ULTIM'ORA

Eccellenze brembillesi : Matteo Belotti trionfa a concorso di composizione

Matteo Belotti, 26 anni, vince il II Concorso di Composizione Paolo Arzano manifestazione svoltasi all’interno dell’ International Jazz Day promossa dall’ UNESCO.

Il  30 aprile, data ufficiale dell’International Jazz Day in cui in tutto il mondo a partire da San Pietroburgo, designata dall’UNESCO città dell’anno per il JAZZ DAY, si celebra il jazz appunto quale musica di inclusione e apertura sociale e culturale. A Bergamo all’Auditorium di Piazza della Libertà a Bergamo a partire dalle ore 20 si sono alternate una trentina di formazioni. È stata un’occasione non solo di riflessione sulla vivacità culturale della comunità jazzistica bergamasca ma l’opportunità di presentare e sperimentare nuovi progetti musicali nuovi, spesso nati per l’occasione del Jazz Day.

Il Brano :

Matteo, insieme al Kaleido Trio, ha trionfato con il brano Phrygana

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qui nella leggendaria Take Five :

Bergamo per l’International Jazz Day è dedicato alla figura di Paolo Arzano, giornalista, fondatore del Festival Jazz di Bergamo, cronista sportivo, uomo di cultura, scomparso nel 2015.

Paolo Arzano ha dedicato una buona parte della sua attività giornalistica alla musica jazz che da passione musicale si è via via trasformata in un’attività professionale. Fondatore grazie all’azienda Autonoma del Turismo della Rassegna Internazionale del Jazz, poi Bergamo Jazz, denominazione data dallo stesso Arzano, ha avuto l’opportunità di invitare i grandi nomi del jazz mondiale a Bergamo. “Pensava che il jazz, sarebbe diventato il genere musicale di maggior rilievo nella nostra vita. Il cinema, la pubblicità usano da decenni il jazz.” – commenta la moglie Carla Arzano – “Le persone non si rendevano ancora conto di quanto questo genere musicale facesse parte di noi e quanta influenza eserciti su tutti gli altri generi di musica e Arzano condivideva con altri importanti studiosi questa tesi: dal jazz nascono tutti i generi moderni in una catena che arriva fino al rock”.

Fra le idee vincenti di Arzano va registrata quella di far incontrare i grandi musicisti per lo più americani, patria del genere, con quelli italiani e poi con i primi artisti locali che si affacciavano sulla scena jazzistica: Gianluigi Trovesi, Gianni Bergamelli, Claudio Angeleri, Tino Tracanna tra i tanti. Ciò serviva alla crescita artistica, ma anche alla formazione di un pubblico che andava fidelizzato e alla crescita degli artisti locali che a loro volta sarebbero stati invitati nei festival stranieri. Oltre al festival, momenti clou dell’attività jazzistica, venivano promossi, nel corso dell’anno, decine di concerti anche nei paesi di provincia, nelle fabbriche, nelle sale dei ridoranti, nei locali notturni in testa il Bobadilla. “Ora pare tutto scontato, – sottolinea Gianni Bergamelli- “ma lo stupore suscitato da un gruppo di musicisti neri in un cinema di periferia all’inizio degli anni Settanta era palpabile. E’ stata un’opera lunga, paziente, laboriosa e a tratti anche personalmente dispendiosa e di capillare diffusione di conoscenza e di amore per la musica jazz”. Arzano ha donato le sue collezioni di jazz, la prima alla biblioteca Tiraboschi di Bergamo, la seconda a Clusone Jazz e la più recente, interamente, su CD al CDpM ove viene utilizzata quale strumento didattico

 

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: