ULTIM'ORA

L’estate di Cadelfoglia

L’avvento dell’estate, si sa, è sinonimo di molte cose che riguardano con lo stare all’aria aperta … Così già nel primo week end della bella stagione, Cadelfoglia si veste a festa con la 37° festa delle contrade. Un fine settimana lungo, che già da mercoledì tiene impegnati volontari e “tombolari”. La festa delle contrade si conclude domenica sera, 24 giugno, dopo cinque giorni a tutta “birra” e molta soddisfazione per l’ottima riuscita della festa.

Si continua, domenica sera 15 luglio, con la celebrazione della Madonna del Carmine, molto sentita e partecipata; per finire, giovedì 16 agosto, con la ricorrenza di San Rocco, anch’essa svoltasi con sentimento e partecipazione. Il tutto incorniciato dal magnifico luogo, ove anche la musica, della banda di Brembilla per il primo e Vedeseta il secondo, restano sospese sino al primo soffiar di vento autunnale. Al rinfresco, organizzato dal Club Amici Atalanta che, ormai da ben 42 anni tiene in piedi la vitalità della contrada, tra una cantata e l’altra si fa buio. Alzando la testa al ciel nel lubrificar l’ugola, la luna consiglia sogni al miel … Salutandoci, inconsciamente, ci si da appuntamento all’evento che verrà.

Foto Madonna del Carmine:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Foto San Rocco:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Foto festa Cadelfoglia:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Informazioni su Author999 (40 Articoli)
Sono nato a Bergamo nel 1978; vivo a Brembilla con mia moglie e i miei due bellissimi bambini, dove sono cresciuto e dove lavoro come operaio. Sin da piccolo ho presentato una grande passione per la musica e dall’età di dodici anni ho iniziato a suonare il trombone a tiro, più tardi il basso elettrico. Questa mia passione si è poi, col tempo, arricchita da un’improvvisa ispirazione per la scrittura, che mi ha portato a condividere i pensieri, leggeri e pesanti e profondi che il buco nella mia anima ha portato a galla. Prima, però, benedico la pagina bianca che per prima ha sempre voluto, saputo e sempre saprà ascoltare i miei lamenti rimbombanti in labirinti di parole, amare ma dolci, basse ma alte, brevi ma infinite, nero su bianco ma coloratissime. Ha asciugato le lacrime della sofferenza.

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: