ULTIM'ORA

Nonna! La Musica!

La scoperta della musica presso la casa della nonna da parte di Marco.

Di Marco Locatelli

-Ciao Nonna!-
La donna alzò gli occhi dalla rivista che stava sfogliando e sorrise. Sulla soglia stava il nipote di 5 anni, tutto pelle ossa e lentiggini.
-Ciao Marco-
Il bambino, abitando nell’appartamento sottostante, andava e veniva liberamente e negli ultimi tempi le sue visite avevano un motivo ben preciso.
-Posso Nonna?-
Disse indicando con uno sguardo speranzoso ” il motivo” della sua presenza. Elisa, così si chiamava la donna, annui.
Allora il bambino spinse una sedia verso il suo obbiettivo, ci sali sopra e vi si mise in piedi. Era l’unico modo per raggiungere L’Oggetto dei Desideri.
Un (per lui) enorme marchingegno pieno di manopole, lucine e tasti… Il Giradischi!!! Ora sceglie un 45 giri (li conosce tutti) e dopo averlo pulito con l’apposita spazzolina, lo posiziona sul piatto.
Tutto concentrato preme un tasto, sposta una levetta e attende… La Magia della Musica è iniziata! Marco è entrato in un mondo tutto suo e ne uscirà dopo mooolto tempo.
Continuerà a cambiare dischi e alcuni verranno ascoltati più e più volte (La Fisarmonica di Gianni Morandi su tutti) mettendo a dura prova l’infinita pazienza della Nonna.
– In fin dei conti- pensa Elisa -Sono stata io ad insegnargli il funzionamento del giradischi e a permettergli di rovistare nella collezione di 45 giri.
E lui e è così felice di poterlo fare! Il padre, Andrea, da cui il bambino ha ereditato l’amore per la musica, le ha detto

insegnare-ai-bambini-a-suonare-la-chitarra
– A casa Marco “suona” una chitarra giocattolo e canta con così tanto impegno che ho inviato i miei amici a vederlo.-
Ne era orgogliosissimo e si vedeva. Le riflessioni della donna furono interrotte da grida di gioia.
-Nonna! La Musica!!!
-Si Marco… La musica.- Risponde Elisa.
E sospirando di nuovo, tentò di tornare alla sua rivista.
Questo aneddoto mi è stato raccontato più volte dalla Nonna. L’immagine di me in piedi sulla sedia mentre cambio dischi, e’ il primo ricordo che ho del mio legame con la Musica.
C’è stato un altro momento che non dimenticherò mai. È stato quando mio padre mi regalò La Mia Prima Vera Chitarra. Il cerchio si era chiuso. Avevo 9 anni e toccai il cielo con un dito.
Da allora “l’arte dei suoni organizzati” e l’amore per lo “strumento più bello del mondo” mi hanno sempre accompagnato, donandomi attimi di pura gioia e consolato dai dolori che inevitabilmente si incontrano nella vita.
Dalle prime percussioni dell’era preistorica a Stravinskij, da Bach a John Coltrane, gli esseri umani tramite la Musica cercano di far emergere quel qualcosa di inesprimibile che è dentro in ognuno di noi.
La Musica è un linguaggio universale e noi tutti dovremmo conoscerlo. Non per obbligo o mera conoscenza ma perché rinunciandovi, ci priverebbe di qualcosa di Meraviglioso.

Marco Locatelli 2016

Chi volesse pubblicare un proprio scritto, componimento, lettera, ricordo o poesia la può inviare a : info@vbtv.it

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: