ULTIM'ORA

Dal Giappone arriva la cartina geografica perfetta

Dal Sol Levante, un nuovo modo di vedere e rappresentare il mondo....

Ormai la forma geografica del mondo l’abbiamo studiata, fin dalle scuole elementari, con la classica cartina del planisfero redatta dal cartografo olandese Gerardo Mercatore nel 1541. Questa è la sua proiezione in 2D che viene riportata da ormai tutti gli atlanti e tutte le cartine da tempi ormai immemori.

karte-0-9000

Eppure dal Giappone arriva un nuovo tipo di proiezione, una cartina ritenuta perfetta ed accurata: si chiama The AuthaGraph World Map, ed è stata meticolosamente tracciata da Hajime Narukawa della Graduate School of Media e Governance della Keio University di Tokyo, che si è appena aggiudicato il primo premio Japan’s Good Design Award. Questa è la sua rappresentazione.

authagraph-world-map

Il cartografo giapponese ha voluto disegnare il globo rendendolo più vicino alla sua forma sferica, ed anche se ogni riproduzione piatta di una realtà sferica può avere qualche imperfezione in eccesso o in difetto, da notare come questa cartina, rispetto a quella tradizionale, dia più il senso della rotondità della Terra. I continenti sono stati inclinati per far capire la loro reale dimensione e mettere in risalto le effettive distanze tra loro, e da notare che quì il mondo inizia con l’Africa all’estrema destra, non con l’Alaska come nel classico planisfero.

Le differenze paiono nette: ad esempio il Polo Sud, che occupa in estensione tutta la parte inferiore dell’emisfero sud nelle carte tradizionali, nella AWM appare una piccola macchia rotonda a destra, lontanissimo da Australia e dall’Africa, come invece succede in quelle tradizionali. Anche la Groenlandia appare lontanissima rispetto all’Europa e la stessa Islanda sembra completamente staccata dal continente, a pochi passi dal Canada.  Ovviamente, se si provasse a rendere sferica questa rappresentazione, diverse zone tornerebbero al loro posto. Ma l’idea di avere un mondo obliquo, dove molte distanze sono diverse rispetto a ciò che siamo abituati a vedere, non da quel senso di deformazione di una credenza avuta finora, o è ciò che abbiamo creduto finora ad essere deformato? La proiezione di Narukawa sembra farci capire proprio questo.

Informazioni su diego80 (2325 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: