ULTIM'ORA

I cani di Cri

I cani di Cri

 

Quanto sono piccoli i cani di Cri

Il manto peloso, il viso rotondo

di baffi e di barba guarnito

di sguardo vispo e insolente animato

piccoli vegliardi monelli

mi dice sempre guarda che belli!

 

belli lo sono quando non pisciano in giro

quando smaniano venendomi incontro

quando gaudenti mi leccano le mani

quando gli parlo in falsetto ghignando contenti

 

sono cinque terribili

uno di marmo e abuliche mosse

uno vecchio guerriero di risse ormai stanco

tre novelli virgulti pestiferi

 

mangiano bevono e abbaian sognando

di banconote vecchie ricordan le facce

di Geni antichi ritratto perfetto

piccoli Yeti in miniatura

 

Del pettine cinico odiano l’incedere

Di morsicate non fanno difetto

Spargono peli in ogni dove

Rodono gli stipiti peggio dei tarli

 

Come sono mesti i cani di Cri

nella gabbia di ferro rinchiusi in castigo

Sembrano picciotti di fronte al verdetto

Aspettando l’aria dell’ora che arriva

 

Nel nuovo recinto giocano lieti

Appoggiati alla rete si mettono in piedi

Di sembrare umani hanno gran voglia

degli umani non vedono i vizi

eppure dei loro non fanno mistero

 

quanto sono belli i cani di Cri

 

(baubau59)

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: