partecipò con il n. 14. Nella breve avventura degli azzurri, conclusasi al primo turno, fu impiegato solamente nella gara inaugurale, giocata l’11 giugno contro la Russia, come esterno di centrocampo, uscendo alla fine del primo tempo per far posto a Roberto Donadoni.[183]

L’anno successivo fece parte della selezione del nuovo CT Cesare Maldini che giocò il Torneo di Francia, per poi essere convocato al succitato campionato del mondo 1998 tenutosi in Francia. L’infortunio muscolare che patì pochi giorni prima dell’inizio della competizione mondiale, nella finale di Champions contro il Real Madrid, lo fece arrivare in condizioni di forma precarie, sicché il CT favorì Roberto Baggio per la prima partita degli azzurri contro il Cile. Esordì il 17 giugno 1998 a Montpellier entrando dalla panchina al 65′, al posto di Baggio, nella seconda partita del girone contro il Camerun, vinta 3-0.[184][185] Nell’ultima partita del girone contro l’Austria, vinta 2-1, serve l’assist per il gol di Vieri su calcio di punizione; nel secondo tempo si consuma di nuovo la “staffetta” ed esce al posto del Divin Codino.[186] Dopo essersi qualificata agli ottavi, il 27 giugno l’Italia batte la Norvegia 1-0; Del Piero parte di nuovo titolare al fianco di Vieri e viene sostituito da Enrico Chiesa al 77′.[187] L’Italia in seguito è eliminata ai quarti nella partita persa contro la Francia ai rigori, dopo lo 0-0 dei tempi supplementari, incontro disputatosi il 3 luglio. In questa occasione Del Piero è criticato per i suoi “movimenti incerti” e viene sostituito ancora una volta da Baggio nella ripresa.[180]

Del Piero assieme a Francesco Totti durante la finale di Euro 2000

 

Fu poi scelto dal nuovo commissario tecnico Dino Zoff per il campionato d’Europa 2000 in Belgio e Paesi Bassi, nonostante fosse da poco rientrato da un infortunio. Nell’ultima partita del girone contro la Svezia scese in campo dal primo minuto, fornendo l’assist a Di Biagio per il momentaneo 1-0 e realizzando all’88’ il gol del definitivo 2-1, con un tiro che si infilò all’incrocio dei pali della porta di Magnus Hedman.[188] Nella finale persa contro la Francia subentrò a Fiore al 53′, due minuti prima che l’Italia passasse in vantaggio. Successivamente fallì il gol del raddoppio al 59′ quando, liberato da Francesco Totti, calciò a lato davanti a Fabien Barthez, nonché il possibile golden goal al 9′ del primo tempo supplementare.[181]

2002-2008

Due anni dopo venne convocato dal nuovo CT Giovanni Trapattoni per il campionato del mondo 2002 giocato in Corea del Sud e Giappone, il secondo Mondiale per il giocatore. Anche durante questa edizione visse la staffetta con l’altro fantasista della squadra, Totti. Nella terza partita, giocata il 13 giugno contro il Messico, entrò al posto del romanista a 12′ dal termine, segnando all’85’ il gol del definitivo 1-1[189] (dedicato alla memoria del padre scomparso da poco) che mise al sicuro per l’Italia la qualificazione agli ottavi. Terminò il suo secondo Mondiale con 89′ giocati in 3 gare e una rete, la prima in questo tipo di competizione. In sei partite delle qualificazioni al campionato europeo di calcio 2004 andò a segno cinque volte, venendo poi convocato da Trapattoni per il campionato d’Europa 2004 organizzato in Portogallo, dove partì titolare in tutte le tre gare del gruppo C. L’Italia non andò oltre la fase a gioni.[190]

Del Piero festeggia negli spogliatoi dell’ Olympiastadion di Berlino, con il ministro Giovanna Melandri e il presidente Giorgio Napolitano, dopo la vittoria italiana al Mondiale 2006

 

Nel 2006 è Marcello Lippi, il tecnico che lo aveva lanciato nella Juventus, a essere il CT della Nazionale. Del Piero fu convocato per il campionato del mondo 2006 in Germania, la sua terza rassegna iridata, nella quale vive di nuovo il dualismo con Totti. Entrò a partita in corso nelle prime due sfide contro Ghana[191] e Stati Uniti,[192] giocando da titolare solo contro l’Australia.[193] Disputò la semifinale contro la Germania il 4 luglio, entrando negli ultimi minuti dei supplementari e risultando decisivo: prima batte il calcio d’angolo da cui parte l’azione dell’1-0 di Fabio Grosso, e poi realizza al 120′ il gol del definitivo 2-0, finalizzando il contropiede lanciato da Fabio Cannavaro e Alberto Gilardino, con un tiro all’incrocio dei pali che sarebbe stato il suo ultimo gol in azzurro.[194] Il 9 luglio all’Olympiastadion di Berlino, nella finale contro la Francia, dopo essere entrato a pochi minuti dalla fine dei tempi regolamentari finiti 1-1 per i gol di Zinédine Zidane e Marco Materazzi, segnò il quarto dei cinque rigori che assegnarono all’Italia il quarto titolo mondiale.[195][196]

Il 19 settembre del 2007, dopo il pareggio 0-0 a San Siro contro la Francia nelle qualificazioni al campionato europeo di calcio 2008, da tempo insoddisfatto per il modo in cui viene impiegato, chiede pubblicamente di non essere più convocato se non per giocare come attaccante e non spostato sulla fascia, come invece fa il nuovo CT Roberto Donadoni – pur sapendo che ciò potrebbe significare l’addio alla maglia azzurra,[197] che di fatto avviene in quanto non è più chiamato per le restanti gare di qualificazione. Tuttavia la buona stagione disputata nella Juventus, suggellata dalla vittoria nella classifica marcatori della Serie A, lo porta a essere comunque tra i selezionati per il campionato d’Europa 2008 in Austria e Svizzera;[198] a causa dell’infortunio di Cannavaro eredita i gradi di capitano della Nazionale azzurra,[199] che uscirà dalla competizione ai quarti di finale (ai rigori), contro i futuri campioni della Spagna.

Ha disputato il suo ultimo incontro con la maglia azzurra il 10 settembre 2008, nella gara contro la Georgia vinta 2-0 e valida per le qualificazioni al Mondiale 2010, nella quale subentra al 56′ ad Antonio Di Natale e serve l’assist per il secondo gol di Daniele De Rossi.[200]

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 9 dicembre 2014.

StagioneSquadraCampionatoCoppe nazionaliCoppe continentaliAltre coppeTotale
CompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiPresReti
1991-1992Italia PadovaB40CI0040
1992-1993B101CI00101
Totale Padova14100141
1993-1994Italia JuventusA115CI10CU20145
1994-1995A298CI101CU112[11]5011
1995-1996A296CI21UCL116SI104313
1996-1997A228CI40UCL64SU+CInt2+12+13515
1997-1998A3221CI41UCL1010SI104732
1998-1999A82CI10UCL40SI11143
1999-2000A349CI21Int+CU3+61+14512
2000-2001A259CI20UCL60339
2001-2002A3216CI41UCL1044621
2002-2003A2416CI00UCL135SI123823
2003-2004A228CI43UCL43SI103114
2004-2005A3014CI10UCL10[201]34117
2005-2006A3312CI45UCL73SI104520
2006-2007B3520CI233723
2007-2008A3721CI434124
2008-2009A3113CI32UCL9[202]64321
2009-2010A239CI12UCL+UEL2+302911
2010-2011A338CI20UEL10[203]34511
2011-2012A233CI52285
Totale Juventus51320856251275196705290
2012-2013Australia Sydney FCAL24142414
2013-2014AL23+1[204]10+02410
Totale Sydney FC47+1244824
2014India Delhi DynamosISL101101
Totale carriera584+1234562512751
Informazioni su diego80 (1905 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

1 Commento su Alessandro Del Piero: un calciatore rimasto uomo.

  1. Bravo Diego! Bell’articolo. Me lo sono letto tutto volentieri. Io di lui ricordo al volo : gol del 3 a 2 contro la Fiorentina, il gol a Torino nel 2003 contro il Real è le due standing ovation che i tifosi avversari gli riiservarono all’ old trafford e al bernabeu.

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: