ULTIM'ORA

Ojmjakon – Freddo, freddissimo..di più!

Ci stiamo lamentando di questo freddo che specialmente di notte sta attanagliando questo mese di gennaio, causando gelate e ghiaccio. Tuttavia, se troppe notti sotto lo zero possono eprimere, c’è chi potrebbe essere già impazzito: sono gli abitanti (circa 800) di Ojmjakon, (ma i siti lo riportano anche con le y al posto delle j), paesino dell’estremo nord della Siberia, vicino al Circolo Polare Artico, che registra temperature più che glaciali: si narra che nel 1924 venne registrata la temperatura più bassa mai registrata sul nostro pianeta in villaggi abitati: -71,2 °. Sarà vera o no,, di certo in questo paesello sempre avvolto da neve e ghiaccio, la temperatura difficilmente nel lungo inverno artico sale al di sopra dei -50, e d’estate (tre mesi di numero) si riesce a stare anche a 22 gradi. Tra tante ricerche, anche wikipedia ne parla:

Ojmjakon (Оймякон in russo) è un villaggio localizzato presso il fiume Indigirka nel Nord-est della Repubblica di Sacha-Jacuzia nell’est della Siberia, Russia, ha circa 800 abitanti.

Descrizione

Nel linguaggio locale ojmjakon significa acqua non congelata causa la vicinanza di una sorgente calda naturale. In lingua sacha invece deriverebbe da ejumu (hэjум) che significa lago ghiacciato.[1]

Clima

Ojmjakon è uno dei candidati, insieme a Verchojansk e Tomtor, per il polo nord del freddo (i “poli del freddo” sono i posti nell’emisfero sud e nord dove è stata registrata la temperatura più bassa dell’aria) in quanto il 26 gennaio 1926 sarebbe stata registrata una temperatura di -68,2 °C secondo alcune fonti, secondo altre addirittura di -69.9 °C. Se fosse vero il secondo dato, Ojmjakon rimarrebbe tuttora il polo del freddo dell’emisfero nord; fosse invece vero il primo, i -68,2 °C di Ojmjakon sarebbero già stati superati nel 2004 dai -69,2 °C della vicina località di Tomtor. Si dice inoltre che nei primi anni del Novecento la temperatura di Ojmjakon sia scesa più di una volta sotto i -82 °C (-83 °C nel 1916); tuttavia questi ultimi dati non sono ufficiali. I dati ufficiali sono comunque opinabili dato che la temperatura non è stata misurata con apparecchiature scientifiche, ma estrapolata: infatti è stata calcolata dalle normali differenze termiche tra le zone in quelle condizioni. Questa sarebbe la temperatura più bassa mai registrata in una zona abitata. Il 18 febbraio 2013 il Daily mail riporta che nel paese si sia registrata una temperatura di -74 °C mentre la temperatura registrata ufficialmente quel giorno è stata di -54,2 °C. Il record ufficiale certificato è -67,7 °C registrato il 6 febbraio 1933 anche se da un dato estrapolato del 1926 risulta un valore di -71,2 °C. In estate invece la temperatura media è di soli 13,5 °C, cioè 22 °C massima, 5 °C minima.

Popolazione

1912: 1321
1934: 1193
1956: 946
1978: 876
1994: 850
2010: 809

Quindi, l’enciclopedia libera ci diffida dal dire che effettivamente questo paese sia il più freddo in assoluto. Ma questo articolo di centrometeoitaliano.it prova a farci chiarezza su come sia la vita in quelle zone.

Il testo non è copiabile, così vi passiamo il link completo dell’articolo del sito.

http://www.centrometeoitaliano.it/notizie-meteo/oymyakon-il-villaggio-piu-freddo-al-mondo-ecco-come-si-vive-a-71-gradi-01-01-2016-34757/

Il fotografo neozelandese Amos Chapple si è recato nella località siberiana immortalando n po’ di paesaggi perennemente ghiacciati: le foto, pubblicate ad inizio 2016, lasciano vedere qualcosa di spettrale:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Informazioni su diego80 (1949 Articoli)

Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus

Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: