ULTIM'ORA

Nubifragio a Brembilla. Case sprofondate, officina invasa dalle acque.

Ci scrivono da Bergamo,

Un violentissimo nubifragio a colpito la Val Brembilla e la bassa Val Brembana.

Dalla provincia giungono gravi notizie sui danni prodotti rial nubifragio scatenatosi l’altra notte. In valle di Brembilla l’improvviso gonfiarsi dei torrenti fece straripare le acque fuori dei loro letti, arrecando gravissimi danni alla strada provinciale ed alle campagne circostanti, sradicando alberi, abbattendo muri e travolgendo numeroso bestiame.

Il torrente Brembilla, oltremodo gonfio eri impetuoso, fece rovinare la diga che serviva di presa d’acqua per il canale che serve di forza motrice al molino di proprietà Farina, posto nella località detta « Molinet » producendo gravi danni. Il materiale della diga, travolto dalle onde, invase la roggia Goggia. di dove penetrò nel canale che anima l’officina elettrica Moioli,che serve per l’illuminazione dei comuni di Brembilla e di Sedrina. Il canale rimase completamente ostruito e l’acqua, dilagando, invase l’officina e le abitazioni, facendo crollare il pavimento di due stanze del primo piano abitale dal proprietario dell’officina.

Il signor Moioli si trovava in quel momento in un salotto, occupato a mettere in salvo un pacco di valori di circa 40.000 lire; ma il pavimento di quel salotto fu tra quelli che precipitarono ed il signor Moioli, dopo di aver tentato invano di aggrapparsi al davanzale di una finestra, fu travolto dalle onde, e fu sua grande fortuna quella di poter essere salvato con grande difficoltà dagli accorsi vicini. I valori furono travolti dalle acque: gli altri abitanti della casa dovettero calarsi dalle finestre per mezzo di lenzuoli. L’officina ha sofferto danni gravissimi e la casa, nella quale si è aperta una grande fenditura, minaccia di crollare. Anche a Zogno si sono avuti gravi danni ; il torrente di Valle Grande è straripato danneggiando la strada provinciale ed il molino detto del Capo.

Alla cava di cemento presso la diga di presa costruita dalla ditta Schuckert di Norimberga * vi furono seri guasti ed il passaggio è rimasto interrotto. Numerose frane manifestatesi un poco da per tutto, hanno in più parti invasa la strada e prodotti danni alle campagne ed alle abitazioni. In seguito ai guasti prodotti all’officina elettrica, i paesi di Brembilla e di Sedrina rimarranno per un pezzo privi di luce.

 

  • Riferimenti cronologici: 1901 – Contesto: Sulla sponda destra del fiume Brembo – Note: Costruita dalla ditta Schuckert, era ed è alimentata da un canale con
    sbarramento a monte dei Ponti di Sedrina (La Società Elettrica Bergamasca era nata nel 1916 dalla fusione della Prealpina con la Soc. Bergamasca per la distribuzione di energia elettrica). Ora centrale idroelettrica Clanezzo Brembo dell’ENEL. Fu la prima in Val Brembana e costituiva allora una struttura all’avanguardia trattandosi di una centrale a generazione di pompaggio, utilizzando la stessa acqua sia di giorno sia di notte.

Corriere della Sera

Brembilla 6 Settembre 1901

 

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: