ULTIM'ORA

Ciao Gene – sei stato un grande

All’età di 82 anni il 16 gennaio 2017 Eugene Cernan ha lasciato definitivamente questa terra.

La Nasa lo ha annunciato con un Tweet.

“We are saddened by the loss of Retired NASA astronaut Gene Cernan, the last man on the moon!”

E questo accade a pochi giorni dalla dipartita di un altro grande astronauta, John Glenn, il primo pilota americano in orbita intorno alla Terra.

Gene faceva parte dei 12 uomini che hanno lasciato la loro impronta sul suolo lunare.

Ora ne sono rimasti solo 6:
Buzz Aldrin (il secondo uomo sulla luna), Alan Bean (il quarto), David Scott (il settimo), John Watts Young (il nono), Charles Duke (il decimo), Harrison Schmitt (il dodicesimo) che adesso è ultimo uomo vivente ad essere stato sul nostro satellite naturale.

Sono già volati nello spazio più profondo:
Neil Armstrong 1930-2012 (il primo sulla Luna) , Pete Conrad 1930-1999 (il terzo), Alan Shepard 1923-1998 (il quinto), Edgar Mitchell 1930-2016 (il sesto), James Irwin 1930-1991 (l’ottavo), Gene Cernan 1934-2017 (l’undicesimo).

Per chi non avesse ancora letto, il nostro articolo su Gene Cernan lo trovate cliccando QUI

Informazioni su Hieronymus (59 Articoli)
matematica, fisica, meccanica tradizionale, meccanica quantistica, relatività, scienza, libri, fumetti, film, musica.
Contatto: Facebook

2 Commenti su Ciao Gene – sei stato un grande

  1. Ultima missione Apollo, quella dei record. Record di permanenza sul suolo lunare, record di quantità di rocce raccolte, record di distanze percorse con Lunar Lander, e altri ancora. Accompagnava le escursioni lunari del comandante Cernan un nuovo soggetto, uno scienziato specializzato in geologia, primo uomo “non” astronauta e non pilota di professione, tutti gli altri furono astronauti militari provenienti dalle accademie di marina o areonautica statunitensi, prestati e addestrati per le missioni anche a compiti di geologi o scienziati alquanto improvvisati, compiti a cui seppero comunque far fronte con professionalità. Fu probabilmente un primo segno di evoluzione riguardo le missioni spaziali, che troverà poi seguito nei partecipanti (molti) alle missioni Shuttle della Nasa composte ormai in prevalenza da tecnici e specialisti in varie discipline scientifiche, non più militari di carriera ormai.

  2. Errata corrige al mio commento: trattasi del “Lunar Rover” e non “Lunar Lander”

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: