ULTIM'ORA

Il primo uomo sulla luna? Un Francese.

Noi e la Luna.

Ma come? Non lo sapete? il primo uomo ad andare sulla Luna fu Cyrano de Bergerac.
E dopo di lui ci sono state altre tre spedizioni. la più fallimentare fu quella di Jules Verne. La più celebrata quella di George Méliès.

Quante volte siamo rimasti a guardare la Luna con il naso all’insù?
Quante volte ci siamo lasciati affascinare dalla sua splendida mutabilità?
E vogliamo parlare di quando da il meglio di se, giocando con la nostra stella, il SOLE, dove entrambi nel loro danzare si oscurano l’uno con l’altra?

Possiamo senza dubbio di sorta pensare che è l’oggetto che tutti gli esseri umani transitati sul nostro pianeta hanno avuto modo di ammirare?
Come noi, che abitiamo in tempi moderni e dove tutto è noto, così anche le antiche popolazioni si sono lasciate coinvolgere dai suoi cicli e dalla sue fasi.
Alcuni alla ricerca di una spiegazione razionale sulla sua natura e sulla sua mutabilità.
Molti altri semplicemente incantati da questa sfera magica.

Poi un bel giorno un certo Cyrano de Bergerac , il primo vero uomo sulla Luna, ci tramanda di come lui abbia avuto la possibilità di visitare questo mondo fantastico, non esita a descriverci i suoi abitanti dalla dentatura larga e dal naso lungo, e di come sfruttando i lodo denti a guisa di meridiana, ti sanno dire in qualsiasi momento che ora è.
Lui scappa però da “Gli stati e gli imperi della luna” perché viene scambiato per uno struzzo e lo vorrebbero rinchiudere in una uccelliera.
E’ l’anno 1657 quando tutto questo viene divulgato al mondo intero.
Si dovrebbero festeggiare in questi giorni i 362 anni da quando si è saputo del primo uomo che ha toccato il suolo LUNARE.

Più avanti tocca a Jules Verne. Ci racconta come sia possibile mandare un uomo sulla superficie di SELENE. Basta costruire un grande cannone e sparare un proiettile con dentro tre uomini (e due cani).
Ed il gioco è fatto. Non è mia intenzione spoilerare chi non ha ancora letto il libro, ma anche qui è partito un messaggio della serie “Baltimora, abbiamo un problema!”.
Il resto se già non lo sapete ve lo dovete scoprire leggendo il fantastico libro “Dalla Terra alla Luna”, pubblicato per la prima volta nel 1865.
L’epica impresa ha un suo seguito nel 1870 nel libro “Intorno alla luna”. Il sequel che conclude il secondo tentativo dell’uomo di mettere piede sul nostro satellite.

Sarà solo nel 1901 che grazie alla scoperta della CAVORITE che qualcuno riuscirà di nuovo in questo intento!
Due amici riescono a mettere a punto una navicella fabbricata con questa sostanza, la cavorite, capace di schermare la gravità.
Per quanto abbiate studiato sui libri di storia sono il sig. Cavor e il sig. Bedford il secondo e il terzo terricolo a toccare il suolo lunare! E saranno i primi a raccontarci come è andata.
Anche in questo caso, se volete saperne di più cercate il libro “I primi uomini nella Luna” di G.H. Wells.

Ma è grazie a George Méliès che il progetto iniziato da Cyrano viene documentato per intero. Il video di un uomo sulla luna. E siamo già nel 1902.
Una documentazione eccezionale!
Un video che ci testimonia tutti i preparativi e le prime immagini del lato nascosto della Luna. Quello che da quaggiù non si riesce a vedere.
Questo filmato super tecnologico lo potete trovare su YouTube cliccando qui .

Ma molti e molti altri, tra il 1902 e il 1969, sono riusciti
a toccare il suolo lunare!

Quindi, non veniteci a raccontare che oggi, 20 luglio 2019, ricorre il 50° anno del primo sbarco umano sulla Luna!
Smettetela di dire che un certo Neil Armtrong e il suo compare Buzz Aldrin, nel 1969, hanno fatto personalmente un piccolo passo, ma che questo è stato un gigantesco balzo per l’umanità!

Buzz Aldrin

Ma smettetela davvero!
Il vero passo da gigante lo hanno fatto tutti coloro che, penna alla mano hanno saputo trasportare  chiunque abbia letto le loro opere. Maestri dello scrivere che hanno saputo farci immedesimare nei protagonisti dei loro racconti e con molta apprensione e coinvolgimento ci hanno portato sulla LUNA.

E, attenzione, non ci hanno portato solo sulla Luna, ma girare intorno al Sole, andare su Marte e su Venere sono ormai delle una banalità.
Una passeggiata sulle Lune di Giove la si fa quando si vuole.
E abbiamo gente che è andata effettivamente a vedere cosa è successo al largo dei bastioni di Orione! Senza farselo spiegare da un replicante.

Insomma! Per noi che  ci facciamo affascinare dalla Fantascienza, la Luna è stata la prima tappa per i nostri viaggi.

Questi viaggi ci portano già adesso molto più lontano: 

Verso l’infinito!
E oltre!

Informazioni su Hieronymus (82 Articoli)
matematica, fisica, meccanica tradizionale, meccanica quantistica, relatività, scienza, libri, fumetti, film, musica.
Contatto: Facebook

Rispondi

UA-76292238-1
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: