ULTIM'ORA

Un’interpretazione da pelle d’oca. Il coro Primavera di Berbenno

Il 4 Gennaio scorso si è svolto nella chiesa parrocchiale di Brembilla un concerto con musiche natalizie davvero ben riuscito e molto partecipato. Oltre ai cori e alle corali della Val Brembilla ha ospitato anche una graditissima sorpresa : il coro Primavera di Berbenno. Tra i brani interpretati anche una versione da pelle d’oca della famosissima “Oh happy day”.

Il testo, cantato in prima persona singolare sebbene eseguito in genere da cori, celebra il “giorno felice” (oh happy day) in cui Gesù “lavò i miei peccati” (washed my sins away) e insegnò a “guardare, lottare e pregare” ed a essere felici ogni giorno.In Italia è erroneamente considerato un canto natalizio e legato alle celebrazioni dell’anno nuovo, a causa della pubblicità di una nota marca di vini spumanti proposta dal 1983. In realtà si tratta di un inno alla conversione, e viene solitamente cantato nelle chiese protestanti anglosassoni per il battesimo e la cresima. Ecco qui la magnifica  interpretazione del coro Primavera di Berbenno.

UN GRAZIE ENORME A FABRIZIO FUSTINONI E A WALTER GREGIS PER LE BELLISSIME RIPRESE E PER GLI ORGANIZZATORI DEL CONCERTO

 

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: