ULTIM'ORA

Osterie e taverne di ieri e di oggi – Ristorante “Tesocc”, Carminati “Pistòla”

Angelo Carminati “Pistola”, discendente della più illustre famiglia di falegnami di Brembilla, era un apprezzabile intagliatore del legno, ma la sua indole vulcanica lo portò all’inizio degli anni Settanta ad allentare l’uso di scalpello, pialla e seghe circolari per maneggiare mestoli e pentole nella sua trattoria, aiutato dalla moglie Marì Mion.

Angelo era assai eclettico perché costruì con le proprie mani il ristorante, aiutato da conoscenti, così come fece con i tavoli e le sedie che nell’ampia sala da pranzo ospitavano oltre cento avventori. Nel frattempo gestiva con il figlio Agostino anche la segheria adiacente al locale, situata in via Tesotti, (da quì il nome del locale) località d’altura della frazione di Cadelfoglia, proprio all’imbocco per i celebri “Mucc”.

I piatti serviti erano quelli della tradizione bergamasca: casoncelli, selvaggina, il classico polenta e oséi, il tacchino e altri animali da cortile, salumi e anche verdure del proprio orto.

Oltre a matrimoni e altre feste, il ristorante era sempre aperto e si danzava nella sala da ballo con la musica del juke-box o con la fisarmonica di Francesco Locatelli “Cichì”. Si giocava a carte, bigliardo e a morra.

Tra i personaggi famosi che frequentarono il ristorante ci sono i ciclisti Felice Gimondi e Gianni Motta e il chitarrista jazz Franco Cerri, che i più conoscono per essere stato negli anni ‘70 “l’uomo in ammollo” di una fortunata pubblicità televisiva del Bio Presto.

 

Nel 1983 il ristorante chiuse i battenti a causa dei problemi di salute di Angelo. Resta la segheria, gestita da Agostino, in attività tuttora.

Informazioni su diego80 (1946 Articoli)

Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus

Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: