ULTIM'ORA

Sant’Ambrogio, patrono di Milano

 

In occasione della ricorrenza di Sant’Ambrogio, patrono di Milano, caduta il 7 dicembre, ecco alcuni accenni sul Santo:

Aurelio Ambrogio (Aurelius Ambrosius), meglio conosciuto come sant’Ambrogio (Treviri, incerto 339-340 – Milano, 397) è stato un vescovo, scrittore e santo romano, una delle personalità più importanti nella Chiesa del IV secolo. È venerato come santo da tutte le Chiese cristiane che prevedono il culto dei santi; in particolare, la Chiesa cattolica lo annovera tra i quattro massimi dottori della Chiesa d’Occidente, insieme a san Girolamo, sant’Agostino e san Gregorio I papa.

Conosciuto anche come Ambrogio di Treviri, per il luogo di nascita, o più comunemente come Ambrogio di Milano, la città di cui assieme a san Carlo Borromeo e san Galdino è patrono e della quale fu vescovo dal 374 fino alla morte, nella quale è presente la basilica a lui dedicata che ne conserva le spoglie.

Biografia

vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Sant’Ambrogio

Milano e il rito ambrosiano

Sant’Ambrogio con in mano il flagello contro i nemici di Milano, in un bassorilievo quattrocentesco

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Rito ambrosiano.

L’operato di Sant’Ambrogio a Milano ha lasciato segni profondi nella diocesi della città.

Già nel settembre del 600 papa Gregorio Magno parlò del neoeletto vescovo di Milano, Deodato, non tanto come successore, bensì come “vicario” di sant’Ambrogio (equiparandolo quasi ad un secondo “vescovo di Roma”).[19] Nell’anno 881 invece papa Giovanni VIII definì per la prima volta la diocesi “ambrosiana“, termine che è rimasto ancora oggi per identificare non solo la Chiesa di Milano, ma talvolta anche la stessa città.

L’eredità di Ambrogio è delineata principalmente a partire dalla sua attività pastorale: la predicazione della Parola di Dio coniugata alla dottrina della Chiesa cattolica, l’attenzione ai problemi della giustizia sociale, l’accoglienza verso le persone provenienti da popoli lontani, la denuncia degli errori nella vita civile e politica.[19]

L’operato di Ambrogio lasciò un segno profondo in particolare sulla liturgia. Egli introdusse nella chiesa occidentale molti elementi tratti dalle liturgie orientali,in particolare canti e inni. Si attribuisce ad Ambrogio l’inno Te Deum laudamus, ma la questione è controversa e negata anche da Luigi Biraghi. Le riforme liturgiche furono mantenute nella diocesi di Milano anche dai successori e costituirono il nucleo del Rito ambrosiano, sopravvissuto all’uniformazione dei riti e alla costituzione dell’unico rito romano voluta da papa Gregorio I e dal Concilio di Trento.

In dialetto milanese Ambrogio viene chiamato sant Ambroeus (grafia classica) o sant Ambrös (entrambi pronunciati “sant’ambrœs”).

Alla sua figura è ispirato anche il premio Ambrogino d’oro, che è il nome non ufficiale con cui sono comunemente chiamate le onorificenze conferite dal comune di Milano.

Sant’Ambrogio e il canto liturgico

Michael Pacher, Sant’Ambrogio, Monaco, Alte Pinakothek

Con il termine di ambrosiano non si definisce solo il rito della Chiesa Cattolica che fa riferimento al santo, ma anche un preciso modo di cantare durante la liturgia. Esso viene indicato con il nome di canto ambrosiano. Esso è caratterizzato dal canto di inni, cioè di nuove composizioni poetiche in versi, che vengono cantate da tutti i partecipanti al rito.

A differenza di quanto avveniva per i salmi, solitamente cantati da un solista o da un gruppo di coristi, essi vengono invece cantati da tutti i partecipanti, in cori alternati, normalmente tra donne e uomini, ma in altri casi tra giovani e anziani o anche tra fanciulli e adulti. Alcuni di questi inni sono stati sicuramente composti da Ambrogio. La certezza viene dal fatto che a menzionarli è sant’Agostino, che fu discepolo di Sant’Ambrogio.

Essi sono:

  • Aeterne rerum conditor (cf. Retractionum I,21);
  • Iam surgit hora tertia (cf. De natura et gratia 63,74);
  • Deus creator omnium (ricordato nelle Confessioni e citato complessivamente ben cinque volte dal vescovo di Ippona);
  • Intende qui regis Israel (cf. Sermo 372 4,3).

Attraverso la liturgia della Chiesa cattolica in generale e di quella ambrosiana in particolare, sono giunti fino a noi una moltitudine di inni in stile ambrosiano. I ricercatori hanno cercato di trovare dei criteri per indicare quelli che, con più certezza, sono stati composti da Ambrogio. Nel 1862Luigi Biraghi ne indicava tre: la conformità degli inni con l’indole letteraria di Ambrogio, con il suo vocabolario e con il suo stile. Con questi criteri egli arrivò a selezionare diciotto inni:

  • Splendor paternae gloriae (nell’aurora)
  • Iam surgit hora tertia (per l’ora di terza domenicale)
  • Nunc sancte nobis Spiritus (per l’ora di terza feriale)
  • Rector potens verax Deus (per l’ora di sesta)
  • Rerum, Deus, tenax vigor (per l’ora di nona)
  • Deus creator omnium (per l’ora dell’accensione)
  • Iesu, corona virginum (inno della verginità)
  • Intende qui regis Israel (per il Natale del Signore)
  • Inluminans Altissimus (per le Epifanie del Signore)
  • Agnes beatae virginis (per sant’Agnese)
  • Hic est dies versus Dei (per la Pasqua)
  • Victor, Nabor, Felix, pii (per i santi Vittore, Nabore e Felice)
  • Grates tibi, Iesu, novas (per i santi Gervasio e Protasio)
  • Apostolorum passio (per i santi Pietro e Paolo)
  • Apostolorum supparem (per san Lorenzo)
  • Amore Christi nobilis (per san Giovanni Evangelista)
  • Aeterna Christi munera (per i santi martiri)
  • Aeterne rerum conditor (al canto del gallo)

Gli autori dell’edizione delle opere poetiche di Ambrogio in un volume stampato nel 1994, che ha portato a compimento l’Opera Omnia, in latino e in italiano, del vescovo di Milano, hanno ridotto questo numero certo a tredici canti, escludendo quelli per le ore minori, per i martiri e della verginità. L’esclusione va ascritta alla metrica di questi testi. Ambrogio aveva una predilezione per il numero otto. I suoi inni sono tutti di otto strofe con versi ottosillabici. Egli vedeva in questo numero la risurrezione di Cristo, la novità cristiana e la vita eterna (octava dies, l’ottavo giorno della settimana, cioè il nuovo giorno, in cui inizia l’era del Cristo). Per questi studiosi appare improbabile che egli sia venuto meno a questa preferenza e quindi quelli di due o di quattro strofe non vengono attribuiti al vescovo milanese.

Per questi storici inoltre non vi è motivo di dubitare che l’autore della melodia sia lo stesso Ambrogio dato che per loro natura questi inni nascono consostanziati alla musica. Il Migliavacca nota come Ambrogio possedesse una conoscenza musicale approfondita. Le sue opere rivelano, oltre a una perfetta conoscenza scolastica, anche una particolare propensione musicale. Egli parla dell’arte musicale con cognizione tecnica e non solo con estetica raffinatezza come il suo discepolo Agostino.

Leggende su Sant’Ambrogio

Spoglie mortali di Ambrogio e Gervasio, rivestite dei paramenti liturgici, nella cripta della Basilica di Sant’Ambrogio a Milano.

Su Sant’Ambrogio vi sono numerose leggende miracolistiche:

  • Mentre Ambrogio infante dormiva nella sua culla posta temporaneamente nell’atrio del Pretorio, uno sciame di api si posò improvvisamente sulla sua bocca, dalla quale e nella quale esse entravano ed uscivano liberamente. Dopo di che lo sciame si levò in volo salendo in alto e perdendosi alla vista degli astanti. Il padre, impressionato da tutto ciò, avrebbe esclamato: «Se questo mio figlio vivrà, diverrà sicuramente un grand’uomo!».[20]
  • Ambrogio camminando per Milano, avrebbe trovato un fabbro che non riusciva a piegare il morso di un cavallo: in quel morso Ambrogio riconobbe uno dei chiodi con cui venne crocifisso Cristo. Dopo vari passaggi, un “chiodo della crocifissione” è tuttora appeso nel Duomo di Milano, a grande altezza, sopra l’altare maggiore.
  • Nella piazza davanti alla basilica di Sant’Ambrogio a Milano è presente una colonna, comunemente detta “la colonna del diavolo”. Si tratta di una colonna di epoca romana, qui trasportata da altro luogo, che presenta due fori, oggetto di una leggenda secondo la quale la colonna fu testimone di una lotta tra Sant’Ambrogio ed il demonio. Il maligno cercando di trafiggere il santo con le corna finì invece per conficcarle nella colonna. Dopo aver tentato a lungo di divincolarsi, il demonio riuscì a liberarsi e, spaventato, fuggì. La tradizione popolare vuole che i fori odorino di zolfo e che appoggiando l’orecchio alla pietra si possano sentire i suoni dell’inferno. In realtà questa colonna veniva usata per l’incoronazione degli imperatori germanici.
  • A Parabiago, Ambrogio sarebbe apparso il 21 febbraio 1339, durante la celebre battaglia: a dorso di un cavallo e sguainando una spada, mise paura alla Compagnia di San Giorgio capitanata da Lodrisio Visconti, permettendo alle truppe milanesi del fratello Luchino e del nipote Azzone di vincere. A ricordo di tale leggenda fu edificata a Parabiagola Chiesa di Sant’Ambrogio della Vittoria e a Milano su un portone bronzeo del Duomo, gli è stata dedicata una formella.[21]

Opere

Divi Ambrosii Episcopi Mediolanensis Omnia Opera, 1527

Oratorie (esegetiche)

  • Exameron
  • De paradiso
  • De Cain et Abel
  • De Noe
  • De Abraham
  • De Isaac et anima
  • De bono mortis
  • De Iacob et vita beata
  • De Ioseph
  • De patriarchis
  • De fuga saeculi
  • De interpellatione Iob et David
  • Apologia David
  • De Helia et ieiunio
  • De Tobia
  • De Nabuthae historia
  • Explanatio in XII Psalmos Davidicos
  • Expositio in Psalmum CXVIII
  • Expositio in Lucam
  • De excessu fratris Satyri libri duo
  • De obitu Valentiniani consolatio
  • De obitu Theodosii oratio

Morali (ascetiche)

  • De virginibus o Ad Marcellinam sororem libri tres
  • De viduis
  • De perpetua virginitate Sanctae Mariae
  • Adhortatio virginitatis o Exhortatio virginitatis
  • De officiis ministrorum

Dogmatiche (sistematiche)

  • De fide ad Gratianum Augustum libri quinque
  • De Spiritu Sancto ad Gratianum Augustum
  • De incarnationis dominicae sacramento
  • De paenitentia

Catechetiche

  • De sacramentis libri sex
  • De mysteriis
  • De sacramento regenerationis sive de philosophia
  • Explanatio Symboli ad initiandos

Epistolario

  • Epistulae

Innografia

  • Hymni

Altro

  • Sermo contra Auxentium de basilicis tradendis
  • Tituli
Informazioni su diego80 (1911 Articoli)
Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus
Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: