ULTIM'ORA

Occidentali’s Karma – Sembra solo una canzonetta, ma…

E’ passato ormai un mese dall’incoronazione di Francesco Gabbani e la sua “Occidentali’s Karma”, canzone che oltre ad avere una buona ritmica ed un coinvolgimento totale grazie al balletto ideato dallo stesso Gabbani, ha suscitato anche qualche sdegno per la presenza di un uomo con un costume da gorilla sul palco del teatro Ariston. Ma soprattutto il testo, che molti non hanno capito, ritenendolo un pezzo leggero rispetto ai motivi più impegnati della Mannoia o di Albano o più rivolti al sociale come i testi di Ermal Meta e Fabrizio Moro. Ma ormai Occidentali’s karma è diventato un tormentone, suonatissimo dalle radio, canticchiato da tutti e soggetto di continue parodie che aumentano di continuo nel web. Un canzone fatta in realtà di diverse citazioni che ricordano la musica colta di Battiato, ma che Gabbani furbescamente ha inserito in un contesto più leggero. A fare l 2traduzione” dei versi di Gabbani ci ha pensato il sito della rivista GQ Italia,  che abbiamo ripreso. Gli interlink che trovate all’interno rimandano invece alla pagina wikipedia che svela da dove vengono le citazioni.

“La canzone, ve ne sarete accorti, è una critica alla mercificazione dell’Oriente che abbiamo iniziato tanto tempo fa (ve la ricordate la new age?).

Il maglione arancione indossato da Gabbani sul palco del Festival è lì a dimostrarlo: nuance spirituale per eccellenza, impressa sulle tuniche degli Hare Krishna e dei Sannyasindi Osho (gli “Arancioni”, appunto). E negli anni in cui è tutto un un fiorire di corsi di Mindfulness, derivata dalla meditazione buddista e lo yoga viene declinato in forma di fitness in palestra, la riflessione ha un suo perché. Ma lungi dal farne un trattato logico pedagogico, gli autori ci hanno messo dentro molto sarcasmo e qualche rima facile, ballabile (sempre per dar ragione all’ottimo Bennato).

Senza toccare le vette (inarrivabili) della coppia Battiato-Sgalambro (e/o Battisti-Panella), è evidente che Gabbani e Ilacqua si siano divertiti a giocare con il canone occidentale.

Il brano inizia parafrasando Shakespeare (Essere o dover essere/Il dubbio amletico) e prosegue mixando Eraclito via Platone (comunque vada Panta Rei), Marx (Tutti tuttologi col web/Coca dei popoli/Oppio dei poveri), che nella critica alla filosofia del diritto di Hegel aveva definito la religione oppio dei popoli, e Marylin (Piovono gocce di Chanel). Non solo. Uno zelante prof d’italiano,  in “umanità virtuale” potrebbe intravedervi anche un riferimento a Dante (l’espressione appare nel commento di Francesco da Buti sopra la Divina Commedia, ndr), e il suo collega di Filosofia, in quel “gli uomini cadono” trovare persino una citazione a Nietzsche (“Io amo gli uomini che cadono, se non altro perché sono quelli che attraversano”). Ma non è detto che i loro alunni sarebbero d’accordo.

Ma la citazione più importante, che ha appassionato i critici letterari è decisamente quella della scimmia nuda: si intitola così il saggio che l’etologo Desmond Morris scrisse proprio 50 anni fa, dove l’uomo viene descritto come un concentrato di istinti ereditati progenitori pelosi. Il libro all’epoca suscitò accese discussioni. Troppo determinista, si disse: secondo Morris, che è stato anche direttore dello zoo di Londra, somigliamo tanto ai nostri antenati scimmioni, tranne che per via dei peli persi lungo la strada dell’evoluzione e come loro ci piace fare le cose senza chiederci perché. Siamo, insomma, assai prevedibili. E stavolta a ricordarcelo ci pensa una canzone, che probabilmente canticchieremo proprio senza preoccuparci troppo di quello che dice, da perfetti esemplari di Homo Sanremensis.”

Essere o dover essere
Il dubbio amletico
Contemporaneo come l’uomo del neolitico
Nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo
Intellettuali nei caffè
Internettologi

Soci onorari al gruppo dei selfisti anonimi
L’intelligenza è démodé
Risposte facili
Dilemmi inutili.
AAA cercasi (cerca sì)
Storie dal gran finale
Sperasi (spera sì)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma
Piovono gocce di Chanel
Su corpi asettici
Mettiti in salvo dall’odore dei tuoi simili
Tutti tuttologi col web
Coca dei popoli
Oppio dei poveri.
AAA cercasi (cerca sì)
Umanità virtuale
Sex appeal (sex appeal)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain.
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Quando la vita si distrae cadono gli uomini.
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia si rialza.
Namasté Alé
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma

Informazioni su diego80 (1949 Articoli)

Nato a San Giovanni Bianco il 15/9/80,attualmente disoccupato,nutre una buona passione per la musica e il calcio,in particolare per la Juventus

Contatto: WebsiteFacebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: