ULTIM'ORA

Tariffe Autostradali : parte seconda. Un passo avanti

Una prima risposta dalla Società Autostrade; una seconda proposta da VBTV

nuove tariffe
Scorrendo le pagine del quotidiano locale per eccellenza del 4 gennaio 2017 mi balza all’occhio un titolo che mi interessa.
“La beffa del percorso presunto, ma arriva il rimedio”
Leggo il sottotitolo e capisco  che si sta parlando della nostra segnalazione del 7 dicembre scorso.

Parte spontaneo, prima di entrare nell’argomento, il ringraziamento alle 36.798 visualizzazioni registrate dalla nostra pagina di Facebook.
E a chi si è adoperato per cercare una soluzione a questa SITUAZIONE ANOMALA.

Bene. La società Autostrade comunica al giornalista le motivazioni di questa differenza situazione.
Cosa che ci era abbastanza chiara fin dall’inizio.
La tariffa standard è calcolata secondo il percorso minimo che un utente può fare.
Ed ecco che appunto da Bergamo e Dalmine, chilometri alla mano, il percorso più BREVE, al momento è quello che passa dalla TEEM (Tangenziale Est Esterna di Milano).
Dichiara che niente al momento può indicare quale percorso l’utente abbia fatto, non essendoci caselli intermedi sui due percorsi possibili. Anche questo è inappuntabile!
E’ allo studio un progetto che permetta la tracciatura del percorso reale tramite dei portali elettronici.
Insomma un sistema tipo TUTOR, o perché no, potrebbe proprio essere la condivisione dei suoi dati.

Il sistema andrà a regime entro il 2017.

PERFETTO! Grazie per le risposte!

Siamo ben contenti di queste affermazioni.

E vista la disponibilità della Società Autostrade, ci permettiamo si suggerire delle soluzioni temporanee.

L’AUTOCERTIFICAZIONE

IN ATTESA che i portali diventino operativi, NON E’ possibile chiedere ai “molto sporadici” utenti una specie di autocertificazione?
Arrivato dal casellante, al conducente viene chiesta una autocertificazione: DA  DOVE  SEI TRANSITATO?  TEEM   o   Brescia?
In base alla risposta, far pagare il CORRETTO corrispettivo.
Vero! Ne sarebbero penalizzati gli utilizzatori di TELE-PASS e VIA CARD.

LA TARIFFA PIU’ BASSA

La soluzione precedentemente esposta prevede comunque una modifica al software gestionale e una complicazione alle attività del casellante.
E come abbiamo già detto, ne risulterebbero ancora penalizzati gli utenti di TELE PASS, VIA CARD, e probabilmente anche gli utenti di nazionalità straniera.

Non trascuriamo che siamo in Italia: quanti sapendo l’esito della risposta diranno mai di essere passati dalla TEEM???
Dai, non prendiamoci in giro! NESSUNO!

Ed allora ecco una seconda proposta.
In attesa dell’entrata in funzione del servizio di controllo elettronico dei percorsi, APPLICARE la tariffa più bassa, quella che prevede il passaggio da BRESCIA.
Per TUTTI e INDISTINTAMENTE.
Ed andare in qualche modo in compensazione con quanto finora sborsato in più dagli automobilisti e dai camionisti.

Tanto, cosa cambia? La società Autostrade dice che sono situazioni “molto sporadiche“. Quindi il mancato fatturato non dovrebbe essere poi così alto!

BERGAMO – MONTECATINI TERME

Un nostro lettore ha segnalato una anomalia anche sulla tratta Bergamo – Montecatini Terme.
Uscire a Montecatini costa 36,60 € per un percorso di 344 km
Entrare a Bergamo e uscire a Pistoia (il casello prima se si passa da Firenze) costa 24,20 €. Con un percorso di 338 km
Entrare a Seriate e uscire a Montecatini costa SOLO 24,60 €. Con un percorso di 343 km.

Cliccando sul valore in Euro si apre il percorso calcolato dal portale Autostrade per l’Italia!

Qui, oltre ad entrare in ballo il percorso della TEEM, entra in gioco un’altra variabile.

Autocamionabile della Cisa A15  o Valico dell’Appennino Tosco Emiliano.

Cari signori della Società Autostrade. Vi chiediamo di valutare anche qui una soluzione equa.
Anche se posso pensare che i viaggiatori bergamaschi diretti a Montecatini Terme siano “molto sporadici“.

Oltre a Bergamo, QUANTI altri casi ci saranno? E’ logico pensare che siano “molto sporadici”?

CARTOGRAFIA DIGITALE

Una ulteriore richiesta vogliamo fare alla società Autostrade.
Il loro portale ha una comodissima pagina, utile per pianificare i percorsi e vedere in anticipo anche i pedaggi.
http://www.autostrade.it/autostrade-gis/percorso.do

Ebbene, per gli automobilisti che entrano a Bergamo il calcolo della tariffa funziona perfettamente.
Per le destinazioni “incriminate” la grafica non è coerente con il percorso tariffato.
L’elaborazione grafica ti fa pensare che il tuo viaggio sia programmato sulla tratta A4=>Brescia=>A21=> Fiorenzuola d’Arda=>A1=>destinazione prescelta.
Quando invece abbiamo scoperto non sia esattamente così.
Anche sulla tratta Bergamo – Montecatini Terme.

Ecco che allora chiediamo al chi gestisce il portale di porre rimedio a questa situazione. Perché qua si che forse si rischia un po’.
Fai vedere una percorso non coerente con quello che invece fai pagare!
Rimane sempre però una considerazione. Se i casi sono “molto sporadici“, la sporadicità di chi usa il portale e fa queste strade aumenta in modo esponenziale.
Quindi l’evenienza di un percorso consigliato male diventa “molto molto molto sporadicissimo” .
Spero abbiate capito che questa frase NON MI E’ PIACIUTA.

Bene, vediamo cosa dirà ma soprattutto COSA FARA’ per noi la società Autostrade.

Io vi invito a due cose fondamentali:
VIAGGIATE CON PRUDENZA, non solo in autostrada
– se andate verso l’Emilia, la Toscana, la Liguria di LEVANTE, a Montecatini Terme, entrate ed uscite al casello di Seriate.

Io nel mio recente viaggio a La Spezia l’ho fatto.
nuove tariffe
PS: io stavo guidando. La foto l’ha fatta il mio passeggero!

Potete rivedere il nostro articolo “TARIFFE AUTOSTRADALI: penalizzati Bergamo e Dalmine” cliccando qui.
Ci sarà sicuramente una TARIFFE AUTOSTRADALI – Parte Terza. Quando avremo visibilità della definitiva soluzione di questo problema.

Informazioni su Hieronymus (63 Articoli)

matematica, fisica, meccanica tradizionale, meccanica quantistica, relatività, scienza, libri, fumetti, film, musica.

Contatto: Facebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: